Archivi tag: European Film Awards

European Film Awards 32ma edizione: Premio alla Carriera per Werner Herzog

Werner Herzog (Wikiquote)

Nel corso della 32ma edizione degli European Film Awards (EFAs), il 7 dicembre a Berlino, Werner Herzog riceverà dalla European Film Academy,  come riconoscimento del suo eccezionale contributo al mondo del cinema, il Premio alla Carriera per lo straordinario insieme del suo lavoro, la produzione, regia e scrittura di oltre settanta tra film di finzione e documentari, fin dal suo debutto nel 1968, il lungometraggio Lebenszeichen (Segni di vita), girato dopo una serie di corti, col quale conseguì l’Orso d’Argento per la Miglior Opera Prima alla 18ma Berlinale.

EFA 30ma edizione: “Premio Contributo Europeo al Cinema Mondiale” per Julie Delpy

Julie Delpy (Wikipedia)

L’European Film Academy conferirà il premio Contributo Europeo al Cinema Mondiale a Julie Delpy  per la sua straordinaria dedizione al cinema.
L’attrice e regista francese, scoperta a 14 anni da Jean-Luc Godard (Detective, 1985), diplomata in Filmmaking alla  NYU’s Tisch School of the Arts, ha diretto, scritto o recitato in oltre 30 film; sarà tra gli ospiti d’onore della  30ma edizione degli European Film Awards il  9 dicembre a Berlino.

EFA, European Film Awards 2016: le nomination

european-film-awardsEuropean Film Academy ed EFA Productions hanno annunciato ieri, sabato 5 novembre, nel corso del Seville European Film Festival, le nomination per la 29ma edizione degli European Film Awards, i cosiddetti “Oscar Europei”.
Ora agli oltre tremila membri dell’Academy spetterà il compito di votare i vincitori, che saranno annunciati il prossimo 10 dicembre, quando avrà luogo la cerimonia di premiazione a Wroclaw, Capitale Europea della Cultura 2016.
In corsa anche i nostri colori, rappresentati da Fuocoammare di Gianfranco Rosi e S is For Stanley di Alex Infascelli, ambedue nella categoria Miglior Documentario Europeo e Valeria Bruni Tedeschi, fra le candidate come Miglior attrice per la sua bella prova ne La pazza gioia di Paolo Virzì. Di seguito, l’elenco delle candidature. Continua a leggere

L’EFA premia Charlotte Rampling e Christoph Waltz

Charlotte-RamplingL’European Film Academy ha comunicato il conferimento all’attrice Charlotte Rampling e all’ attore Christoph Waltz di due importanti riconoscimenti, che saranno loro conferiti nel corso della cerimonia di premiazione della 28ma edizione degli European Film Awards, il 12 dicembre a Berlino.
Si tratta, rispettivamente, del Premio alla Carriera per l’eccezionale insieme della sua opera e del Premio Contributo Europeo al Cinema Mondiale.
Nata in Inghilterra, nel corso della sua carriera Charlotte Rampling ha lavorato con grandi registi europei da Luchino Visconti, Liliana Cavani e Patrice Chereau a François Ozon, Laurent Cantet, Claude Lelouch, Gianni Amelio, Bille August e Lars von Trier. Ha ottenuto cinque nomination agli EFA e vinto il premio come Attrice Europea 2003 per Swimming Pool (François Ozon).
Nel 2001 le è stato conferito un Premio César onorario e recentemente ha ricevuto l’Orso d’Argento a Berlino per la sua interpretazione in 45 anni (45 Years, Andrew Haigh, 2015), film incluso nella selezione dell’EFA di quest’anno. Continua a leggere

European Film Awards 2014: il trionfo di “Ida”, importanti riconoscimenti per Pif e Alessandro Rak

8Si è svolta ieri sera, sabato 13 dicembre, a Riga, la cerimonia d’assegnazione dei ventisettesimi European Film Awards, gli EFA, i cosidetti “Oscar europei”.
Vero e proprio trionfo per Ida, diretto da Pawel Pawlikowsky, che ottiene cinque premi (miglior film, sceneggiatura, regia, fotografia e premio del pubblico), mentre riguardo i nostri colori nulla di fatto per Il capitale umano di Paolo Virzì (candidato per la miglior regia e la miglior attrice, Valeria Bruni Tedeschi) e Sacro Gra di Gianfranco Rosi (il premio per il miglior documentario è andato a Master of the Universe, di Marc Bauder), ma a compensare questo mancato risultato accorrono due riconoscimenti piuttosto importanti per il cinema italiano: il premio come miglior commedia andato a La mafia uccide solo d’estate di Pif e quello per il miglior film d’animazione assegnato a L’arte della felicità di Alessandro Rak.

Pif

Pif

E’, a mio parere, come ho avuto modo di scrivere già in precedenti articoli, la testimonianza, ormai concreta, di come si possa trovare una certa affermazione anche oltre gli italici confini, una volta prese le distanze dalle consuete produzioni nel provare a venir fuori dai soliti comodi schemi, proponendo, con un filo ideale rivolto alle migliori opere del passato, un rinnovamento che ha il punto di partenza nella riscoperta dei generi e nella loro inedita caratterizzazione. Di seguito, il palmarès completo. Continua a leggere

European Film Awards 2014: le nomination

untitled4Sono state annunciate ieri, sabato 8 novembre, dall’European Film Academy e da EFA Productions, nel corso del Seville European Film Festival, le nomination per la 27esima edizione degli European Film Awards (EFA). Ora i film nominati passeranno all’esame degli oltre 3.000 membri dell’EFA per la scelta dei vincitori, che saranno annunciati nel corso della Cerimonia di Premiazione, a Riga, sabato 13 dicembre. Nell’elenco delle candidature, troviamo Paolo Virzì e Valeria Bruni Tedeschi (nominati rispettivamente come Regista Europeo e Attrice Europea per Il capitale umano), insieme a La mafia uccide solo d’estate (Pif- Pierfrancesco Dilberto, Commedia Europea). Continua a leggere

EFA 2014, omaggio ad Agnès Varda

Agnès Varda (vallesabbianews.it)

Agnès Varda (vallesabbianews.it)

Il prossimo 13 dicembre l’European Film Academy, nel corso della 27ma Cerimonia degli European Film Awards, a Riga, conferirà ad Agnès Varda il Premio alla Carriera, un riconoscimento del contributo unico e attento che ha dato al mondo del cinema, per l’eccezionale insieme della sua opera.
La scrittrice e regista francese sarà l’ospite d’onore. Agnès Varda si è affermata negli anni come una delle figure più importanti del cinema francese e internazionale; già il suo debutto alla regia nel 1954, dopo i trascorsi in qualità di fotografa teatrale, il lungometraggio La Pointe Courte (con Alain Resnais al montaggio e Philippe Noiret al suo primo ruolo) s’impose da subito come una delle opere più influenti della giovane generazione francese, i cui gusti e le cui caratteristiche si catalizzeranno presto in quella che verrà definita la Nouvelle Vague.