Archivi del giorno: 2 settembre 2018

Come la prima volta

Oscar (Luciano Virgilio) e Beatrice (Giusi Merli), una coppia di anziani coniugi.
Un passato, rispettivamente, di fotografo e pianista, una vita trascorsa insieme, tanto amore dato e tanto amore ricevuto, che il tempo col suo scorrere inesorabile non può cancellare, anche se Beatrice, la mente sconvolta dall’Alzheimer, non riconosce più quell’uomo che ogni mattina si premura di andarla a trovare nella struttura in cui è ricoverata, colmandola di affettuose attenzioni, come una torta per il suo compleanno.
Oscar osserva le fotografie che li ritraggono insieme in tanti momenti felici, sembra non volersi arrendere all’incedere impetuoso degli anni che muta improvvisamente ogni cosa e sciupa anche quei bei ritratti, pur se ora vi è il digitale, idoneo a mantenere l’aura di un’illusoria immutabilità, almeno fino a quando il computer non verrà rubato e Beatrice chiuderà gli occhi per sempre.
Ad Oscar resterà però la sottile gioia consolatoria del rammentare la donna amata, anche con l’ausilio di un registratore col quale riascoltare i loro discorsi, serbando nel cuore, d’altronde ritenuto dagli antichi organo depositario della memoria, quel sentimento travolgente che li vide insieme la prima volta …  Felice allora io che amo e sono amato lì, di dove non mi muoverò, né sarò rimosso  (William Shakespeare, Sonetto 25, verso 13-14). Continua a leggere