Archivi tag: Brie Larson

Free Fire

Boston, fine anni’70, notte.
A bordo di un furgone vi sono Bernie (Enzo Cilenti), alla guida, e Stevo (Sam Riley). Quest’ultimo appare conciato piuttosto male causa un episodio, sicuramente spiacevole, avvenuto la notte precedente e del quale non intende parlare; suo cognato Frank (Michael Smiley), insieme a Chris (Cillian Murphy), entrambi facenti parte dell’IRA, e all’americana Justine (Brie Larson), che farà da intermediaria nell’acquisto di una partita d’armi con tale Ord (Armie Hammer), li attendono al molo; una volta avvenuto l’incontro fra i cinque, non resta che aspettare l’arrivo di Ord, il quale una volta giunto e sinceratosi che nessuno nasconda dei microfoni, li invita a seguirlo all’interno di una fabbrica dismessa, ormai fatiscente.Ecco dunque comparire i trafficanti d’armi Vernon (Shareto Copley) e il suo socio Martin (Babou Ceesay): la situazione inizia da subito a farsi tesa, fra battute al vetriolo ed esternazione di malcontenti vari, considerando poi che i fucili non sono del modello richiesto.
L’affare comunque va in porto, anche se tutto si complica una volta che  i due chiamano i loro tirapiedi per provvedere alla consegna, Gordon (Noah Taylor) ed Harry (Jack Renoir), visto che quest’ultimo costituisce il motivo dell’aspetto malconcio di Stevo… Nel giro di pochi minuti la vecchia fabbrica sarà teatro di una cruenta sparatoria, con feriti da entrambi le parti, aggravata ulteriormente dall’arrivo improvviso di due misteriosi cecchini… Continua a leggere

Oscar 2017: le nomination

oscar-905-675x905Sono state annunciate oggi, martedì 24 gennaio, alle 5.30, 14.30 ora italiana, per la prima volta in diretta streaming, da Brie Larson, Jennifer Hudson, Emmanuel Lubezki, Ken Watanabe e Jason Reitman, le nomination relative agli 89esimi Academy Awards®.
La La Land ottiene ben 14 candidature, eguagliando Titanic (1997, James Cameron) ed Eva contro Eva (1950, All About Eve, Joseph L. Mankiewicz).
Fuocoammare di Gianfranco Rosi consegue la candidatura nella categoria Documentari, mentre Meryl Streep ottiene la ventesima nomination per la sua interpretazione in Florence Foster Jenkins, di Stephen Frears, confermandosi l’interprete con il maggior numero di candidature (la prima risale al 1979 per The Deer Hunter, Il cacciatore, di Michael Cimino), 16 come Miglior Attrice Protagonista e 4 in qualità di Non Protagonista.
La cerimonia di premiazione degli 89esimi Academy Awards® sarà condotta da Jimmy Kimmel ed avrà luogo al Dolby Theatre di Hollywood, domenica 26 febbraio. Di seguito, l’elenco delle candidature. Continua a leggere

34mo Torino Film Festival: apre “Between Us”, chiude “Free Fire”

53511Between Us (Rafael Palacio Illingworth, USA, 2016), una commedia drammatica nel segno del miglior cinema indipendente americano e Free Fire (Ben Wheatley, UK/Francia 2016), un action-thriller in salsa British, saranno rispettivamente il film di apertura e di chiusura del 34mo Torino Film Festival (18-26 novembre).
La prima vede protagonista una coppia felice di trentenni nella Los Angeles dei nostri giorni: lui è un filmmaker che deve dare seguito a un promettente esordio, lei giovane donna in carriera. Durante un pranzo in famiglia, il suggerimento sulla necessità di cercare una casa più bella, in un sobborgo residenziale, è solo l’inizio di un nuovo corso; dalla casa al matrimonio il passo è breve. E proprio nel gran giorno, quando tornano a casa dal Municipio, soli e perplessi, scoppia un litigio. Con Olivia Thirlby (Juno), Ben Feldman (Mad Men) ed un cameo di Peter Bogdanovich. Il titolo di chiusura, prodotto da Martin Scorsese, è diretto da Ben Wheatley, tra i migliori cineasti britannici di oggi. Location la Boston del 1978 e, come si evince dalla sinossi, potrebbe essere accostato a Le Iene di Tarantino, ma rivisto con il tocco “sporco” dei B-movies anni ’70. Dodici uomini e una donna s’incontrano di notte in una fabbrica dismessa. Da una parte una delegazione dell’IRA, dall’altra un gruppo di trafficanti con tante armi da vendere. La tensione per la chiusura dell’affare è da subito palpabile e, quando scoppia una scintilla, si scatena l’inferno.
Tra i protagonisti Brie Larson, Cillian Murphy, Armie Hammer.

Oscar 2016: “Spotlight” miglior film, premiati DiCaprio e Morricone

Leonardo DiCaprio accepts the Oscar for Best Actor for the movie The Revenant at the 88th Academy Awards in Hollywood, California February 28, 2016.  REUTERS/Mario Anzuoni      TPX IMAGES OF THE DAY

Leonardo DiCaprio accepts the Oscar for Best Actor for the movie The Revenant at the 88th Academy Awards in Hollywood, California February 28, 2016. REUTERS/Mario Anzuoni TPX IMAGES OF THE DAY

Si è conclusa presso il Dolby Theatre di Los Angeles la cerimonia di premiazione, condotta da Chris Rock, relativa all’88ma edizione degli Academy Awards.
Miglior Film è risultato Spotlight, di Tom McCarthy, Miglior Regista Alejandro G. Iñárritu per The Revenant, film che vede (finalmente) premiato Leonardo DiCaprio come Miglior Attore Protagonista ed Emmanuel Lubezki per la Miglior Fotografia.
A portarsi a casa il maggior numero di statuette, sei, tutte “tecniche”(montaggio, trucco, sound editing, sound mixing, costumi, scenografia), è Mad Max: Fury Road, che forse avrebbe meritato maggiore considerazione dai membri dell’Academy, considerando che, ad avviso di chi scrive, George Miller ci ha offerto un film capace di restituire l’essenza del cinema più puro e genuino, al di là della, pur concreta, fantasmagoria visiva ed emozionale.
Ugualmente può scriversi per The Hateful Eight di Quentin Tarantino, che vede comunque premiato il Maestro Ennio Morricone, autore dell’intrigante e funzionale colonna sonora. Brie Larson è la Miglior Attrice Protagonista (Room, di Lenny Abrahamson), Miglior Film d’Animazione è risultato Inside Out, Miglior Film Straniero Son of Saul di László Nemes.
Di seguito, l’elenco dei premi assegnati. Continua a leggere