Archivi tag: Diari di Cineclub

Castelli Romani Short Film Fest 2019 – I Edizione, disponibile online il bando di partecipazione

L’Associazione Senza Frontiere ONLUS insieme  al Circolo del Cinema Mark Film – FICC con il Patrocinio del Comune di Marino  (Roma) ed il supporto del media partner Diari di Cineclub, mensile di informazione e critica cinematografica, organizzano la I Edizione del Castelli Romani Short Film Fest, evento che sarà presentato giovedì 20 giugno alle ore 18:00  alla SLM – Sala Lepanto Marino (Piazza Lepanto 5 – Marino, Roma).
E’ disponibile online il bando di partecipazione, l’invio dei progetti deve avvenire tramite la piattaforma online WeTransfer, entro e non oltre le ore
12.00 del giorno 31 luglio 2019.

Diari di Cineclub: online il n. 73- Giugno 2019

E’ online, scaricabile gratuitamente, Diari di Cineclub n. 73 – Giugno 2019
periodico indipendente di cultura ed informazione cinematografica. Tra gli articoli di questo numero: 25 anni di Mereghetti, tra luci e ombre (Stefano Macera); Gomorra (Alberto Castellano); Premio Nazionale Tatiana Pavlova 2019 a Diari di Cineclub (DdC); Avengers: Endgame, la conquista dell’umano (Tonino De Pace); Avengers: Endgame e la voglia di liberare il mondo (Paola Dei); SuperEroi o miti? (Nicola Santagostino); L’uomo fedele (Giulia Zoppi); La Bête Humaine di Jean Renoir (1938). Federico La Lonza; Leonardo. Gli ultimi anni di un genio immortale (Fabio Massimo Penna); Ernst Lubitsch: il grande maestro della commedia (Giovanni Ottone); Radio amiche Diari di Cineclub: Unica Radio: Location manager. Intervista all’Indiana Jones del cinema (Salvatore Uccheddu); Radio Brada/Diari di Cineclub il nostro palinsesto (DdC); Dobbiamo aspettare 217 anni per la piena parità tra donne e uomini? (Elisabetta Badolisani); Borghesia, Solitudine, Alienazione… (Mino Argentieri); La nascita delle dive di casa nostra (Pierfranco Bianchetti); Il neorealismo nel cinema italiano (Abderrahim Naim); Intervista immaginaria – in forma di scherzo e di invettiva – a Richard Pryor (Ignazio Gori); Brian di Nazareth (1979), dei Monty Python. Ironia, odor di blasfemo e qualche verità (Demetrio Nunnari); Poppins: due Mary appese a un aquilone (Lucia Bruni); Il campione (Maria Rosaria Capozzi); Marlene Dietrich (Barbara Rossi); Pensavo fosse amore… invece era un calesse (1991). Antonio Falcone; Cinecittà. Viaggio di un cinefilo non del tutto disilluso dentro la fabbrica dei sogni (Natalino Piras); Gran Torino (2008) di Clint Eastwood. Giuseppe Previti; La terra vista dalla Luna da Pier Paolo Pasolini(Giorgia Bruni); A Salerno, ogni Giovedì sera c’è spazio per il cinema politico e sociale (Maurizio Del Bufalo); La pellicola attraverso gli sconquassi della storia (Giacinto Zappacosta); Interstellar. Riflessioni a margine della visione di un melodramma cosmico (Stefano Beccastrini); La televisione del nulla e dell’isteria (XXVIII). DdC; Omaggio. I Compagni (1963) di Mario Monicelli. DdC.

 

Pubblicati i contributi 2018 per le Associazioni Nazionali di Cultura Cinematografica: Angelo Tantaro per Diari di Cineclub raccoglie i commenti del presidente Marco Asunis della FICC

Nel sito del MiBAC- Ministero per i Beni e le Attività Culturali la DGC (Direzione Generale per il Cinema) ha pubblicato i contributi per le attività e diffusione della cultura cinematografica riferiti al 2018 (delibera 22 maggio 2019). Il dato principale effettivo è che si è passati con la nuova legge cinema e audiovisivo da € 900.000 di contributo del 2016 a € 600.000 per il 2018.
Un bel dimagrimento per l’Associazionismo nazionale di cultura cinematografica, a fronte di una legge che aveva avuto ampio consenso per l’ampliamento della sua dotazione finanziaria. E’ questo il risultato di una legge cinema e audiovisivo sbagliata? Angelo Tantaro per Diari di Cineclub raccoglie i commenti a caldo del presidente Marco Asunis della FICC, Federazione italiana dei Circoli del Cinema, la più antica delle Associazioni Nazionali di Cultura Cinematografica, su Radio Brada in podcast.

Sarà assegnato a “Diari di Cineclub” il Premio Nazionale Tatiana Pavlova 2019, per la divulgazione dell’Arte contemporanea

Il Premio Nazionale intestato all’attrice e regista teatrale Tatiana Pavlova (1894 -1975) per il 2019 sarà assegnato a Diari di Cineclub – periodico indipendente di cultura e informazione cinematografica; lo ha deliberato la  Commissione  Cultura  del Premio Tatiana Pavlova: Vinicio Ceccarini (presidente); Giuseppe Bruno (Conservatorio G. Puccini La Spezia); Alexander Prokhorov (giornalista, Mosca);  Rif Abdulin Mudarisovich (Accademia d’Arte di stato russa a Ufà); prof.ssa Ioulia Makarova Liakh (poetessa);  prof.ssa Dina Kotelnikova (lingue e culture moderne, slavistica); Stefano Volpi (Redazione RussiaPrivet). Il premio sarà ritirato dal direttore Angelo Tantaro la sera del 30 maggio a Firenze nella location di Le Murate – Progetti Arte Contemporanea, in occasione della VI Edizione del Firenze FilmCorti Festival che si è generosamente offerto di ospitare l’evento, di cui, tra l’altro, Tantaro è Vice Presidente. Continua a leggere

Diari di Cineclub: online il numero 72 | Maggio 2019

E’online, scaricabile gratuitamente, Diari di Cineclub n. 72 – Maggio 2019, periodico indipendente di cultura ed informazione cinematografica; fra gli articoli di questo numero: Festa Internazionale del Lavoro; Il lavoro nell’arte avvolto da splendore e dramma (DdC); Il cinema per noi è un passato che è un grande futuro, se verrà un nuovo tempo per inventare (Italo Moscati); Bruno Ganz, l’inquietudine nel cinema senza più confini (Tonino De Pace); La grande fuga (del pubblico) (Alberto Castellano); V. Viaggio all’interno del Centro Sperimentale di Cinematografia. Intervista al Preside della Scuola Nazionale di Cinema Adriano De Santis (Susanna Zirizzotti); Il Cinema di Francesco “Citto” Maselli (Giacomo Martini); Per Agnès Varda, la Vecchia Signora del Cinema Europeo (Stefano Beccastrini); Cinema e memoria un incontro mancato (Mino Argentieri); Francesco De Robertis, ufficiale della Regia Marina, regista, a 60 anni dalla sua scomparsa (Adriano Silvestri); Un film di Federico Fellini: Giulietta degli Spiriti. In memoria di Mino Argentieri (Maria Rosaria Capozzi); Mi chiamo Sergio Leone e faccio Western! (Nino Genovese); Continua a leggere

Le radio amiche di “Diari di Cineclub”

E’ stata inaugurata ieri, domenica 7 aprile, la collaborazione tra Radio Brada e Diari di Cineclub, periodico indipendente di cultura ed informazione cinematografica.
Qui è possibile ascoltare Bulli ed eroi, evento promosso dal Centro Studi di Psicologia dell’Arte e Psicoterapie Espressive presieduto da Paola Dei, collaboratrice di Diari di Cineclub.
Con i saluti di Gianni Bisiach, giornalista; intervento di Maria Rosaria Omaggio, attrice; Simone Cristicchi, cantante. Inoltre, Diari di Cineclub ha creato una pagina volta ad offrire un luogo di ascolto delle radio sostenitrici, con l’intento di promuovere la loro attività e diffondere cultura, quest’ultima autentico baluardo a difesa della bellezza e della solidarietà.

Diari di Cineclub: online il n. 71 – Aprile 2019

È online, scaricabile gratuitamente, Diari di Cineclub n. 71 – Aprile 2019, periodico indipendente di cultura ed informazione cinematografica; fra gli articoli di questo numero:Riflessione sulla critica (Alberto Castellano); Green Book (Marino Demata); Green Book, un viaggio nell’America razzista degli anni ’60 (Paola Dei); Stanley Kubrick: genio e sregolatezza (Nino Genovese); Da Doppio sogno a Eyes Wide Shut: il doppio labirinto (Barbara Rossi); Quando il rock cambiò l’Unione Sovietica. Riflessioni sul film Leto di Kirill Serebrennikov. Ángel Quintana; Il mio capolavoro (Mi Obra Maestra). Giulia Zoppi; Mother! Un capolavoro metafisico (Giacomo Napoli); Il nudo nell’arte e nel cinema. Tra ipocrisie e falsi pudori (Giacinto Zappacosta); Sembra mio figlio (Costanza Ferrini); Giorgio Bassani tra letteratura, cinema e dialetto (Maria Cristina Nascosi); The other side of the wind – Il testamento di Orson Welles su Netflix (Giorgia Bruni); 69. Berlinale 2019: qualità diversa, ma importanti echi del disagio contemporaneo, nei vincitori dei premi principali (Giovanni Ottone); Il cinema italiano dei feroci anni Settanta (Pierfranco Bianchetti); Roma. Cinema d’autore al Parco della Cellulosa (Stefano Macera); Operazione sottoveste (Operation Petticoat, 1959). Antonio Falcone; C’è tempo (Spettatrice Qualunque); Riscoprire il regista che amava le donne: Antonio Pietrangeli (Maria Paola Zoccheddu); Il sapore del grano (1986). Ignazio Gori; Sofia di Meryem Benm’Barek. Giulia Marras; Vis comica nel cinema al femminile (Lucia Bruni); Stan&Ollie, il grande puzzle (Enzo Pio Pignatiello); Trentadue piccoli film su Glenn Gould (di F. Girard, 1993). Demetrio Nunnari; Il Nome della Rosa di Jean-Jacques Annaud (1986). Giuseppe Previti; La televisione del nulla e dell’isteria (XXVI). DdC; Omaggio. Il Porto delle Nebbie – Le quai des brumes (1938). DdC.