Archivi tag: Ferzan Ozpetek

Un ricordo di Ennio Fantastichini

Ennio Fantastichini (La voce del Trentino)

Dopo Bernardo Bertolucci il cinema italiano piange nuovamente  una improvvisa scomparsa, quella dell’attore Ennio Fantastichini (Gallese, VT, 1955), che ci ha lasciato ieri, sabato 1° dicembre, a Napoli. Notevole presenza scenica e temperamento impetuoso, Fantastichini ha sempre esternato una certa poliedricità nelle sue tante interpretazioni, ogni volta mettendo in atto una totale trasfigurazione immedesimativa nel ruolo che gli veniva assegnato, rivelando una vibrante ed intensa espressività, mai artefatta o forzata. Trasferitosi da Fiuggi, dove il padre, carabiniere, era comandante della locale stazione, a Roma, qui Fantastichini frequentò nel 1975 l’Accademia d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, iniziando poi a lavorare in teatro e televisione, per debuttare infine al cinema nel 1982, una piccola parte in Fuori dal giorno di Paolo Bologna, così come quella seguente, ne I soliti ignoti vent’anni dopo (Amanzio Todini), 1987, mentre nel 1988 eccolo fra i protagonisti de I ragazzi di Via Panisperna, dove, diretto da Gianni Amelio, interpretava Enrico Fermi, offrendo al personaggio un’incisiva profondità. Continua a leggere

“Fanno così le persone che vogliono essere felici”

Ilaria Occhini

“Buongiorno, Tommaso”.

“Buongiorno, nonna”.

“Che c’è, mi sono svegliato tardi anche oggi, come gli scansafatiche?”

“No, ti sei svegliato al momento giusto. Tommaso, sei stato bravo a resistere, vai così! Sbaglia sempre per conto tuo…”

“E’ così che fanno i signori?”

Riccardo Scamarcio (Movieplayer)

“No, i signori non centrano… Fanno così le persone che vogliono essere felici … Buongiorno, amore mio…”

(Dialogo fra Tommaso, Riccardo Scamarcio, e la nonna, Ilaria Occhini, nel film Mine vaganti, Ferzan Özpetek, 2010)

David di Donatello 2018: le candidature

Sono state rese note oggi, mercoledì 14 febbraio, le candidature relative alla 62ma edizione dei David di Donatello: a darne l’annuncio, nella consueta conferenza stampa che si è tenuta a Roma, il Presidente e Direttore Artistico dell’Accademia del cinema italiano, Piera Detassis, Giuliano Montaldo, Presidente Onorario Fondazione David di Donatello, il Direttore di Rai1 Angelo Teodoli, la responsabile Rai Movie Cecilia Valmarana e Carlo Conti.
I film sono stati selezionati nell’ambito dei titoli usciti in sala dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017 e le votazioni si sono svolte dal 9 al 31 gennaio 2018.
In testa con 15 candidature la scanzonata commedia musicale Ammore e malavita dei Manetti Bros., cui seguono Napoli velata di Ferzan Ozpetek con 11, Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli, La tenerezza di Gianni Amelio, The Place di Paolo Genovese,  tutti appaiati a quota 8; A Ciambra di Jonas Carpignano ne ottiene 7, così come Gatta Cenerentola (Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Dario Sansone). La cerimonia di premiazione avrà luogo mercoledì 21 marzo, condotta da Carlo Conti ed andrà in onda su Rai1, prima serata. Continua a leggere

EFA- European Film Awards 2017: 4 titoli italiani nella lista di selezione

Fra i 51 titoli annunciati dall’European Film Academy e da EFA Productions che vanno a comporre la lista di selezione dei film di finzione segnalati per una nomination agli European Film Awards 2017, troviamo anche 4 rappresentanti dei nostri colori: A Ciambria (Jonas Carpignano), Fortunata (Sergio Castellitto), Indivisibili (Edoardo De Angelis), Rosso Istanbul (Ferzan Ozpetek). Ora gli oltre 3.000 membri dell’European Film Academy  dovranno votare per le nomination nelle categorie Film, Regista, Attore, Attrice e Sceneggiatore Europeo, che verranno rese note il 4 novembre nel corso del Seville European Film Festival, in Spagna, mentre una giuria composta da 7 membri dovrà assegnare i premi per le categorie  Direttore della Fotografia, Montatore, Scenografo, Costumista, Trucco e Parrucco, Compositore e Sound Designer Europeo; la 30ma edizione degli European Film Awards avrà luogo a Berlino  il 9 dicembre.

32mo Torino Film Festival, “Mange tes morts” miglior film

jjtSi è conclusa ieri, sabato 29 novembre, la 32ma edizione del Torino Film Festival, diretta da Emanuela Martini, con l’assegnazione dei premi nelle varie sezioni. Interessanti risultati per Triangle di Costanza Quatriglio (presentato nella sezione Diritti & Rovesci curata dal guest director della kermesse, Paolo Virzì), al quale è stato conferito il Premio Cipputi, e N-Capace di Eleonora Danco, che ha ottenuto sia la Menzione speciale della giuria, sia quella attribuita ai personaggi intervistati; oggi, domenica 30 novembre, presso il Cinema Massimo di Torino saranno replicati alcuni dei film presentati o premiati all’interno delle sezioni del Festival.
Di seguito, il palmarès completo.

untitled ffConcorso Internazionale Lungometraggi. La giuria composta da Ferzan Ozpetek, Geoff Andrew, Carolina Crescentini, Debra Granik e György Pálfi ha conferito il premio di Miglior Film (€ 15.000) a Mange tes morts (Jean-Charles Hue, Francia, 2014). Premio Speciale della giuria – Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (€ 7.000), For Some Inexplicable Reason (Gábor Reisz, Ungheria, 2014). Menzione speciale della giuria, N-Capace (Eleonora Danco, Italia, 2014). “Abbiamo attribuito una menzione speciale a quest’opera prima perché dimostra di essere una grande promessa per il futuro e perché ci ha colpito emotivamente e intellettualmente con un ritratto, così lirico e penetrante, dell’Italia di oggi”. Continua a leggere

32mo Torino Film Festival

L’immagine simbolo del 32mo Torino Film Festival, un autoscatto, risalente al 1975, del fotografo e cineasta Jerry Schatzberg

L’immagine simbolo del 32mo Torino Film Festival, un autoscatto, risalente al 1975, del fotografo e cineasta Jerry Schatzberg

E’ stata presentata ieri, martedì 11 novembre, con la consueta duplice conferenza stampa (di mattina alla Casa del Cinema di Roma, in serata al Cinema Massimo di Torino), la 32ma edizione del Torino Film Festival, che prenderà il via venerdì 21 novembre presso l’Auditorium Gianni Agnelli con la proiezione di Gemma Bovery, film diretto da Anne Fontaine, per concludersi sabato 29 alla Multisala Reposi, ospite d’onore Anna Mazzamauro (presenterà un omaggio ad Anna Magnani), quando sarà proiettata la pellicola di chiusura della kermesse torinese, Wild, di Jean-Marc Vallée. Al regista britannico Julien Temple sarà conferito il Gran Premio Torino, sabato 22 novembre, alle 19.45. Dopo la consegna del premio, verrà proiettato Sex Pistols – Oscenità e furore (The Filth and the Fury, 2000), uno dei tre film dedicati dal cineasta al gruppo punk-rock inglese, serie iniziata con La grande truffa del rock’n’roll (The Great Rock ‘n’ Roll Swindle, 1979) e conclusa con The Sex Pistols: There’ll Always Be an England, 2008. La direzione artistica del Festival, il quale può contare su 197 titoli in cartellone, quest’anno è affidata ad Emanuela Martini, che nelle scorse edizioni ha affiancato i direttori Nanni Moretti, Gianni Amelio e Paolo Virzì (ora Guest Director) e dei quali ha dichiarato di volerne mantenere, nell’ordine, “il rigore, la passione, lo spirito pop. E naturalmente l’intelligenza con la quale tutti e tre si sono avvicinati al Torino Film Festival, riconoscendone e apprezzandone l’identità e impegnandosi a preservarla, nel momento stesso in cui lo modellavano sui loro gusti e le loro idee di cinema”. Continua a leggere

Sette titoli per un Oscar

545455Ecco i sette titoli, scelti fra i film italiani distribuiti sul territorio nazionale tra il 1° ottobre 2013 e il 30 settembre 2014, presentati presso l’ANICA così da concorrere alla selezione volta a stabilire la candidatura al premio Oscar per il miglior film in lingua non inglese: Allacciate le cinture (Ferzan Ozpetek); Anime nere (Francesco Munzi); Il capitale umano (Paolo Virzì); In grazia di Dio (Edoardo Winspeare); Le meraviglie (Alice Rohrwacher); Song’e Napule (Manetti Bros.); Sotto una buona stella (Carlo Verdone).

La Commissione di selezione risulta composta da Nicola Borrelli (Direttore Generale Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali); Gianni Amelio e Gabriele Salvatores (registi); Tommaso Arrighi e Angelo Barbagallo (produttori); Maria Pia Fusco e Niccolò Vivarelli (giornalisti); Barbara Salabè (distributore); Caterina D’Amico (Preside Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia).

La votazione avrà luogo mercoledì 24 settembre, presso la sede dell’ANICA, la quale agisce in qualità di rappresentante dell’Academy of Motion Pictures Arts and Sciences, mentre l’annuncio delle cinquine che parteciperanno al premio Oscar per il miglior film in lingua non inglese sarà dato giovedì 15 gennaio 2015. L’87ma edizione degli Academy Awards si svolgerà domenica 22 febbraio 2015 a Los Angeles.