La compagnia teatrale “Confine Incerto” al “Roma Fringe Festival” con “Lamagara”

10371417_1434879006769523_1214856507714426069_nLa compagnia teatrale Confine Incerto è stata selezionata per partecipare alla terza edizione del Roma Fringe Festival con il Progetto Lamagara, un monologo scritto (insieme ad Emilio Suraci), adattato ed interpretato da Emanuela Bianchi, che andrà in scena il 30 giugno alle 20.30, l’1 luglio alle 23.30 e il 3 luglio alle 22.00 (Palco C, Villa Mercede, Via Tiburtina 113, Zona San Lorenzo). Confine Incerto nasce a Catanzaro nella primavera del 2004 come associazione culturale senza fini di lucro, con l’obiettivo di portare avanti l’idea di un teatro interattivo e itinerante, fuori dagli spazi convenzionali e aperto alla sperimentazione di nuovi linguaggi attraverso performance contestuali, studiate ed elaborate per precisi luoghi e/o opere. A partire dal 2007 comincia ad approfondire la ricerca di landesteather e performance elastica, oltre alla sperimentazione del teatro -danza ideato da Marta Ruìz (Adra Danza – Bogotà), basato sullo studio di elastici in movimento, disciplina che le attrici di Confine Incerto hanno perfezionato studiando l’armonia del corpo nei suoi spazi; tale relazione tra diversi linguaggi ha dato vita ad un’attività teatrale che nel corso degli anni si è definitivamente caratterizzata nel portare in scena spettacoli originali e potentemente simbolici.

Emanuela Bianchi
Emanuela Bianchi

Lamagara si fa portavoce di un teatro contemporaneo antropologico e sensoriale, legato ai valori della narrazione e della memoria storica e culturale. Calabria, 1769. Cecilia Faragò è l’ultima fattucchiera processata per stregoneria nel Regno di Napoli, processi che grazie a lei e alla sua battaglia non saranno più celebrati in tutto il sud. Con lei muoiono i segreti della terra in un luogo del mondo in cui la terra è potere. Chi è la magàra Cecilia? Fata o strega, lucifera, portatrice del sole o della luna, donna infine e prima di tutto.
Che si appropria della forza tellurica dal ventre del mondo e ne fa decotto di erbe, credenza, maleficio. Lamagara è la donna che pensa, che guarda troppo avanti, che sospetta, che non crede a niente.
La strega a cui il mondo chiede di nascondere le sue ipocrisie, per poi lapidarla per le sue stesse colpe. Una microstoria che si affaccia dal passato, un urlo di redenzione da quel mondo di storie disperse che formano la memoria negata del genere femminile.

10416970_1439431026314321_8460443923947661377_nProfetessa dell’uguaglianza e donna irregolare di un Mediterraneo arcaico, viscerale, erotico, fatto di magismo, superstizione e divinazione, domina la natura aspra della terra, dei suoi frutti, dell’acqua, del fuoco.
Vengono messi in scena i luoghi eterni della generazione e dell’eros, della diffusività maternale di vita, morte e reificazione in corpore feminae. Non un semplice monologo, ma un’interazione di voci della storia, sommerse nell’oblio di un presunto peccato, che si elevano, con il personaggio di Cecilia, verso la luce, a smascherare il doppio volto della verità dell’uomo, le pieghe della sua quotidiana magia.
Un linguaggio denso e terrestre come humus, impastato di un materiale verbale pieno e screziato dove il corpo è utilizzato come strumento della narrazione che coinvolge lo spettatore in una esperienza sensoriale potente, poetica e parossistica. Lo sguardo di Emanuela Bianchi diventa parola, genesi, riscatto di una verità selvaggia, processata dalla storia.

*************************
Le principali rappresentazioni di Confine Incerto

Dennis Oppenheim, "Electric Kisses", Parco Internazionale della Scultura (CZ, museomarca.info)
Dennis Oppenheim, “Electric Kisses”, Parco Internazionale della Scultura (CZ, museomarca.info)

Mito (2012, regia Emanuela Bianchi e Serafino Mazzei), spettacolo teatrale per ragazzi ispirato al mito dell’origine narrato da Ovidio. Link’s Lines (2010), video performance presentata presso il Centro polivalente di Catanzaro ed ispirata alla campagna SenzAtomica per l’abolizione delle armi nucleari. Architetture Elastiche, performance ideata per lo scultore Dennis Oppenheim e presentata, il 14 novembre 2009, al Parco Internazionale della Scultura di Catanzaro, alla presenza dell’autore, durante l’istallazione delle sue opere Electric Kisses. Cassandra, performance di teatro danza presentata il 3 ottobre 2009 al MARCA (Museo di Arte Contemporanea) di Catanzaro, ispirata al caso delle navi dei veleni scoppiato in Calabria a seguito del riconoscimento di aree radioattive e del ritrovamento di relitti affondati nel Tirreno.
Lungo le Vie della Seta (2009), performance di teatro itinerante e teatro danza ispirata al tema dei Viaggi della seta dall’Oriente all’Occidente e presentato in occasione del Calabria Film Festival. Semasia, l’universo in Cassandra (2009, regia Marta Ruiz -Adra Danza Bogotà-), con Emanuela Bianchi, Lubì, Andrea Amoroso, Anna Broccardo, Giuliano Cirillo, Silvia Santoro. Spettacolo di danza teatro ispirato ai testi Cassandra e Premesse a Cassandra di Christa Wolf. Racconti dal resto del mondo (2004 – 2007, regia Ettore Capicotto) con Emanuela Bianchi e Climacus. Spettacolo teatrale con le musiche dal vivo del gruppo Climacus (etnojazz calabrese) ispirato al tema della nostalgia del ritorno. Dissolvenza incrociata (2006, di e con Emanuela Bianchi). Spettacolo di teatro e danza elastica con musica dal vivo del Maestro F. Peronace (contrabbasso), ispirato alle Cosmicomiche di Italo Calvino.

************

Emanuela Bianchi
Emanuela Bianchi

Emanuela Bianchi (Catanzaro, 1976) è un’attrice e sceneggiatrice teatrale che ha fatto del teatro la sua passione di sempre. Dopo una laurea in Sociologia ad indirizzo antropologico, infatti, ha frequentato a Roma laboratori di teatro con Enrique Vargas, regista e sperimentatore, fondatore del Teatro de Los Sentidos, al cui interno ha sviluppato un linguaggio performativo che la accompagnerà in tutto il suo percorso artistico, specializzandosi in teatro interattivo, sensoriale, dell’azione fisica e studiando drammaturgia, recitazione e impostazione vocale, impostazione ritmica, teatro danza, costruzione scenica.
Specializzazioni che perfezionerà grazie agli anni di lavoro sperimentale a fianco di personaggi chiave del teatro contemporaneo come il regista e sociologo Paolo Vignolo (Ecole des hautes ètudes en sciences sociales) e la danzatrice coreografa Marta Ruìz (Adra Danza, Colombia). In seguito alla frequentazione del laboratorio condotto dall’Associazione Residui Teatro di Roma, l’attrice dal movimento del corpo passa allo studio della luce, con ricerche sulla drammaturgia dello spazio, la presenza scenica della voce e del canto, sui mutamenti di stato corporei e la gestione emotiva, sulla percezione individuale del luogo.

10356309_1435803893343701_1582604096637611478_nAttraverso una serie di workshop sia in Calabria che nella capitale ha perfezionato anche le competenze tecniche di scena come fonico di ripresa e di missaggio per l’audiovisivo, mentre la sua carriera proseguiva sulla strada del teatro danza con Marta Ruìz e lo studio della ritmica e della musica applicata al teatro.
Grazie alla professionalità acquisita, Emanuela Bianchi diventa presto animatrice culturale del territorio calabrese, progettando laboratori volti all’approfondimento professionale di tecniche teatrali e collaborando con molte associazioni culturali e sociali come il Centro Calabrese di Solidarietà, Meristema, Edizione straordinaria, Officina teatrale e Scenari visibili. A questa consolidata esperienza si aggiunge l’insegnamento ai non professionisti del settore, il coordinamento di numerosi progetti europei per l’insegnamento delle tecniche di recitazione, dizione, teatro-danza, lettura creati va e teatrale, comunicazione integrata sia presso centri giovanili che istituti didattici oltre a un corso di formazione teatrale per insegnanti.

deadormeNel 2004 fonda l’Associazione culturale Confine incerto, della quale è direttore artistico e che ha portato in scena numerosi spettacoli. La sua attività di regista ha dato vita a lavori come Infiniti ritorni: Alvaro racconta, spettacolo itinerante presentato al complesso monumentale di San Giovanni di Catanzaro, e Invisibili, spettacolo ispirato all’ Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters. Coordinatrice teatrale di centri di animazione culturale come il Caffè delle Arti di Catanzaro presso il Centro Polivalente per i giovani, la sua sperimentazione si proietta verso la continua ricerca nella comunicazione teatrale intesa in tutti i suoi aspetti: dalla capacità di costruire un’armonia tra il corpo e lo spazio al potere della voce, della musica e del movimento per l’equilibrio della persona, all’importanza sociale, storica e antropologica dell’insegnamento e della lettura teatrale. È solo di qualche anno fa (2010) il coordinamento di un progetto di teatro terapia di forte impatto sociale presso la Casa circondariale di Vibo Valentia, iniziativa intrapresa a seguito del progetto di teatro terapia TRU (teatro rivoluzione umana). Lamagara è la sua più recente performance.

*************

10305947_10204385701549554_1556541833690389652_nRoma Fringe Festival
Torna dal 7 giugno al 13 luglio – con il Patrocinio del Municipio Roma II – il Roma Fringe Festival, grande vetrina italiana del teatro e dello spettacolo indipendente che ospiterà quasi 100 proposte artistiche nazionali e internazionali per un’estate di spettacolo rigorosamente dal vivo.
In questa terza edizione, coordinate da una squadra di lavoro affiatata e under 35, 72 compagnie teatrali provenienti da Italia, Belgio, Inghilterra, Francia e Stati Uniti e decine di stand up comedians si sono autoprodotte per dare vita a una kermesse unica, in grado di offrire al variegato pubblico affezionato un altrettanto variegato cartellone tra teatro canzone, commedia, dramma, teatro civile, danza e stand up comedy all’insegna della libertà e dell’indipendenza artistica, parole chiave, anche a distanza di anni, di una kermesse che, nata come una sfida da parte di un gruppo di giovani produttori e autori teatrali, si è poi trasformata in un appuntamento atteso e unico nel suo genere.

Davide Ambrogi (lifetelevision.it)
Davide Ambrogi (lifetelevision.it)

“Anche nel 2014” ha dichiarato l’ideatore e Direttore Artistico Davide Ambrogi, “sempre più prorompente, il turbine artistico delle compagnie del Fringe porterà i cittadini a scoprire il teatro più genuino, quello lontano dai grandi palchi mainstream, e più che mai fatto di lavoro e sacrificio quanto di gioco, passione e sogno; consigliato a chi segue il teatro, a chi lo ama, ma soprattutto a quelli che hanno sempre pensato di poterne fare a meno”. Dal 7 giugno al 13 luglio, si parte ogni giorno alle 19.30 con il mercato bio, eco, regionale e vintage (a cura di Mente Collettiva), per poi proseguire dalle 20.30 a mezzanotte con nove spettacoli a sera: un’offerta ampia che trasforma il festival in svago per famiglie, studenti, appassionati e un pubblico più “alternativo”. Come sempre, insieme alle proposte più indipendenti, saranno ospiti anche i big Fringe italiani, che offriranno spettacoli gratuiti tutti i fine settimana.

Le foto a corredo dell’articolo ritraenti Emanuela Bianchi sono tratte dalla pagina Facebook Lamagara


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.