Archivi tag: Laura Bispuri

Roma: “Regia alle donne-Film e incontri con le registe divario (di)genere”

Ha preso il via ieri, mercoledì 6 marzo, all’interno della Casa Internazionale delle Donne di Roma, luogo di autonomia e libertà che vede come presidente Francesca Koch, Regia alle donne – Film e incontri con le registe divario (di) genere, focus sulla regia al femminile realizzato dal CNR – IRPPS (Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali) e sostenuto da SIAE, nell’ambito del quale verrà affrontata la tematica della disparità di genere nel cinema a partire dall’analisi svolta da DEA (Donne & Audiovisivo). La rassegna si propone come strumento di diffusione e informazione sulla disuguaglianza di genere, in particolar modo quando le donne gestiscono ruolo di potere, nella considerazione di quanto appaia ancora arduo affrontare un discorso sulle pari opportunità nel nostro paese, fra dietrologie ed atavici pregiudizi duri a morire, sempre presenti e senza il rischio di generalizzare. Come tante altre professioni, anche quella di regista è stata spesso ritenuta territorio a delimitazione tutta maschile, fra pregiudizi, imposizioni produttive, scarso spirito collaborativo. Continua a leggere

68ma Berlinale: “La terra dell’abbastanza” secondo titolo italiano in cartellone

Fra i titoli aggiunti nei giorni scorsi al cartellone della 68esima Berlinale (15- 25 febbraio) troviamo, tra gli altri, 7 Days in Entebbe (José Padilha, Fuori concorso); Ang panahon ng halimaw (Season of the Devil, Lav Diaz, Concorso); Museo (Museum, Alonso Ruizpalacios, Concorso); Unsane (Steven Soderbergh, Fuori concorso) ed infine, nella sezione Panorama, La terra dell’abbastanza, opera prima scritta e diretta dai fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, secondo film a rappresentare l’Italia dopo Figlia di Laura Bispuri, in corsa per l’Orso d’Oro.
Nel cast, oltre ai protagonisti Andrea Carpenzano e Matteo Olivetti, anche Luca Zingaretti e Max Tortora.

68ma Berlinale: annunciati alcuni titoli in Concorso

Laura Bispuri (cinematografo.it)

Dopo aver reso noto nei giorni scorsi il titolo d’apertura, Isle  of Dogs di Wes Anderson, dalla 68ma Berlinale (15-25 febbraio) arriva l’annuncio di alcuni titoli in Concorso, Figlia mia di Laura Bispuri, alla sua opera seconda, con Valeria Golino e Alba Rohrwacher,  Don’t Worry, He Won’t Get Far on Foot  di Gus Van Sant, Dovlatov di Alex German Jr., Eva di Benoit Jacquot, In den Gangen di Thomas Stuber, Mein Bruder heißt Robert und ist ein Idiot  di Philip Goning, Twarz di Małgorzata Szumowska.

34mo Torino Film Festival: “Premio Cabiria” ad Alba Rohrwacher

Alba Rohrwacher

Alba Rohrwacher

Oggi, martedì 22 novembre, sarà consegnato all’attrice Alba Rohrwacher, nel corso di una cena di beneficenza a favore della Fondazione Crescere Insieme al Sant’Anna Onlus, che si terrà a Torino, all’Hotel Principi di Piemonte a partire dalle ore 20.30, il Premio Cabiria, riconoscimento istituito nel 2015 dal Museo Nazionale del Cinema ed assegnato ogni anno ad un regista, un attore o un’attrice che si siano particolarmente distinti per la loro attività nel corso dell’anno con il loro contributo per l’arte cinematografica. Il Premio prende il nome dal capolavoro del cinema muto italiano realizzato a Torino da Giovanni Pastrone nel 1914, divenuto fonte di ispirazione per innumerevoli artisti di tutto il mondo, che hanno contribuito con la loro creatività allo sviluppo del linguaggio e dell’estetica del cinema. Anche questa seconda edizione del Premio si svolgerà in concomitanza con il 34mo Torino Film Festival, per evidenziarne il legame con il più importante evento cinematografico cittadino dell’anno.
La cena sarà accompagnata da canzoni tratte da film famosi e interpretate dai cantanti Martina Tosatto e Davide Motta Fré. Di seguito riporto la motivazione, che mi trova del tutto concorde. Continua a leggere

Roma: Round – Trip Festival A/R- I Edizione- Italia/ Germania

defgk-is-643Si svolgerà presso il Cinema Kino di Roma (Via Perugia, 34) dal 17 al 19 dicembre la prima edizione del Round-Trip Festival A/R, un’interessante rassegna che mette a confronto tre registi italiani e tre registi tedeschi, realizzato in collaborazione con il Goethe Istitut della Capitale e con il contributo del Dipartimento Generale Cinema del Mibact, delineando, come hanno spiegato gli organizzatori, “un viaggio per scambiare professionalità, immagini, opinioni e indicazioni sul cinema, esplorando le differenze tra le industrie cinematografiche dei due Paesi. Non quindi una semplice lista di proiezioni, ma un confronto tra modelli produttivi, artistici e co-produzioni internazionali in un clima aperto ed informale”. Il festival prevede la proiezione dei tre migliori esordi tra le “opere prime e seconde” di cineasti tedeschi a confronto con altrettante realizzazioni di registi italiani, dalle medesime caratteristiche. Continua a leggere

Oscar 2016: nove film iscritti per la candidatura italiana

oscars-2016Il giovane favoloso (Mario Martone); Latin Lover (Cristina Comencini); L’attesa (Piero Messina); Mia madre (Nanni Moretti); Nessuno si salva da solo (Sergio Castellitto); Non essere cattivo (Claudio Caligari); Per amor vostro (Giuseppe M. Gaudino); Sangue del mio sangue (Marco Bellocchio) e Vergine giurata (Laura Bispuri): sono questi, tra i film italiani distribuiti sul nostro territorio nazionale fra il 1° ottobre 2014 e il 30 settembre 2015, i nove titoli che si sono iscritti alla corsa per la candidatura del rappresentante italiano all’Oscar per il migliore film in lingua non inglese, elenco reso noto oggi, lunedì 21 settembre, dall’ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Multimediali). Continua a leggere

68mo Festival del Film Locarno, “la casa delle immagini”

LOC68-poster-F24-Soletta-FB-jan-880x839Decisamente suggestiva, e dalla valida visionarietà cinematografica, la rappresentazione offerta da Carlo Chatrian, Direttore Artistico del 68mo Festival del Film Locarno (5-15 agosto), volta a visualizzare il grande schermo e la stessa kermesse svizzera come “casa delle immagini”.
L’ispirazione è stata offerta dalla circostanza che lo sfondo offerto da varie abitazioni va ad inserirsi nel nucleo narrativo di molti film in programma, a partire dalla pellicola d’apertura, Ricki and the Flash, diretta da Jonathan Demme, che in Italia uscirà il 10 settembre, col titolo Dove eravamo rimasti. Spazi abitativi al cui interno è possibile ritrovare e condividere sentori affettivi che si ritenevano ormai del tutto perduti, simbolo al tempo stesso di possibili rinascite interiori e di molteplici problematiche, luoghi la cui perdita è possibile da un momento all’altro, per necessità o sulla spinta di ulteriori evenienze. Continua a leggere