Archivi categoria: Musica

“Radio Roccella Rock Contest Festival”, al via questa sera la II Edizione

Tutto pronto per la prima serata del Radio Roccella Rock Contest Festival II Edizione: questa sera, sabato 16 marzo, al Tiche Bar, Largo Don Molinero, di Roccella Jonica (RC), dalle ore 22.00, spazio a cinque esibizioni, fra gruppi e solisti, all’insegna del rock più puro e coinvolgente, assecondando l’energia universale e condivisa scaturente dalla buona musica: Antonio Ardizzone, Michael Marzano, Two Legs Bad, Heavens Above!, Monster Lobster; a presentare la serata, che potrà essere seguita in diretta audio sui canali di Radio Roccella, (FM 94,800, streaming, video Facebook, YouTube, e Ustreaming), con la collaborazione di Radio Valentina e Radio Eco Sud, sarà la cantante e psicologa Manuela Cricelli, mentre i commenti saranno a cura di Tony Lombardo e le interviste vedranno impegnati Nicola Procopio e Pino Gagliano. La prima serata del Radio Roccella Rock Contest Festival verrà ripresa dalla telecamera di Maurizio Nardi ed immortalata negli scatti dei fotografi Pino e Chiara Curtale; all’opera poi, in qualità di corrispondenti, gli studenti del Liceo Classico Ivo Oliveti di Locri (Istituto d’Istruzione Superiore Oliveti – Panetta), con la collaborazione del giornalista Antonio Falcone, il tutto coordinato dal direttore artistico Ilario Ieraci, con l’assistenza tecnica di Giuseppe Chiera e Dario Mammone.

Roccella Jonica (RC): sabato 9 febbraio la presentazione della II Edizione del “Radio Roccella Rock Contest”

Sabato 9 febbraio nella sala del Tiche Bar di Roccella Jonica (RC), alle ore 19, avrà luogo la conferenza stampa di presentazione della II Edizione del Radio Roccella Rock Contest, festival per solisti e gruppi musicali emergenti indetto da Radio Roccella in collaborazione con il Comune di Roccella Jonica, Tiche Bar, Live Music Audio&Luci e Tana Studio, volto ad accogliere artisti provenienti dalla Calabria e dal resto d’Italia, non vincolati da contratto discografico/editoriale in corso o relativo alle successive  pubblicazioni.
Alle ore 22 spazio al concerto di Claudio Cojaniz & DK Blues Band (Francesco De Marco, Edi Cappelletto, Oriano Ferini), all’interno dell’ex Convento dei Minimi. Il Radio Roccella Rock Contest, la cui precedente edizione è stata accolta da un successo sempre crescente di pubblico e di critica, raggiungendo notorietà anche oltre i confini locali, andrà a svolgersi (le date saranno comunicate nel corso della conferenza stampa), meritoriamente, in un periodo a volte avaro di manifestazioni culturali, rinnovando l’importante sinergia instaurata fra pubblico e privato per la sua fattiva realizzazione. Continua a leggere

Bungaro, “Oggi mi sento profondamente felice per tutte le scelte volute, pensate, sofferte e desiderate”

Nell’occasione della tappa in Calabria del suo Maredentro Tour, che andrà in scena sabato 19 gennaio alle ore 21 sul palco dell’LSS Theater di Polistena (RC), ho avuto modo d’intervistare il musicista e cantautore Bungaro, artista raffinato e poliedrico, le cui canzoni sono state spesso portate al successo da importanti interpreti femminili del panorama musicale italiano e internazionale (Ornella Vanoni, Fiorella Mannoia, Malika Ayane, Giusy Ferreri, Emma Marrone, Daniela Mercury, Miùcha Buarque de Holanda, Paula Morelembaum, Ana Carolina, Kay McCarthy). Inoltre ha scritto e collaborato con Gianni Morandi, Raf, Marco Megoni, Neri Marcorè, Paola Cortellesi, senza dimenticare le numerose collaborazioni internazionali, come quelle con Youssou N’Dour (Senegal), Omar Sosa (Cuba), Guinga (Brasile) o il duetto del 2012 con Ivan Lins (Brasile) per il progetto Inventa Rio, disco che ha ricevuto una nomination  ai Latin Grammy Awards nel 2014 . Continua a leggere

Manuela Cricelli, “il canto è un mezzo per riscoprire sé stessi, conoscere le proprie emozioni ed esprimerle”

apostrofi a sud

Personalità vulcanica e versatile, Manuela Cricelli ha saputo unire le sue doti di cantante alla professione di psicologa, dando vita quindi, oltre che a delle coinvolgenti esibizioni, ad un interessante progetto di cantoterapia, Azione Canora. Ma lascio la parola a Manuela, che nell’intervista pubblicata qui di seguito ci ha illustrato con il consueto entusiasmo la sua attività.

Manuela Cricelli (foto di Peppe Flash)

Manuela, la tua carriera nel mondo della musica ha avuto inizio con la frequentazione dell’Arlesiana Corus del Maestro Carlo Frascà e da qui in poi ti sei incamminata lungo un percorso artistico all’insegna della poliedricità, abbracciando anche il teatro (Pilato sempre, di Giorgio Albertazzi, all’interno del gruppo dell’Arlesiana Corus) e cinema (Rosa, di Vincenzo Caricari). Soffermandoci sulla musica, credo che tu sia riuscita ad adattare vocalità ed esecuzione canora al tuo modo d’essere, alla tua personalità. Penso a brani…

View original post 668 altre parole

Come tutti gli altri dei – Il nuovo disco di Mujura

apostrofi a sud

Come tutti gli altri dei, il nuovo lavoro del musicista e cantautore calabrese Mujura, di Roccella Jonica, che fa seguito all’omonimo album d’esordio, offre all’ascolto tanto un melange ritmico particolarmente suggestivo, intrigante e coinvolgente, evocativo di tradizione e modernità (chitarra battente, chitarra classica, chitarra acustica, lira calabrese, contrabbasso, oud, mandola,  buzuki, quartetto d’archi, clavicembalo, tamburi), quanto testi raffinati ed incisivi, idonei questi ultimi ad evocare il ripetuto gioco a nascondino fra Cielo e Terra, con il primo incline, per il tramite delle divinità che lo rappresentano, a condizionare l’esistenza degli esseri umani, sia nella loro singolarità sia come facenti parte del tutto; l’influenza deistica nel contribuire a determinarne ogni stato d’animo o propensione, egualmente a  qualsivoglia aspetto legato all’ambiente, alla vita sociale e politica, spinge dunque ognuno di noi a recitare la propria parte all’interno di un condiviso proscenio esistenziale, citando Shakespeare. Un dio può però rimanere deluso dalla…

View original post 359 altre parole

Un ricordo di Stelvio Cipriani

WCENTER 0FOTACTWWZ – STELVIO CIPRIANI – BARILLARI RINO –

Musicista e compositore, autore di memorabili colonne sonore cinematografiche (circa 300), Stelvio Cipriani ci ha lasciato ieri, lunedì 1° ottobre. Una volta diplomatosi al Conservatorio Santa Cecilia di Roma (sua città natale, 1937), in pianoforte e composizione musicale, lavorò come accompagnatore per vari cantanti di musica leggera, trasferendosi poi negli Stati Uniti, dove ebbe modo di perfezionarsi nella musica jazz, seguito da Dave Brubeck, i cui echi sono rinvenibili soprattutto nelle colonne sonore di poliziotteschi quali La polizia ringrazia (Stefano Vanzina, 1972). Fra le tante “musiche per film” composte da Cipriani  ho scelto di affidarne il ricordo non al celeberrimo motivo di Anonimo veneziano ( 1970, Enrico Maria Salerno), bensì alla sua prima colonna sonora, una particolare e suggestiva rielaborazione del Degüello ne The Bounty Killer / El precio de un hombre (1967, Eugenio Martín), primo western interpretato da Tomás Milián.

Un ricordo di Charles Aznavour

Charles Aznavour (Il Fatto Quotidiano)

Ci ha lasciato ieri, lunedì 1° ottobre, Charles Aznavour, cantante, compositore ed attore francese di origine armena (Shahnour Vaghinagh Aznavourian, Parigi 1924); inserito dai genitori fin da giovane nel mondo del teatro parigino, Aznavour iniziò ad esibirsi già a nove anni, per poi essere scoperto da Edith Piaf, nel 1946, che lo portò con sé in tournée, conoscendo infine il grande successo nel 1956, grazie alla canzone Sur ma vie, che gli assicurò l’inserimento fra i migliori chansonnier francesi, imponendosi per la sua caratteristica voce roca ma anche per la profondità dei testi, nella declamazione dell’ amor fou, estremo, passionale, distante da qualsivoglia conformismo. La sensibilità espressa nel canto, unita ad una certa poliedricità, la si può rinvenire anche nelle numerose interpretazioni attoriali di Aznavour nell’ambito cinematografico e televisivo, a partire dal 1936 (La guerre des gosses, non accreditato, diretto da Jacques Daroy), assumendo progressivamente notorietà di pubblico e critica (l’Étoile de Cristal che gli fu conferito come Miglior attore francese del 1960 per la sua interpretazione di un epilettico in La tête contre les murs, Georges Franju, 1959); personalmente serbo nel mio cuore l’intensa interpretazione del sarto armeno Kachoudas  ne Les Fantômes du chapelier (1982, Claude Chabrol, dall’omonimo romanzo di Georges Simenon). Affido il ricordo di Aznavour al video che potete rinvenire qui in chiusura, l’esecuzione di Comme ils disent, 1972, una canzone che, forse per la prima volta, trattava il tema dell’omosessualità senza alcun sarcasmo o disprezzo, ma nell’ essenzialità manifesta di una normalità che mette da parte scandali o perbenisti pudori di facciata.