Archivi tag: Nastro D’Argento Speciale

Corti d’Argento 2018: la selezione finalista

Claudio Santamaria (La Repubblica Napoli)

I Giornalisti Cinematografici aderenti al SNGCI hanno annunciato nei giorni scorsi il conferimento del Nastro d’Argento speciale a Claudio Santamaria per il miglior esordio alla regia, il cortometraggio The Millionairs prodotto da Gabriele Mainetti con il sostegno Lu.Ca, l’accordo tra Lucania e Calabria Film Commission e l’interesse culturale del MiBACT, presentato alle Giornate degli Autori,  all’interno della 74ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Insieme a tale annuncio, seguente alla consegna a Cortina del Premio speciale dell’anno a Gianni Amelio (Casa d’altri, sul dopo terremoto ad Amatrice), è stata inoltre resa nota la lista dei cortometraggi oggetto di selezione, quest’ultima coordinata per il Direttivo del Sindacato (Laura Delli Colli, Fulvia Caprara, Oscar Cosulich, Paolo Sommaruga e Stefania Ulivi), da Maurizio di Rienzo (sono stati visionati in tutto 140 corti di fiction e 20 di animazione, editi nel 2017), in attesa del gran finale dei Corti d’Argento 2018, che avrà luogo alla Casa del Cinema di Roma mercoledì 18 aprile, quando saranno consegnati premi e menzioni speciali. Continua a leggere

Nastro D’Argento Speciale a Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi (cinematografo.it)

Gianfranco Rosi (cinematografo.it)

In attesa che giovedì prossimo, 18 febbraio, ad una settimana dalla premiazione, venga annunciata la cinquina finalista e i vincitori di altri premi speciali sulla base dei 40 documentari scelti dalla Giuria dei Giornalisti Cinematografici all’interno degli 87 titoli usciti nell’anno solare (documentari presentati nei Festival e poi distribuiti in sala o in dvd e sul web o trasmessi da una rete televisiva), gli aderenti al SNGCI hanno deciso di anticipare ad oggi, martedì 16 febbraio, la notizia che il Nastro d’Argento Speciale, Sezione Documentari, sarà conferito a Gianfranco Rosi la sera del 25 febbraio presso la Casa del Cinema di Roma per il suo recente lavoro Fuocoammare, in Concorso alla 65ma Berlinale, tuttora in corso di svolgimento.
Il motivo dell’anticipazione risiede nel’idea che il Nastro, il secondo conseguito da Rosi dopo Sacro Gra, possa rappresentare un invito in più ad andare a vedere il film, così da confrontarsi con un’opera, da dopodomani nelle sale, che ci consegna una pagina di grande cinema civile nel segno della solidarietà, oltre l’indifferenza che, sulla tragedia dei migranti, neanche il più militante giornalismo d’inchiesta è riuscito ancora a sconfiggere. Continua a leggere