Archivi tag: Matteo Garrone

Nastro d’Argento Europeo per Luca Guadagnino

Luca Guadagnino (Il Fatto Quotidiano)

E’ stato annunciato nei giorni scorsi a Cannes il conferimento a Luca Guadagnino del Nastro d’Argento Europeo, riconoscimento nato nel 1989 e volto a premiare il cinema d’autore, con all’attivo un palmarès che ha visto tra gli assegnatari registi come John Cleese, Krzysztof Kieślowski, István Szabó, Aki Kaurismäki, Ken Loach, Alain Resnais, Theo Angelopoulos, Alan Parker, Jerzy Stuhr, Radu Mihăileanu, Emir Kusturica, Pedro Almodóvar, Andrzej Wajda, Sally Potter, Matteo Garrone, ma anche attori quali Isabelle Huppert, Claudia Cardinale, Fanny Ardant, Malcolm McDowell, Sergio Castellitto e, ancora, Vincent Lindon, Tilda Swinton, Michel Piccoli, Valeria Bruni Tedeschi, Krisztof Waltz, Laura Morante, Lambert Wilson, Juliette Binoche, Monica Bellucci; le cinquine finaliste dei Nastri d’Argento saranno annunciate il prossimo 30 maggio al Museo MAXXI di Roma, mentre il gran finale della 73ma edizione avrà luogo al Teatro Antico di Taormina.

Milano, Cinema Spazio Oberdan; “Pasqua: passione, tolleranza, accoglienza”

(FilmTv)

Dal 19 al 22 aprile,  al Cinema Spazio Oberdan di Milano, Fondazione Cineteca Italiana presenterà una breve rassegna per celebrare la Pasqua attraverso il rilancio di valori come la generosità, la tolleranza, la capacità di accoglienza da considerarsi, essenzialmente, quali elementi costitutivi di ogni essere che voglia dirsi umano così come della convivenza sociale, al di là di strumentali distinzioni fra religiosità e laicismo. Sei i titoli in programma: dai classici dei maestri Roberto Rossellini e Pier Paolo Pasolini, Francesco giullare di Dio e Il vangelo secondo Matteo (entrambi presentati in pellicola, il primo anche in edizione restaurata), al potente e commovente Dogman (Matteo Garrone, vincitore di nove David di Donatello 2019), all’intenso Kreuzweg – Le stazioni della fede, film del 2015 diretto dal tedesco Dietrich Brüggemann ed incentrato sulla follia arrecata da ogni  fondamentalismo, per finire con Miracolo a Le Havre (2011) e L’altro volto della speranza (2017), nei quali il finlandese Aki Kaurismaki impartisce importanti lezioni di civiltà senza dimenticare il sorriso. Continua a leggere

David di Donatello 2019: il trionfo di “Dogman”


Si è svolta questa sera, mercoledì 27 marzo, la 64ma edizione dei David di Donatello, trasmessa da Rai Uno in diretta dagli Studi De Paolis di Roma, condotta da Carlo Conti, la cui consueta verve ha di poco mitigato una certa farraginosità complessiva, incrementata dalla reiterazione imbarazzante di gag già viste in altre occasioni (vedi l’interminabile siparietto dei finti giornalisti in sala), per tacere di qualche gaffe tanto per gradire. Trionfo di Dogman, diretto da Matteo Garrone, con 9 riconoscimenti, fra i quali miglior film e miglior regia, valido esempio di cinema autoriale d’impronta moderna e dall’ampio respiro; di rilievo i 4 David conseguiti da un’opera di pregnante impegno civile, Sulla mia pelle, che ha visto premiati Alessio Cremonini quale miglior regista esordiente, Alessandro Borghi come miglior attore (“Questo premio è di Stefano. Lo dedico agli esseri umani e all’importanza di essere considerati tali a prescindere da tutto”) e il coraggio produttivo, non dimenticando, infine, il David Giovani. Di seguito, l’elenco dei premi assegnati. Continua a leggere

David di Donatello 2019, le candidature

Sono state rese note oggi, martedì 19 febbraio, le candidature relative alla 64ma edizione dei David di Donatello: a darne l’annuncio, nella consueta conferenza stampa che si è tenuta a Roma, il Presidente e Direttore Artistico dell’Accademia del cinema italiano, Piera Detassis; oggetto della votazione, espressa dai componenti della Giuria dell’Accademia dall’8 al 31 gennaio 2019, e trasmessa ufficialmente dallo Studio Notarile Marco Papi, i film usciti in sala dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018. La cerimonia di premiazione si svolgerà mercoledì 27 marzo, alle ore 21.25, condotta da Carlo Conti e trasmessa in diretta da Rai Uno. In testa con 15 candidature troviamo Dogman di Matteo Garrone, cui seguono Capri-Revolution (Mario Martone) con 13, Loro (Paolo Sorrentino) e Chiamami col tuo nome (Luca Guadagnino) appaiati a quota 12, così come un testa a testa si profila per Sulla mia pelle (Alessio Cremonini) e Lazzaro felice (Alice Rohrwacher), che ne ottengono 9, mentre Euforia di Valeria Golino ne consegue 7. Continua a leggere

Milano, MIC-Museo Interattivo del Cinema: presentazione del DVD “Pinocchio” (Giulio Antamoro, 1911)

Questa sera, giovedì 24 gennaio, alle ore 18, al MIC – Museo Interattivo del Cinema di Milano, Fondazione Cineteca Italiana presenterà l’ultimo DVD della collana I tesori del MIC, avente come oggetto il film Pinocchio, 1911, di Giulio Antamoro, la prima  trasposizione cinematografica del romanzo di Carlo Collodi (pseudonimo di Carlo Lorenzini, 1826-1890) Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino (1881-1883), oggetto negli anni delle più svariate interpretazioni (sociologiche, pedagogiche, psicoanalitiche o addirittura religiose), dimenticandone a volte l’esempio di vivida scrittura al servizio di una ancor più vivida fantasia, espressione di una gioiosa libertà ed incoscienza, voglia di conoscere il mondo e di farsene beffa, con l’ingenuità propria di un fanciullo “grezzo”, come il ciocco di legno dal quale è venuto fuori, maturando man mano la consapevole necessità di divenire adulti, attraverso stadi evolutivi che prevedono fame, miseria, cattiveria umana, sofferenza, interventi salvifici da morte temporanea per poter rinascere a nuova vita. Continua a leggere

BAFTA Awards 2019, le candidature

Sono state rese note oggi, mercoledì 9 gennaio, le candidature relative ai BAFTA Awards, British Academy of Film and Television Arts, anche noti come “Oscar britannici”, la cui 72ma cerimonia di premiazione si svolgerà il prossimo 10 febbraio alla Royal Albert Hall di Londra. La favorita di Yorgos Lanthimos consegue 12 candidature, mentre a quota sette troviamo Bohemian Rhapsody, First Man – Il primo uomo, Roma e A Star is Born. I nostri colori sono rappresentati da Dogman di Matteo Garrone, presente nella  cinquina per il miglior film in lingua non inglese. Qui potete leggere l’elenco completo delle candidature.

 

Oscar 2019: termine di corsa per “Dogman”

(Review Tech Auto)

L’Academy of Motion Picture Arts and Sciences ha reso nota la shortlist dei nove titoli fra i quali verrà selezionata la cinquina che concorrerà all’Oscar 2019 per il Miglior Film Straniero: purtroppo nulla di fatto per Dogman di Matteo Garrone; i nostri colori sono  a tutt’oggi rappresentati da Suspiria di Luca Guadagnino, in gara per Trucco e parrucco e per la canzone originale (Suspirium, Thom Yorke). Ecco i titoli in lizza per la nomination, che verrà annunciata, come tutte le altre candidature, il 22 gennaio: Roma (Alfonso Cuaron, Messico); Affari di famiglia (Hirokazu Koreeda, Giappone); Birds of Passage (Cristina Gallego e Ciro Guerra, Colombia); The Guilty (Gustav Moller, Danimarca); Opera senza autore (Florian Henckel Von Donnersmarck, Germania); Cafarnao (Nadine Labaki, Libano); Ayka (Sergei Dvortsevoy, Kazakistan); Cold War (Pawel Pawlikowski, Polonia); Burning (Lee Chang-dong, Corea del Sud). (Fonte: Ansa.it)