Archivi tag: Lee Pace

Venezia 75: “Driven” di Nick Hamm titolo di chiusura

(Twitter)

Sarà Driven, diretto da Nick Hamm (Il viaggio – The Journey, Killing Bono), il film di chiusura, fuori concorso, della 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (29 agosto – 8 settembre) diretta da Alberto Barbera ed organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta, proiettato in prima mondiale sabato 8 settembre, nella Sala Grande del Palazzo del Cinema al Lido di Venezia, cui seguirà la cerimonia di premiazione. Tratto da una sceneggiatura originale di Colin Bateman, Driven, ambientato nella ricca California dei primi anni ’80, narra la rapida ascesa di John DeLorean,  interpretato da Lee Pace, e della sua iconica DeLorean Motor Company, tramite l’amicizia con l’ ex detenuto, diventato informatore dell’FBI, Jim Hoffman (Jason Sudeikis). Hamm ha dichiarato: “Venezia è un festival entusiasmante con un pubblico incredibile. Sono insieme onorato e felice di essere nuovamente invitato a partecipare a questa pazza e incredibile avventura”.

Guardiani della Galassia (3D)

(Movieplayer)

(Movieplayer)

Presentato, fuori concorso, alla IX Edizione di Alice nella Città (sezione autonoma e parallela del Festival Internazionale del Film di Roma dedicata alle nuove generazioni), Guardiani della Galassia, diretto da James Gunn (anche sceneggiatore insieme a Nicole Pearlman), è il classico film che non ti aspetti.
Entri in sala del tutto sicuro di ritrovarti di fronte all’ormai consueta smargiassata Marvel*, effetti speciali a gogò, le abituali pacche sulla spalla, compiaciute e compiacenti, rivolte agli spettatori nel tratteggiare il protagonista di turno con un mix di spavalderia e vaga autoironia e invece, a proiezione conclusa, attesa con pazienza la classica sequenza dopo i titoli di coda (vi compaiono due personaggi della Marvel a noi forse poco noti, ma credo che gli appassionati di fumetti non faranno fatica a riconoscerli), ormai riaccese le luci in sala, sei ancora lì seduto a fissare lo schermo, pervaso da una curiosa sensazione di leggerezza, perché, come non ti capitava da tempo, hai finalmente provato l’emozione di un “sano” intrattenimento, restando piacevolmente sorpreso sia sotto l’aspetto visivo, sia riguardo il fluire narrativo. Continua a leggere