Archivi del mese: gennaio 2019

Bungaro, “Oggi mi sento profondamente felice per tutte le scelte volute, pensate, sofferte e desiderate”

Nell’occasione della tappa in Calabria del suo Maredentro Tour, che andrà in scena sabato 19 gennaio alle ore 21 sul palco dell’LSS Theater di Polistena (RC), ho avuto modo d’intervistare il musicista e cantautore Bungaro, artista raffinato e poliedrico, le cui canzoni sono state spesso portate al successo da importanti interpreti femminili del panorama musicale italiano e internazionale (Ornella Vanoni, Fiorella Mannoia, Malika Ayane, Giusy Ferreri, Emma Marrone, Daniela Mercury, Miùcha Buarque de Holanda, Paula Morelembaum, Ana Carolina, Kay McCarthy). Inoltre ha scritto e collaborato con Gianni Morandi, Raf, Marco Megoni, Neri Marcorè, Paola Cortellesi, senza dimenticare le numerose collaborazioni internazionali, come quelle con Youssou N’Dour (Senegal), Omar Sosa (Cuba), Guinga (Brasile) o il duetto del 2012 con Ivan Lins (Brasile) per il progetto Inventa Rio, disco che ha ricevuto una nomination  ai Latin Grammy Awards nel 2014 . Continua a leggere

Milano, MIC- Museo Interattivo del Cinema: “Semplicemente Godard”

Jean-Luc Godard (Il Fatto Quotidiano)

Da oggi, giovedì 17 gennaio, e fino a sabato 2 febbraio, al MIC – Museo Interattivo del Cinema, Fondazione Cineteca Italiana presenta Semplicemente Godard, una rassegna  dedicata al grande regista francese, Jean-Luc Godard (1930), volta a riproporre 13 suoi capolavori degli anni Sessanta, decennio in cui rivoluzionò il linguaggio cinematografico realizzando opere di forte valore innovativo come Vivre sa vie, À bout de souffle, Le Mépris. Esponente di rilievo della Nouvelle Vague, la “nuova onda” del cinema francese che prese piede tra la primavera del ’59 e l’autunno del ’63, spazzando via l’accademismo ereditato dagli anni ’30 e sostenendo la “politica degli autori”, i diritti del regista quale padrone assoluto del linguaggio cinematografico, Godard ha fin dagli esordi espresso un modo diverso di “fare cinema”, libero da costrizioni, sanamente creativo, circoscritto, sempre e comunque, all’interno di un concreto e compiuto percorso artistico, capace di coniugare autorialità e limpidezza espositiva, ma anche di rinnovarsi costantemente, alla luce dei mutamenti sociali e delle nuove frontiere dell’audiovisivo, restando comunque fedele alla propria poetica di stile. A testimonianza di quanto scritto, ecco il suo ultimo lavoro, Le Livre d’image, presentato in concorso durante l’ultima edizione del Festival di  Cannes, mai distribuito in Italia, proiettato in anteprima italiana allo scorso Milano Film Festival, la cui collaborazione ne ha permesso l’inserimento in cartellone: un film sperimentale, un lavoro di montaggio di storia del cinema e Storia recente, tra Olocausto e orrore contemporaneo, tra mondo arabo e mondo occidentale. (Fonte parziale: comunicato stampa)

Roccella Jonica (RC), “Pagine in Technicolor” III Edizione: un omaggio al musical

Dove la parola manca, là comincia la musica; dove le parole si arrestano, l’uomo non può che cantare” (Vladimir Jankélévitch)

Dopo il successo riscontrato negli anni precedenti, la III Edizione di Pagine in Technicolor, rassegna cinematografica organizzata dall’associazione culturale Tratti in libertà e dal Circolo di Lettura dell’ARAS, con la collaborazione del Comune di Roccella Jonica,  presenta per il 2019 un omaggio al musical attraverso cinque film, che ne illustreranno l’evoluzione e la varietà delle proposte nel corso degli anni.
La rassegna prenderà il via venerdì 18 gennaio, alle ore 18.00, all’ex Convento dei Minimi di Roccella Jonica (RC), in base al calendario illustrato di seguito; presentazione e commento a cura di Rossella Scherl e Antonio Falcone. Continua a leggere

Il Gattopardo (1963)

(Pinterest)

Sicilia, estate 1860. Don Fabrizio Corbera, Principe di Salina (Burt Lancaster), è intento ad officiare il Santo Rosario, alla presenza di Padre Pirrone (Romolo Valli) e dei componenti della nobile famiglia che risiedono nella ricca dimora. Sono giorni di grande tumulto, i Mille di Giuseppe Garibaldi hanno fatto sbarco sull’isola, l’eco sanguinoso della battaglia giunge anche nel giardino del palazzo, dove viene rinvenuto un soldato morto. Ma non è solo questo tragico episodio a far sì che il Principe comprenda quanto i recenti accadimenti siano ormai prossimi a mutare l’attuale stato delle cose: l’amato nipote Tancredi Falconeri (Alain Delon), infatti, lo rende edotto, entusiasta, del suo arruolamento fra le fila dei garibaldini; Palermo è in rivolta e l’annessione allo Stato Sabaudo può dirsi prossima, evento quest’ultimo, a dire del giovane, apportatore di grandi novità  per la regione, occorre saperlo sfruttare. Lo zio ascolta pensieroso ed infine ne approva il comportamento, ormai rassegnato al rapido incedere di un’era inedita, la quale recherà con sé certamente un sentore d’innovazione, almeno per i primi tempi, per poi assestarsi sul consolidamento di una consuetudinaria immutabilità, ovvero uomini nuovi al comando ed inveterati accomodamenti nella gestione del potere. Continua a leggere

La grande illusione

Viva il lupo!

Uno crede di portare fuori il cane a fare pipì mezzogiorno e sera.
Grave errore: sono i cani che ci invitano due volte al giorno alla meditazione
. (Daniel Pennac)

View original post

69ma Berlinale: l’Italia in gara con “La paranza dei bambini”, di Claudio Giovannesi

Claudio Giovannesi (Corriere del Mezzogiorno)

L’Italia sarà in gara alla 69ma Berlinale (7-17 febbraio) con La paranza dei bambini, il nuovo film diretto da Claudio Giovannesi, tratto dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano, autore della sceneggiatura insieme al regista e Maurizio Braucci. Direttore della fotografia è Daniele Ciprì, gli interpreti sono Francesco Di Napoli, Viviana Aprea, Mattia Piano Del Balzo, Ciro Vecchione, Ciro Pellecchia, Ar Tem, Alfredo Turitto, Pasquale Marotta, Luca Nacarlo e Carmine Pizzo. L’uscita nelle sale è prevista a marzo. Qui gli altri titoli annunciati, anche in altre sezioni; la conferenza stampa di presentazione della 69ma Berlinale avrà luogo il 29 gennaio.

BAFTA Awards 2019, le candidature

Sono state rese note oggi, mercoledì 9 gennaio, le candidature relative ai BAFTA Awards, British Academy of Film and Television Arts, anche noti come “Oscar britannici”, la cui 72ma cerimonia di premiazione si svolgerà il prossimo 10 febbraio alla Royal Albert Hall di Londra. La favorita di Yorgos Lanthimos consegue 12 candidature, mentre a quota sette troviamo Bohemian Rhapsody, First Man – Il primo uomo, Roma e A Star is Born. I nostri colori sono rappresentati da Dogman di Matteo Garrone, presente nella  cinquina per il miglior film in lingua non inglese. Qui potete leggere l’elenco completo delle candidature.