Archivi tag: Agostino Ferrente

69ma Berlinale, la composizione della Giuria

Juliette Binoche (Wikipedia)

Sono stati resi noti nei giorni scorsi i nominativi dei giurati che andranno ad affiancare la presidentessa Juliette Binoche alla 69ma Berlinale (7-17 febbraio): l’attrice tedesca Sandra Hüller, il critico americano Justin Chang, il regista cileno Sebastián Lelio, il curatore museale statunitense Rajendra Roy, l’attrice, regista e produttrice britannica Trudie Styler. Riguardo invece le opere prime, queste saranno sottoposte al giudizio della regista Vivian Qu (Cina), del cineasta franco-senegalese Alain Gomis e della giornalista e scrittrice Katja Eichinger (Germania).
Altre notizie in arrivo da Berlino, i nostri colori saranno rappresentati, oltre che da La paranza dei bambini, diretto da Claudio Giovannesi, in Concorso, da altre quattro opere, presenti nella sezione Panorama: due film (Il corpo della sposa, Flesh Out, primo lungometraggio di Michela Occhipinti e Dafne, seconda prova registica di Federico Bondi) e due documentari (Selfie, di Agostino Ferrente e Normal, diretto da Adele Tulli).

 

Roma, al “Nuovo Cinema Aquila” il Cine-Concertino per festeggiare “Le cose belle”

untitledContinua la tenitura in sala de Le cose belle di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno, il film diventato un caso dell’estate dopo i numerosi riconoscimenti internazionali e l’apprezzamento unanime della critica e del pubblico delle sale italiane. Oggi, venerdì 19 settembre, al Nuovo Cinema Aquila di Roma, dove il film è in cartellone da giovedì 18, per festeggiare insieme al pubblico la dodicesima settimana di programmazione, alle ore 20.30 avrà luogo il Cine-Concertino, interpretato a fine proiezione da uno dei protagonisti del film, Enzo della Volpe, il cantante bambino costretto a rinunciare agli studi musicali per cercare lavoro in giovane età. Enzo si esibirà accompagnato da un mandolinista e da un chitarrista per omaggiare, in chiave molto personale, un genere tutto partenopeo, la posteggia, tramandata oralmente da cantori eredi di una tradizione che ebbe origine da menestrelli e trovatori arrivando a figure storiche della canzone italiana come Caruso a Pino Daniele, i quali hanno esordito, anche loro, con questo genere.

“Il Cine-Concerto è un piccolo happy ending che i registi hanno voluto regalare ad Enzo” spiega Agostino Ferrente (che già aveva inventato il Cine-Concerto per il suo L’Orchestra di Piazza Vittorio) “per risarcirlo in parte di quello che la vita gli ha tolto, cercando di salvare quel talento che il contesto sociale in cui è cresciuto non gli aveva consentito di valorizzare con i dovuti studi”.
Sempre al Nuovo Cinema Aquila, sabato 20 settembre il co-regista Giovanni Piperno incontrerà il pubblico. Il film sta continuando il suo lungo tour di presentazioni nelle sale d’Italia, accompagnato da autori e interpreti, in molte città è ancora in programmazione, in altre arriverà prossimamente.

“Il Mese del Documentario 2014”: proiezione de “Le cose belle” a Parigi

untitledA conclusione della manifestazione Il Mese del Documentario, organizzatoa da Doc/it Associazione Documentaristi Italiani il film Le cose belle di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno ha fatto incetta di premi, vincendo il Doc/it Professional Award come Miglior Documentario Italiano dell’anno oltre al Premio del Pubblico Italiano e anche al prestigioso Premio del Pubblico Europeo offerto dagli Istituti Italiani di Cultura di Barcellona, Berlino, Londra, Parigi. Il film è stato infatti proiettato assieme agli altri quattro documentari finalisti in 13 città di cui 4 capitali d’Europa dove le proiezioni hanno ottenuto un notevole successo ed è stato il pubblico a votare il migliore. Grazie proprio al Premio del Pubblico Europeo Le cose belle sarà proiettato in tre sale cinematografiche nelle capitali di Parigi, Berlino e Barcellona.

lecosebelleLe cose belle, prodotto dagli stessi registi insieme ad Antonella Di Nocera, Donatella Botti e Donatella Francucci, racconta la fatica e la bellezza di crescere nell’ Italia del Sud in un film dal vero, che narra tredici anni di vita, quella di Adele, Enzo, Fabio e Silvana. Il film sarà proiettato al Cinéma La Clef, considerato uno dei più importanti punti di riferimento del cinema indipendente parigino questa sera, lunedì 24 marzo, alle ore 20, giovedì 27 marzo alle ore 14 e domenica 30 marzo alle ore 16. Ognuna delle proiezioni sarà presentata dai registi.

Le cose belle è stato presentato in una prima versione alle Giornate degli Autori della 69ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e, grazie al sostegno di Ermanno Olmi, che ne patrocina la distribuzione in sala con la sua Ipotesi Cinema, è stato rieditato nel corso del 2013; oltre ai premi de Il Mese del Documentario, il film si è aggiudicato numerosi riconoscimenti in vari festival internazionali tra cui Salina Doc Festival, Med Film Fest, Festival Internazionale del Cinema Mediterraneo di Tétouan, Bellaria Film Festival, Annecy.

Cinéma La Clef: 34, rue Daubenton, 75005 Paris
Le cose belle: http://www.lecosebelle.eu/- http://www.thegoodthings.it/
Il trailer: http://www.youtube.com/watch?v=4tAwVB2tfEs
Il Mese del Documentario: http://ilmese2013.documentaristi.it/

I vincitori della Seconda Edizione de “Il Mese del Documentario”

1947953_599758636771073_1220823858_nSi è svolta ieri sera, venerdì 21 febbraio, presso la Casa del Cinema di Roma, la cerimonia di premiazione dei vincitori della Seconda Edizione de Il Mese del Documentario, condotta dai registi Gustav Hofer (Italy Love It or Leave It) e Giulia Amati (This Is My Land Hebron).
La kermesse ha avuto svolgimento attraverso cinque settimane di proiezioni, relative ai dieci documentari finalisti, cui hanno partecipato quasi 10.000 spettatori, coinvolgendo il pubblico di ben 13 città, ottenendo un notevole successo non solo in Italia (Roma, Milano, Bologna, Firenze, Napoli, Nola, Nuoro, Palermo, Torino) ma anche in quattro capitali europee (Barcellona, Berlino, Londra, Parigi).
“Accanto al proposito di rendere visibili film di alto livello tecnico e narrativo, tra gli scopi della manifestazione c’è quello di dimostrare che, avendone la possibilità, il pubblico va volentieri in sala a vedere film documentari”, hanno spiegato i direttori del Festival, Christian Carmosino e Emma Rossi Landi. Continua a leggere

Nastri d’ Argento 2014: “Per altri occhi” miglior documentario

yNel corso della cerimonia di premiazione che si è svolta ieri sera, venerdì 31 gennaio, presso il Teatro Ambra Garbatella di Roma, la Giuria composta dai giornalisti cinematografici aderenti al Sngci ha assegnato il Nastro d’Argento per il miglior documentario a Per altri occhi di Silvio Soldini e Giorgio Garini, mentre quello per il miglior film dedicato al cinema è stato conferito a I Tarantiniani, di Steve Della Casa e Maurizio Tedesco.

Piera Degli Esposti

Piera Degli Esposti

Un Nastro Speciale è andato a Gianfranco Rosi, per Sacro Gra, mentre Piera Degli Esposti è stata premiata come Migliore attrice protagonista nel documentario, per “la passione e la vivacità dei suoi personalissimi interventi” e il ritratto offerto, attraverso il lavoro di Peter Marcias, in Tutte le storie di Piera. Premi e menzioni speciali sono poi stati assegnati, rispettivamente, a Fuoriscena (Massimo Donati e Alessandro Leone), Lino Miccichè, mio padre- Una visione del mondo (Francesco Miccichè), Lettera al Presidente (Marco Santarelli), Bertolucci on Bertolucci (Walter Fasano e Luca Guadagnino), Dal profondo (Valentina Pedicini).

“Le cose belle” di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno apre la nuova edizione de “Il Mese del Documentario”

51011122-il-mese-del-documentarioCon le proiezioni previste questa sera, lunedì 13 Gennaio, a Roma e Milano, rispettivamente alla Casa del Cinema (ore 21) e al Cinema Mexico (ore 22) prende il via la nuova edizione de Il Mese del Documentario, che coinvolge 13 città in Italia e in Europa.
Cinque settimane di festival per proporre al pubblico italiano ed europeo il meglio del documentario scelto dai professionisti di questo settore.
Ad aprire l’edizione 2014 Le cose belle di Agostino Ferrente (Orchestra di Piazza Vittorio, 2006) e Giovanni Piperno (L’esplosione, 2003, Il pezzo mancante, 2011), documentario che continua a vincere premi e a ottenere il favore di pubblico e critica. Il film sarà poi proiettato nelle sedi di Nola, Nuoro, Napoli Palermo, Torino, Barcellona, Berlino, Parigi e Londra, nei giorni che vanno dal 14 al 19 gennaio.

lecosebelleLa proiezione di questa sera alla Casa del Cinema di Roma vedrà la presenza di Giovanni Piperno, mentre Agostino Ferrente sarà a Milano e la produttrice Antonella Di Nocera e parte del cast saranno a Nola.
I registi incontreranno anche il pubblico europeo a Parigi, Berlino e Londra.
Il film dal vero dei due registi mostra la fatica e la bellezza del crescere al Sud di Adele, Enzo, Fabio e Silvana in due momenti fondamentali delle loro esistenze.
Il progetto nasce nel 1999 e prende vita dal documentario Intervista a mia madre (andato in onda in prima serata su Rai Tre e vincitore della menzione speciale al 18mo Festival di Torino, nel 2000) in cui gli autori hanno incontrato per la prima volta i loro quattro protagonisti.

“Stavamo filmando dei giovanissimi in quella fase della vita in cui gli occhi brillano di una luce speciale” dicono i registi “in una città dove tutto sembrava più forte: la violenza, le speranze, l’energia, la sensualità, la rassegnazione”.
Dieci anni dopo Ferrente e Piperno sono tornati, raccontando per la seconda volta il loro presente. E per indagare se nel loro sguardo e nei loro pensieri esistono ancora delle cose belle. La versione definitiva portata a termine nell’arco del 2013, con il sostegno di Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, ha ottenuto numerosi premi, tra cui la menzione speciale concorso Italia Doc e la menzione speciale Casa Rossa Doc al Festival di Bellaria 2013 e la vittoria al Festival International du Cinéma Méditerranéen de Tétouan.
Il film uscirà a breve in sala grazie all’Istituto Luce.

Proiezioni italiane: Roma – Casa del Cinema, lunedì 13 gennaio, ore 21; Milano – Cinema Mexico, lunedì 13 Gennaio, ore 22; Nuoro – Istituto Superiore Etnografico della Sardegna, martedì 14 Gennaio, ore 19; Palermo – Centro Sperimentale di Cinematografia, martedì 14 Gennaio, ore 16; Torino – OffiCine Piemonte Movie, mercoledì 15 Gennaio ore 21; Nola – Cinema Savoia, giovedì 16 Gennaio, ore 21; Napoli – Cinema Astra, venerdì 17 Gennaio ore 21.

Proiezioni europee: Londra – Istituto Italiano di Cultura, martedì 14 gennaio ore 18:30; Barcellona – Istituto Italiano di Cultura, mercoledì 15 gennaio, ore 18:30; Parigi – Cinéma La Clef, mercoledì 16 gennaio, ore 20:00; Berlino – CinemAperitivo Kino Babylon, domenica 19 gennaio, ore 18:00.

Ulteriori informazioni sono rinvenibili sul sito del Mese del Documentario

“Il Mese del Documentario”: i 10 film selezionati

????Sono 10 i film de Il Mese del Documentario, evento promosso e organizzato da Doc/it – Associazione Documentaristi Italiani, in collaborazione con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, che accompagneranno il pubblico per cinque settimane dal 13 gennaio al 22 febbraio 2014. Questa seconda edizione si terrà in 11 città italiane ed europee, con una programmazione che si contraddistingue per essere scelta da documentaristi e professionisti del settore, i quali hanno preso parte ad un processo di selezione durato più di cinque mesi sotto la direzione artistica di Christian Carmosino e Emma Rossi Landi.

19610Il Doc/it Professional Award, ha visto 89 film iscritti, i quali hanno passato il vaglio di un comitato di preselezione composto da 30 tra i maggiori esperti di documentario in Italia. I 26 film selezionati sono poi stati visionati e votati da una Academy di oltre cento professionisti che ha portato alla selezione dei migliori 5, quelli che saranno proiettati in sala, dando vita alla sezione italiana della manifestazione. I film concorrono, fra gli altri, al Premio Doc/it Professional Award come miglior documentario italiano dell’anno (3000 euro offerti da Doc/it) e al Premio del Pubblico (1000 euro offerti da 100autori).
La votazione del Doc/it Professional Award è stata resa possibile grazie alla digital library della Casa del Documentario, il più grande archivio in Italia dedicato al documentario italiano che quest’anno compie 10 anni.

lecosebelleIl Doc.International, sezione dedicata al cinema internazionale, vede cinque film che hanno vinto nei più importanti festival mondiali ambientati in Marocco, Canada, Georgia, Uganda e Giappone, i quali concorrono al Premio del Pubblico come miglior documentario internazionale (1000 euro offerti da Doc/it).
Il comitato selezionatore è composto da Valeria Adilardi, Giovanni Giommi, Silvia Luzi, Cristina Rajola e Alberto Vendemmiati.
“Sono film che ci mostrano come il cinema documentario possa eccellere non solo affrontando le grandi tematiche sociali e politiche del presente”- spiega Emma Rossi Landi –“ma raccontare anche storie personali, vicende locali, famigliari ed intime che assumono significati universali”. Di seguito, l’elenco dei titoli finalisti.

untitledyjk4tri46tDoc/It Professional Award: Il gemello (Italia, 2012, Vincenzo Marra); Il libraio di Belfast (Le Libraire de Belfast, Italia/Francia/Gran Bretagna, 2012, Alessandra Celesia); Le cose belle (Italia, 2013, Agostino Ferrente e Giovanni Piperno); Materia oscura (Italia, 2013, Massimo D’Anolfi e Martina Parenti); Noi non siamo come James Bond (Italia, 2013, Mario Balsamo). Doc International: Call me Kuchu (USA, 2012, Malika Zouhali-Worrall e Katherine Fairfax Wright); Rent a Family Inc (Lej En Familie A/S, Danimarca, 2012, Kaspar Astrup Schröder); Stories We Tell (Canada, 2012, Sarah Polley); Tea or Electricity (Le thé ou l’electricité, Belgio/Marocco/Francia, 2012, Jérôme Le Maire); The Machine Which Makes Everything Disappear (Manqana, romelic kvelafers gaaqrobs, Georgia, 2012, Tinatin Gurchiani).