Archivi categoria: Libri

Illuminazione mattutina

Probabilmente non sarà un pensiero originale, banale senz’altro, elaborazione di svariate letture e molteplici visioni filmiche, per cui chiedo precipuamente venia agli eventuali autori, ma stamane nel passeggiare di buon mattino col fido Boghy mi giunse la seguente illuminazione: in fondo la vita non è altro che quanto succede in quell’attimo impercettibile fra il respirare e il continuare strenuamente a crederci, nonostante tutto. Buona domenica.

Antonio

Il matrimonio di Caterina: dal romanzo di La Cava il film di Comencini

apostrofi a sud

Anna Melato

Il matrimonio di Caterina, diretto da Luigi Comencini, autore anche della sceneggiatura, insieme alla figlia Cristina e a Massimo Patrizi, è un adattamento dell’omonimo racconto di Mario La Cava (scritto nel 1932 ma pubblicato solo nel 1977, dall’editore Scheiwiller), presentato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nel 1982 e compreso in un progetto RAI andato in onda nel 1983, Dieci registi italiani, dieci racconti italiani. Nel corso della narrazione appare evidente la sensibilità con la  quale il regista tratteggia la figura di Caterina, interpretata con vivida immedesimazione da Anna Melato, concedendo opportuno risalto al  carattere della donna, tendenzialmente chiuso ma fremente di aprirsi ad una nuova esistenza.

La donna vive con i genitori, in un piccolo paese della Calabria, ha trent’anni, un’età in cui agli occhi della gente risulta disdicevole non essere sposata. Il padre (Donato Petilli) allora si preoccuperà di “procurarle” un fidanzato, Giuseppe…

View original post 342 altre parole

“Before and after Eno”: intervista all’autore, Marco Calloni

Ho avuto modo di conoscere Marco Calloni per caso, attraverso il blog, da uno scambio di e-mail: ho accettato,con piacere e curiosità, l’ invito a leggere la sua prima pubblicazione, Before and After Eno- Una biografia di Brian Eno (Meridiano Zero), che nel titolo richiama un album del musicista britannnico (Befor and After Science, 1977, Polydor Records); dopo la lettura curiosità e osservazioni da condividere si sono rivelate numerose, scaturendo infine nell’intervista che potete leggere qui di seguito. Marco Calloni, classe 1987, si è laureato in Scienze dei Beni Culturali presso l’Università Statale di Milano con una tesi su Brian Eno.
Collaboratore per un breve periodo di Radio Popolare e Outsider, nutre un profondo interesse per  il cinema e l’arte degli anni Sessanta e Settanta. Da sempre appassionato di musica e relazioni storico-culturali annesse, attualmente scrive articoli e monografie per la rivista specializzata Late For The Sky e recensioni per Blogfoolk e Ondarock. Continua a leggere

“Turn of the Century”: le poesie di Claudio Sottocornola tradotte in inglese

Claudio Sottocornola arriva sul mercato di lingua inglese con Turn of the Century: la ricercatrice americana Luisa del Pilar Massey, di origine texana e lettrice madrelingua nei licei bergamaschi, ha curato una traduzione fedele e attenta, sensibile e avvincente delle poesie del filosofo del pop, da anni impegnato in una capillare opera di rilettura del contemporaneo alla luce di poliedrici strumenti espressivi, come musica, poesie e immagini. Ora la prestigiosa rivista internazionale Contemporary Literary Horizons omaggia il filosofo, poeta, musicologo e performer italiano pubblicandone le liriche in inglese, con versione italiana a latere (dopo le precedenti traduzioni in spagnolo, rumeno e francese) per la sua Bibliotheca Universalis (Edizioni PIM), che include autori di ogni parte del mondo nella collana Aula Magna. La traduzione predilige una declinazione americana della lingua inglese, voluta dall’autore per evidenti ragioni affettive (ha vissuto e studiato negli Stati Uniti), che si confà perfettamente alla natura on the road di molte poesie di Sottocornola, le quali spaziano dalla metà degli anni ’70 al nuovo millennio,  così da tratteggiare gli scenari di una Fin de siècle (titolo della silloge originale, uscita nel 2015) che si spinge sino ai nostri giorni, fra eco del post ’68, pensiero debole e crollo delle ideologie, fenomeni migratori e ricerca di senso nell’età della crisi globale.  Continua a leggere

Galleria

“L’albero di more”, coinvolgente incontro fra la narrativa di Gioacchino Criaco e la musica di Paolo Sofia

Questa galleria contiene 4 immagini.

Originally posted on apostrofi a sud :
Serata di grande impatto culturale quella che si è svolta lo scorso martedì, 24 luglio, ad Ardore Marina (RC), all’interno della suggestiva location dell’ex Lido Ardor: il numeroso pubblico intervenuto ha infatti potuto assistere,…

La parola piangere (Gianni Rodari)

Un giorno tutti saremo felici.
Le lacrime, chi le ricorderà?

I bimbi scoveranno
nei vecchi libri
la parola “piangere”
e alla maestra in coro chiederanno:
“Signora, che vuol dire?
Non si riesce a capire”.

Sarà la maestra,
una bianca vecchia
con gli occhiali d’oro,
e dirà loro:
“Così e così”.

I bimbi lì per lì
non capiranno.
A casa, ci scommetto,
con una cipolla a fette
proveranno e riproveranno
a piangere per dispetto
e ci faranno un sacco di risate…
Continua a leggere

“Saggi Pop. Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo”- Claudio Sottocornola (Marna Edizioni)

Saggi Pop. Indagini sull’effimero essenziale alla vita e non solo (Marna Edizioni), il nuovo libro di Claudio Sottocornola, è un’opera pregevole dal punto di vista culturale, oltre che di piacevole lettura: attraverso la molteplicità delle tematiche trattate, in virtù di quel suggestivo percorso interdisciplinare e transmediale da sempre caratterizzante l’attività creativa propria di un moderno filosofo che si avvale di originali chiavi interpretative, nello scorrere delle pagine si offre una rappresentazione ermeneutica della contemporaneità e le sue derive, nella visione del declino di una civiltà e nel trionfo del pensiero debole, dove, fra scetticismo e disillusioni, determinati valori come bene, verità e, soprattutto, bellezza, possono ancora costituire un solido baluardo a difesa di quella verità insita nell’uomo, idonea a divenire un tutt’uno con esso, richiamando responsabilità individuali e collettive “nel saper scegliere quale intensità di vita e di valore vogliamo realizzare”.
Il volume è strutturato in due parti: la prima, Saggi Pop, raccoglie, in versione integrale, articoli di approfondimento su vari argomenti, pubblicati, negli anni che vanno dal 2009 al 2016, su riviste destinate a diverse tipologie di lettori, offrendo spazio tanto alla divulgazione quanto al’attività d’indagine, storica, sociologica ed antropologica. Continua a leggere