Archivi tag: Nicoletta Braschi

71mo Festival di Cannes, in Concorso Alice Rohwacher e Matteo Garrone

Alice Rohwacher (Il Libraio)

All’interno del cartellone relativo al 71mo Festival di Cannes, svelato oggi, giovedì 12 aprile, a Parigi, dal presidente Pierre Lescure e dal delegato generale Thierry Frémaux, vi sono due film italiani in Concorso: Dogman di Matteo Garrone, ispirato alla storia di cronaca nera del “canaro” della Magliana, interpretato da Marcello Fonte, e Lazzaro felice di Alice Rohwacher, con Nicoletta Braschi, Sergi Lopez, Alba Rohrwacher, Tommaso Ragno; nella sezione Un Certain Regard troviamo Euphoria, seconda regia di Valeria Golino dopo Miele, che vede quali interpreti principali Riccardo Scamarcio e Valerio Mastandrea.
Infine, nella selezione della Cinefondation  ecco il corto Così in terra del giovane autore Pier Lorenzo Pisano, suo saggio al Centro sperimentale di Cinematografia. Continua a leggere

David di Donatello 2017, “La pazza gioia” del cinema italiano

Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti

Si è svolta questa sera, lunedì 27 marzo, negli Studi De Paolis di Roma, la cerimonia di premiazione della 61ma edizione dei David Di Donatello, condotta da Alessandro Cattelan con la consueta verve ed una certa spigliatezza, anche se poco ha potuto per un andamento complessivo che è parso alla lunga piuttosto statico e farraginoso, pur con qualche momento felice (l’esibizione di Manuel Agnelli, Across The Universe, in omaggio agli esponenti del mondo dello spettacolo scomparsi nel 2016 e in questi primi mesi del 2017; il ringraziamento di Roberto Benigni, insignito del David alla carriera, alla moglie Nicoletta Braschi).  Indivisibili di Edoardo De Angelis, una coraggiosa proposta idonea a far riflettere sul nostro decadimento morale e materiale, “il film che non si doveva produrre”,  e Veloce come il vento di Matteo Rovere, espressione di una ritrovata voglia di “fare cinema” in virtù dell’inventiva espressa dai suoi autori, nell’intuizione di portare sullo schermo opere originali diversificate nello stile ed idonee ad essere apprezzate oltre confine, ottengono sei David a testa, mentre La pazza gioia di Paolo Virzì, premiato fra l’altro come Miglior Film e per la Miglior Attrice Protagonista, Valeria Bruni Tedeschi (autrice di un discorso di ringraziamento da antologia, ilare, giocoso, autoironico), ottiene cinque statuette, dando così ulteriore conferma autoriale alla prosecuzione della commedia all’italiana propriamente detta nella sua abile composizione di dramma ed ironia, senso del grottesco  e lucida analisi di costume. Di seguito, tutti i riconoscimenti assegnati. Continua a leggere

Bologna: “Asta Diva”, asta benefica organizzata da “Probone Italia”

Logo_PROBONE_1Domenica 8 dicembre, a Bologna, presso Sympò – ex Chiesa (Via Lame 83), alle ore 17.30, avrà luogo Asta Diva, asta benefica di oggetti e cimeli appartenuti a varie celebrità a due anni esatti dalla prima, organizzata dalla Probone Italia con il generoso aiuto di Lucio Dalla. La Fondazione ritorna quindi per un evento unico, come unici sono i pezzi che verranno battuti nel corso della serata, oggetti e cimeli donati da personaggi, ognuno famoso nel proprio ambito: della musica, dello sport, del cinema, dell’arte, del giornalismo e della moda.
Battitori d’eccezione saranno i Gemelli Ruggeri.

sgSi partirà proprio dal camicione indossato da Lucio Dalla nel tour del 1988 Dalla/Morandi, per proseguire con la bacchetta di Claudio Abbado, la fisarmonica e la bicicletta di Roberto Benigni e Nicoletta Braschi, i guanti di Fernando Alonso donati da Luca Cordero di Montezemolo.
Poi si passerà dalla sedia da regista di Pupi Avati alla tavolozza di Mimmo Paladino e al manifesto del Don Giovanni autografato da Pier Luigi Pizzi, dono del Teatro Comunale di Bologna; dalla tuta indossata da Alberto Tomba nell’ultima vittoria ai mondiali (Crans-Montana, 1998) alla maglia della Nazionale di Alessandro Diamanti; dalla borsa e agli occhiali da sole di Valeria Golino e Riccardo Scamarcio alla maglia di Andrea Pirlo donata da Gianluca Pessotto.

Lucio Dalla

Lucio Dalla

Dal mondo della musica, due regine della lirica come Mirella Freni e Raina Kabaivanska hanno donato rispettivamente un top azzurro e uno scialle portati in scena; ma anche Laura Pausini, con il top indossato nel tour 2011-2012, e poi le donazioni di Cesare Cremonini, Samuele Bersani, Albano Carrisi, Tiziano Ferro, Ron o, nell’ambito del giornalismo giornalismo televisivo, di Milena Gabanelli, Alda D’Eusanio e Rosanna Lambertucci.
Ma la lista di quanti aderiranno all’evento cresce di giorno in giorno e molti saranno una sorpresa (come Fiorello).

I Fratelli Ruggeri

I Fratelli Ruggeri

La Probone Italia è una Fondazione non a scopo di lucro, nata nel 2011 con l’obiettivo di curare, assistere e aiutare le persone affette da tumori vertebrali, la stessa patologia di cui soffriva Rita Masotti, la paziente che ha lasciato in eredità una testimonianza concreta di solidarietà e speranza.
Il Presidente, Alessandro Gasbarrini, medico dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, sintetizza così lo spirito di questo progetto: “Non per forza si devono versare soldi, non per forza bisogna dedicare tempo, non per forza bisogna apprezzare il lavoro svolto… Non per forza, ma per amore”.

Per informazioni:
Fondazione Probone Italia onlus
e-mail: info@probone.org
cell. 342 5637037
http://www.probone.org

66mo Festival di Cannes: la selezione ufficiale

66mo-festival-di-cannes-la-selezione-ufficial-L-cgbqqNEcco il cartellone ufficiale del 66mo Festival di Cannes (15-26 maggio), annunciato stamane dal direttore artistico Thierry Freumax nella conferenza stampa tenutasi a Parigi.
Tra i titoli in concorso risaltano Only God Forgives, di Nicolas Winding Refn; La venere in pelliccia, diretto da Roman Polanski; Wara No Tate/Shield Of Straw, per la regia di Takashi Miike; Behind The Candelabra, di Steven Soderbergh; Inside Llewyn Davis, dei fratelli Coen, Un chateau en Italie, terza prova come regista di Valeria Bruni-Tedeschi.
A rappresentare i nostri colori La grande bellezza di Paolo Sorrentino, mentre Miele, opera prima di Valeria Golino, parteciperà nella sezione Un Certain Regard. Svelati anche i nomi dei membri di Giuria relativamente a Cinefondation, Presidente Jane Campion: Nicoletta Braschi, Maji-da Abdi, Nandita Das, Semih Kaplanoglu.

Paolo Sorrentino

Paolo Sorrentino

Film in Concorso: Un chateau en Italie (Valeria Bruni-Tedeschi); Only God Forgives (Nicolas Winding Refn); Borgman (Alex van der Warmerdam); La grande bellezza (Paolo Sorrentino); Behind the Candelabra (Steven Soderbergh); La Venus a la fourrure (Roman Polanski); Nebraska (Alexander Payne); Jeune et Jolie (Francois Ozon); Wara No Tate (Takashi Miike); La vie d’Adele (Abdellatif Kechiche); Soshite Chichi Ni Naru (Kore-Eda Hirokazu); Tian Zhu Ding (Jia Zhangke); Grisgris (Mahamat-Saleh Haroun); The Immigrant (James Grey); Le Passe ( Asghar Farhadi); Heli (Amat Esclalande); Jimmy P. (Arnaud Desplechin); Michael Kohlhaas (Arnaud Despallieres); Inside Llewin Davis (Joel e Ethan Coen).

Valeria Golino

Valeria Golino

Fuori Concorso: All Is Lost (J.C.Chandor); Blood Ties ( Guillaume Canet). Proiezioni Speciali: Weekend of a Champion (Roman Polanski); Seduced and Abondoned (James Toback); Otdat Konci (Taisia Igumentseva); Stop the Pounding Heart (Roberto Minervini); Muhammad Ali’s Greatest Fight (Stephen Frears); Bombay Talkies (Anurag Kashyap, Dibakar Banerjee, Zoya Akhtar, Karan Johar). Omaggio a Jerry Lewis: Max Rose (Daniel Noah). Proiezioni di Mezzanotte: Blind Detective (Johnnie To); Moonsoon Shootout (Amit Kumar).

66mo-festival-di-cannes-la-selezione-ufficial-L-tiCDCZUn Certain Regard: The Bling Ring (Sofia Coppola, film d’apertura); Grand Central (Rebecca Zlotowski); Sarah préfère la course (Chloé Robichaud); Anonymous (Mohammad Rasoulof); La jaula de oro (Diego Quemada-Diaz); L’image manquante (Rithy Pahn); Bends (Flora Lau); L’inconnu du lac (Alain Guiraudie); Miele (Valeria Golino); As I Lay Dying (James Franco); Norte, Hangganan Ng Kasaysayan (Lav Diaz); Les Salauds (Claire Denis); Fruitvale Station (Ryan Coogler); Death March (Adolfo Alix); Jr. Omar (Hany Abu-Assad).

66mo-festival-di-cannes-la-selezione-ufficial-L-JbSKE7Film d’apertura: The Great Gatsby, Baz Luhrmann.
Film di chiusura: Zulu, Jérôme Salle. Gala Screening, Tribute to India: Bombay Talkies (Anurag Kashyap, Dibakar Banerjee , Zoya Akhtar, Karan Johar).