Archivi tag: Cyrano

Cyrano mon amour

Parigi, dicembre 1895. Al Théâtre de la Renaissance è in scena La princesse lontaine, opera in versi a firma di un giovane poeta, Edmond Rostand (Thomas Solivérès) ed interpretata dalla divina Sarah Bernhardt (Clémentine Célarié).
La piece si rivela un fiasco assoluto, la gente, sottolinea l’impresario allo sconsolato autore, predilige le commedie, come quelle scritte da Georges Feydeau (Alexis Michalik), baciate infatti dal successo. Dopotutto siamo in un’epoca di grande fermento innovatore, solo 5 anni fa, per esempio, l’ Éole di Clément Ader spiccava il primo volo, per quanto breve e già si sta diffondendo un’inedita forma di spettacolo, grazie alle “sale di proiezione di vedute animate”, quindi Edmond, confortato dalla moglie Rosemonde (Alice De Lencquesaing), si rimette presto al lavoro, in cerca di una nuova ispirazione.
A due anni di distanza il nostro attraversa però una crisi creativa, i debiti si fanno pressanti, i figli ora sono due e neanche la consorte sembra potergli offrire un briciolo di fiducia; sarà la sua amica Bernhardt a spronarlo, facendogli conoscere un famoso attore, Constant Coquelin (Olivier Gourmet), cui dovrà proporre il suo nuovo lavoro da interpretare, anche se l’illuminazione vera e propria giungerà grazie a Monsieur Honoré (Jean-Michel Martial), gestore di un Café nonché raffinato cultore di letteratura: narrare le gesta di un irruente moschettiere guascone, oltre che fine poeta, prendendo spunto dalla figura storica dell’estroso Savinien Cyrano de Bergerac, filosofo, scrittore, drammaturgo e soldato. Continua a leggere

Addio ad Alida Chelli

 Alida Chelli e Domenico Modugno (da Wikipedia)

Alida Chelli e Domenico Modugno (da Wikipedia)

Ci lascia l’attrice e cantante Alida Chelli, 69 anni, all’anagrafe Alida Rustichelli, donna affascinante e dalla splendida voce, un connubio che ha trovato la sua declamazione migliore in teatro, come testimonia il ruolo più famoso, quello di Rosetta accanto al protagonista, Enrico Montesano, nella seconda edizione (’78, la prima risale al ’62) della commedia musicale Rugantino, di Garinei e Giovannini, anche se non è certo da dimenticare, tra le tante e sempre valide esibizioni, l’interpretazione di Consolazione, ’90, in Aggiungi un posto a tavola (’73), sempre opera della “premiata ditta” di cui sopra (insieme a Iaia Fiastri), con Johnny Dorelli, o quella di Rossana, subentrando, dalla stagione’79-’80, a Catherine Spaak, nel Cyrano realizzato (’78) da Riccardo Pazzaglia e Domenico Modugno, quest’ultimo anche nella parte del nasuto spadaccino.

Alida, nata a Carpi il 23 ottobre 1942, figlia del compositore Carlo Rustichelli, ha iniziato da giovane l’attività di cantante, facendosi notare a partire dal ’59, per l’esecuzione del brano Sinnò me moro, incluso nella colonna sonora composta dal padre per il film Un maledetto imbroglio, di e con Pietro Germi (tratto da romanzo Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, Carlo Emilio Gadda), partecipando poi a varie trasmissioni televisive e produzioni teatrali, mentre il cinema (Sono strana gente ,’66 ; Quando dico che ti amo , ’67; …dai nemici mi guardo io!, ’68; Gli infermieri della mutua, ’69; Spaghetti a mezzanotte,’81) non sempre ha saputo valorizzare le sue doti di poliedricità e notevole presenza scenica, trascurandone la felice combinazione d’ ironia verace e naturalezza nel proporsi al pubblico.