Archivi tag: Fulvia Caprara

Corti d’Argento 2018: la selezione finalista

Claudio Santamaria (La Repubblica Napoli)

I Giornalisti Cinematografici aderenti al SNGCI hanno annunciato nei giorni scorsi il conferimento del Nastro d’Argento speciale a Claudio Santamaria per il miglior esordio alla regia, il cortometraggio The Millionairs prodotto da Gabriele Mainetti con il sostegno Lu.Ca, l’accordo tra Lucania e Calabria Film Commission e l’interesse culturale del MiBACT, presentato alle Giornate degli Autori,  all’interno della 74ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Insieme a tale annuncio, seguente alla consegna a Cortina del Premio speciale dell’anno a Gianni Amelio (Casa d’altri, sul dopo terremoto ad Amatrice), è stata inoltre resa nota la lista dei cortometraggi oggetto di selezione, quest’ultima coordinata per il Direttivo del Sindacato (Laura Delli Colli, Fulvia Caprara, Oscar Cosulich, Paolo Sommaruga e Stefania Ulivi), da Maurizio di Rienzo (sono stati visionati in tutto 140 corti di fiction e 20 di animazione, editi nel 2017), in attesa del gran finale dei Corti d’Argento 2018, che avrà luogo alla Casa del Cinema di Roma mercoledì 18 aprile, quando saranno consegnati premi e menzioni speciali. Continua a leggere

Future Film Festival 2013: “Platinum Grand Prize” ad “Anima Buenos Aires”

future-film-festival-2013-platinum-grand-priz-L-AYs1chSi è conclusa ieri, mercoledì 17 aprile, a Bologna, la XV Edizione del Future Film Festival, che ha visto vincitore del premio Platinum Grand Prize, nell’ambito della categoria migliore lungometraggio, il film Anima Buenos Aires di María Verónica Ramírez, scelta attuata dalla giuria composta da Fulvia Caprara e dal Collettivo Zapruder con la seguente motivazione: “propone con originalità l’immagine di un Paese ricco di idee fervide, sospeso tra umorismo e nostalgia e capace di proiettarsi oltre il difficile periodo di crisi socioeconomica. Nell’opera si legge la vitalità inventiva di diversi autori che, come in un mosaico, recuperano la struttura a episodi offrendo un esempio brillante di modello realizzativo che rappresenta uno stimolo per produttori e registi della scena internazionale”.

future-film-festival-2013-platinum-grand-priz-L-0fqzrxLa stessa giuria ha poi conferito una menzione speciale a Consuming Spirits, per la regia di Chris Sullivan, un film “complesso e terribile, che trasporta lo spettatore in un mondo angusto. La programmatica sgradevolezza di uno scenario senza scampo ci si offre come materia di sogno e poesia. Un’opera potente che non scende a compromessi”. Nell’ambito della categoria Future Film Short, premio riservato ai cortometraggi, che quest’anno ha visto il sostegno di Rai.TV e della Provincia di Bologna, la giuria composta dall’animatore Andrew Spradbery e dai giornalisti Andrea Fornasiero e Romano Garofalo ha premiato Cedric & Hope, di Pierce Davison (Australia 2012), “per il monito contro gli integralismi religiosi e il confronto tra fede e progresso, coniugato con un’ottima tecnica in stop motion e un racconto originale dal gusto ironico che sconfina nel non-sense”.

future-film-festival-2013-platinum-grand-priz-L-Z3Vs3NMenzione speciale per Tears of Steel, di Ian Hubert (Olanda 2012), “per l’ottima fattura degli effetti speciali e la qualità della recitazione, oltre che per l’ironia con cui è demistificata con gusto pop l’ormai convenzionale ambientazione roboapocalittica”. Diversi i giudizi espressi dagli spettatori: il Primo premio del Pubblico è andato al giapponese Travelling Daru di Ushio Tazawa, mentre si aggiudicano il secondo posto, ex-aequo, il francese Una Lagrima Furtiva di Carlo Vogele e Autor De Minuit e il tedesco Atlas di Aike Arndt.

future-film-festival-2013-platinum-grand-priz-L-6m9HQ2Il Premio Franco La Polla, assegnato alla migliore tesi di laurea di argomento cinematografico degli anni 2010-2013, specificamente sui temi della fantascienza, del fantasy, dell’animazione e degli effetti visivi, è stato conferito dalla giuria (Silvia Albertazzi, Giacomo Manzoli, Michele Fadda, Leonardo Gandini, Roy Menarini, Massimiliano Spanu ed Enrico Terrone), con la supervisione di Susanna La Polla, al lavoro Uncle Sam Wants… Bugs, Donald and Daffy – Il Cinema di animazione americano di propaganda e il secondo conflitto bellico, di Alessia Cecchet. Un premio speciale, infine, è il Cinecibo Award, assegnato da Cinecibo – Festival del Cinema a tema gastronomico, che ha voluto premiare per la migliore scena sull’argomento il film in concorso A Liar’s Autobiography: The Untrue Story of Monty Python’s Graham Chapman 3D di Bill Jones, Ben Timlett e Jeff Simpson.

Future Film Festival 2013

future-film-festival-2013-L-ow8xp9Prenderà il via domani, venerdì 12 aprile, per concludersi mercoledì 17, a Bologna, Future Film Festival, il primo e più importante evento in Italia dedicato alle tecnologie applicate all’animazione, al cinema, ai videogame e ai new media, che si conferma anche quest’anno un valido osservatorio sul futuro della settima arte e non solo, un appuntamento rivolto al pubblico di ogni età, dai bambini (vi saranno proiezioni e laboratori pensati per stimolare la creatività dei più piccoli) agli adulti. Il motto della XV edizione, diretta da Giulietta Fara e Oscar Cosulich, è Tweet the Monster, parola d’ordine che farà da fil rouge attraverso tutte le sezioni della kermesse. Novità principale è la collaborazione con BolognaFiere per ExpoPixel, mostra-esibizione dedicata al mondo dell’intrattenimento digitale:si svolgerà in contemporanea al Festival (15 -17 aprile), presso il quartiere fieristico, e proporrà incontri, seminari e approfondimenti, venendo incontro così all’esigenza espressa dai tanti frequentatori, che hanno chiesto in questi anni di creare un luogo dove chi lavora nel settore potesse avere l’occasione di incontrare altri professionisti, e conoscere nuove realtà.

Gemma Arterton e Jeremy Renner

Gemma Arterton e Jeremy Renner

La serata d’apertura sarà affidata all’anteprima italiana di Hansel & Gretel – Cacciatori di streghe 3D (Hansel & Gretel- Witch Hunters 3D) di Tommy Wirkola:un film che conferma l’interesse di Hollywood per le classiche fiabe, ma rilette in stile “action” e infatti i due protagonisti del titolo, interpretati da Jeremy Renner e Gemma Arterton, appariranno in versione adulta, come infallibili cacciatori di taglie, ovviamente specializzati in streghe. Evento Speciale di chiusura sarà invece la visione in anteprima del nuovo lavoro di Rob Zombie, Le streghe di Salem (The Lord of Salem), anche se la vera e propria conclusione si avrà con la proiezione de La Casa (Evil Dead) di Fede Alvarez, remake del film di Sam Raimi, ’81, ora sceneggiatore e produttore della pellicola, attualmente in testa al box office statunitense.
Monsters & Co

Monsters & Co

Ancora mostri, ma di tutt’altro tipo, nel classico Monsters & Co. 3D (Monsters Inc. 3D) di Pete Docter: il film d’animazione Disney-Pixar, uscito per la prima volta nel 2001, sarà proiettato in anteprima nella nuova versione stereoscopica, per circolare nelle sale il prossimo 13 giugno, in attesa del prequel Monsters University, la cui uscita è attesa per il 21 agosto.

Calimero

Calimero

Sempre tra gli Eventi Speciali, l’omaggio a cura di Mario Serenellini al pulcino Calimero, in procinto di festeggiare cinquant’anni, essendo nato il 14 luglio ’63, per i disegni di Nino e Toni Pagot (la voce era di Ignazio Colnaghi) e protagonista di una nota reclame all’interno di Carosello.
Vi saranno poi la presentazione di Extra 3D, diretto da Marco Pavone, ex disegnatore Disney, che in questo suo secondo lungometraggio autoprodotto offre un ambizioso racconto fantascientifico dal sentore ecologista, un tributo a Gisaburo Sugii, tra i padri fondatori dell’animazione giapponese, a cui Masato Ishioka ha dedicato il documentario Animation Maestro Gisaburo e l’incontro con Bruno Bozzetto, che presenterà il suo nuovo cortometraggio animato, Rapsodeus, ideale continuazione del suo capolavoro del 1976, Allegro, non troppo, e in anteprima assoluta, il corto Vintage or Cool?.

Antonio Margheriti (antoniomargheriti.com)

Antonio Margheriti (antoniomargheriti.com)

Prevista inoltre una selezione del meglio di quanto prodotto negli anni dall’Aardman Animations (tra i titoli, Galline in fuga, Pirati! Briganti da strapazzo), presentata per l’occasione da uno dei giovani talenti dello storico studio inglese, Andy Spradbery, tra l’altro creatore della mascotte di questa XV edizione, e l’omaggio, nel decimo anniversario della scomparsa, ad Antonio Margheriti, uno degli autori più prolifici e apprezzati (anche internazionalmente) della storia del cinema di genere italiano, con la proiezione di The Outsider. Il cinema di Antonio Margheriti, diretto dal figlio Edoardo. Per il terzo anno, inoltre, il FFF in collaborazione con l’Università di Bologna promuove il Premio Franco La Polla, assegnato alla migliore tesi di laurea di argomento cinematografico degli anni 2010-2013, specificamente sui temi della fantascienza, del fantasy, dell’animazione e degli effetti visivi.
******************************************
009 Re: Cyborg

009 Re: Cyborg

Concorso Lungometraggi: dieci titoli in gara, provenienti da tutto il mondo, concorrenti per il Platinum Grand Prize, che saranno giudicati da una giuria composta da Fulvia Caprara, giornalista de La Stampa, e dal collettivo di filmakers Zapruder. Dal Giappone arrivano tre film d’animazione piuttosto diversi per stile e contenuti: 009 Re: Cyborg di Kenji Kamiyama, kolossal animato in 3D, tratto dal manga Cyborg 009 di Shotaro Ishinomori; The Life of Budori Gusuko, diretto da Gisaburo Sugii, e Wolf Children, di Mamoru Hosoda, una fiaba moderna che, attraverso la storia di due piccoli licantropi, racconta la vita familiare con libertà creativa. La Cina propone Lee’s Adventure, di Frant Gwo e Yang Li, uno dei film di fantascienza più originali dell’anno, volto a raccontare la generazione dei videogiochi, mentre la Corea del Sud è presente con l’originale Padak di Dae-hee Lee, cartoon sulla difficile arte della sopravvivenza di un pesce destinato a diventare sushi e costretto in un acquario, che sogna di tornare libero.

Couleur de peau: Miel

Couleur de peau: Miel

Il vecchio continente è rappresentato da opere originali e indipendenti:lo spagnolo O Apòstolo, di Fernando Cortizo, è la storia in stop motion di un detenuto in fuga e della caccia al tesoro che lo conduce in un villaggio su cui incombono maledizioni e presenze sinistre; il franco-belga Couleur de peau: Miel, di Junge Laurent Boileau, tratto dall’omonima graphic novel dello stesso Jung, racconta la storia vera del suo autore, orfano coreano adottato da una famiglia belga, che a 42 anni decide di andare alla scoperta delle proprie radici; l’inglese A Liar’s Autobiography: The Untrue Story of Monty Python’s Graham Chapman di Bill Jones, Jeff Simpson, Ben Timlett, una sorta di reunion dei Monty Python ed allo stesso tempo la falsa autobiografia post-mortem di uno dei fondatori del gruppo. Dall’America, infine, arrivano due titoli: lo statunitense Consuming Spirits di Christopher Sullivan, opera fluviale, acclamata dalla critica, che intreccia le vite di tre personaggi in una sorta di dramma psicologico animato, frutto di 15 anni di lavoro paziente e artigianale, e Anima Buenos Aires di Marìa Verònica Ramìrez, un viaggio in quattro episodi nell’anima segreta della capitale argentina.

Bill Plympton

Bill Plympton

Accanto al concorso lungometraggi, torna il Future Film Short riservato ai corti, sostenuto quest’anno, oltre che dalla Provincia di Bologna, da Rai.tv, che offrirà i premi della giuria e del pubblico, programmando una selezione di cortometraggi nel suo sito web a partire da dieci giorni prima della manifestazione.
Da ricordare almeno The Simpson’s Couch Gag, di Bill Plympton, tra i più importanti animatori indipendenti di oggi, chiamato a reinterpretare secondo il suo personalissimo stile la sigla dei mitici Simpson, accanto al corto candidato agli Oscar 2013 The Longest Daycare di David Silverman, che vede protagonista assoluta Maggie Simpson.

Per maggiori informazioni su proiezioni ed eventi: http://www.futurefilmfestival.org