Archivi tag: Jafar Panahi

71mo Festival di Cannes: Palma d’Oro a “Shoplifters”, di Hirokazu Kore’eda

Hirokazu Kore’eda (Radio Colonna)

La giuria del 71mo Festival di Cannes, presieduta da Cate Blanchett e composta da Chang Chen, Ava DuVernay, Robert Guédiguian, Khadja Nin, Léa Seydoux, Kristen Stewart, Denis Villeneuve, Andrey Zvyagintsev ha conferito nel corso della consueta cerimonia di premiazione, svoltasi questa sera, sabato 19 maggio, la Palma d’Oro a Shoplifters di Hirokazu Kore’eda.
Buoni risultati per i nostri colori: Dogman di Matteo Garrone vede premiato il suo protagonista, Marcello Fonte, come miglior attore e Lazzaro felice di Alice Rohrwacher consegue il premio per la miglior sceneggiatura, ex aequo con Three Faces (Naedar Saeivar e Jafar Panahi, quest’ultimo regista del film). Inoltre La strada dei Samouni (Samouni Road) di Stefano Savona, presentato in concorso alla Quinzaine Des Réalisateurs, ha vinto l’Oeil d’or come  miglior documentario del Festival; Grand Prix della Giuria a BlacKkKlansman di Spike Lee.
Di seguito, l’elenco dei premi assegnati. Continua a leggere

71mo Festival di Cannes, in Concorso Alice Rohwacher e Matteo Garrone

Alice Rohwacher (Il Libraio)

All’interno del cartellone relativo al 71mo Festival di Cannes, svelato oggi, giovedì 12 aprile, a Parigi, dal presidente Pierre Lescure e dal delegato generale Thierry Frémaux, vi sono due film italiani in Concorso: Dogman di Matteo Garrone, ispirato alla storia di cronaca nera del “canaro” della Magliana, interpretato da Marcello Fonte, e Lazzaro felice di Alice Rohwacher, con Nicoletta Braschi, Sergi Lopez, Alba Rohrwacher, Tommaso Ragno; nella sezione Un Certain Regard troviamo Euphoria, seconda regia di Valeria Golino dopo Miele, che vede quali interpreti principali Riccardo Scamarcio e Valerio Mastandrea.
Infine, nella selezione della Cinefondation  ecco il corto Così in terra del giovane autore Pier Lorenzo Pisano, suo saggio al Centro sperimentale di Cinematografia. Continua a leggere

“Libero Cinema in Libera Terra” 11ma Edizione

TestataSITO_Carovana2016-620x362Oggi, domenica 3 luglio, prenderà il via l’11ma edizione di Libero Cinema in Libera Terra, la carovana di cinema itinerante contro le mafie che ogni estate viaggia per la penisola, e oltre i confini, grazie ad un furgone attrezzato con tecnologie digitali. Attrezzature che consentono in poco tempo di allestire spazi cinematografici temporanei all’aperto, scegliendo luoghi simbolici dove montare schermo e proiettore, per portare le emozioni del cinema direttamente alle persone, così da promuovere l’allargamento degli spazi democratici e la cultura della legalità. La kermesse ha avuto la sua nascita nel 2006, sulla spinta di determinati fattori, quali la forza comunicativa delle immagini in movimento, la chiusura delle sale cinematografiche, la difficoltà distributiva di un certo cinema, il bisogno di crescita culturale del nostro Paese. Da allora la carovana ha percorso oltre 80.000 chilometri e realizzato quasi 150 tappe, coinvolgendo attorno alla visione collettiva 70.000 persone, oltre ai tantissimi spettatori virtuali. Obiettivo del Festival, promosso da Cinemovel Foundation, con la presidenza onoraria di Ettore Scola e da Libera, fondata da don Luigi Ciotti, è coinvolgere i cittadini del presente, cosmocivici, nuovi cittadini del mondo globalizzato convinti che la democrazia si sperimenti nel pubblico confronto, nel bilanciamento delicato fra libertà e regole comuni; prima tappa Trevico, città natale di Ettore Scola, omaggio che vedrà la proiezione di Ridendo e scherzando, firmato dalle figlie Paola e Silvia. Continua a leggere

Milano, MIC- Museo Interattivo del Cinema: “I colori dell’Iran contemporaneo”

Abbas Kiarostami

Abbas Kiarostami

Dal 31 maggio al 30 giugno a Milano, presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema (Viale Fulvio Testi, 121), Fondazione Cineteca Italiana presenterà I colori dell’Iran contemporaneo, una rassegna che comprende oltre trenta titoli di cinema iraniano fra classici, inediti e cortometraggi che spaziano dalla Nouvelle Vague al cinema di animazione, con due eventi speciali per inaugurare il MIC Rooftop, la nuova terrazza del museo: domenica 19 giugno alle ore 21 concerto di musiche mediorientali e domenica 26 giugno alle ore 20.30 proiezione all’aperto con i cortometraggi di Abbas Kiarostami (Il coro + La ricreazione + Il pane e il vicolo + Due soluzioni per un problema). In rassegna anche alcuni dei più significativi lungometraggi di Kiarostami, come Sotto gli ulivi, ambientato su un set di un film dove si intrecciano vicende vere e di finzione, Il sapore della ciliegia, uno dei suoi film più essenziali, asciutti e rigorosi, Il vento ci porterà via dove la storia di un ingegnere che deve girare un documentario sui riti funebri che si tengono in un villaggio del Kurdistan iraniano diventa l’occasione per approfondire segni antropologici e psicologici e altri due titoli, Dieci e Qualcuno da amare. Continua a leggere

Milano: “Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina” 25ma Edizione

festivalcinemaafricanomilanoPrende il via oggi, lunedì 4 maggio, a Milano, per concludersi domenica 10, la 25ma edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (FCAAAL), l’unico festival in Italia interamente dedicato alla conoscenza delle cinematografie, delle realtà e delle culture dei paesi dell’Africa, dell’Asia e dell’America Latina. Apertura ufficiale questa sera, alle ore 20.30, presso l’Auditorium San Fedele con l’anteprima italiana di Taxi Teheran, diretto da Jafar Panahi, film, vincitore dell’Orso d’Oro all’ultima Berlinale, la cui distribuzione in Italia sarà curata dalla neonata Cinema di Valerio De Paolis. Simona Malagoli, Direttore Generale della casa di distribuzione, sarà presente alla proiezione, la quale verrà preceduta da una breve performance di arte vocale (canti Sufi e video dell’artista polivalente tunisino Ahmed Ben Dhiab).

6706632.imageAccanto alle sezioni competitive Concorso Finestre sul mondo (Lungometraggi e Documentari), Concorso Cortometraggi Africani, Concorso Extr’A (cineasti italiani che si confrontano con altre culture e con le tematiche dell’immigrazione), il Festival propone: la sezione Flash con anteprime e film evento; Films That Feed, sezione realizzata in collaborazione con Acra-Ccs e dedicata ai temi dell’Expo 2015; la sezione Razzismo brutta storia in collaborazione con laFeltrinelli; Africa Classics, 6 titoli capolavori del cinema africano restaurati dal World Cinema Project di Martin Scorsese, in collaborazione con Mudec – Museo delle Culture. Continua a leggere

Berlino 2015: Orso d’Oro a “Taxi”, di Jafar Panahi

Jafar Panahi

Jafar Panahi

Si è conclusa questa sera, sabato 14 febbraio, presso il Berlinale Palast con la consueta cerimonia di premiazione, la 65ma Edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino: la Giuria Internazionale, presieduta da Darren Aronofsky e composta da Daniel Brühl, Bong Joon-ho, Claudia Llosa, Audrey Tautou, Matthew Weiner, Martha De Laurentiis, ha assegnato l’Orso d’Oro al film Taxi del regista iraniano Jafar Panahi. Gran Premio della Giuria a Pablo Larrain per El Club. Di seguito l’elenco dei principali premi, rimandandovi al sito della Berlinale per il palmares completo.

Orso d’Oro: Taxi, Jafar Panahi; Gran Premio della Giuria (Orso d’Argento): El Club, Pablo Larrain; Orso d’ Argento per la Migliore Regia: Ex aequo, Radu Jude (Aferim); Malgorzata Szumowska (Body).
Orso d’Argento per la Migliore Attrice: Charlotte Rampling (45 Years, Andrew Haigh); Orso d’Argento per il Migliore Attore: Tom Courtenay (45 Years, Andrew Haigh); Orso d’Argento per la Migliore Sceneggiatura: Patricio Guzman (El Boton de Nacar); Orso D’argento per il miglior contributo artistico: Ex aequo, per la fotografia, Sturla Brandth Grøvlen, Victoria; Evgeniy Privin and Sergey Mikhalchuk, Pod electricheskimi oblakami. Premio Alfred Bauer: Ixcanul, Jayro Bustamante.

Berlinale 2013: Orso d’Oro a Poziţia copilului (Child’s Pose), di Călin Peter Netzer

Călin Peter Netzer

Călin Peter Netzer

Si è conclusa questa sera presso il Berlinale Palast con la consueta cerimonia di premiazione, condotta da Anke Engelke, la 63ma Edizione del Festival di Berlino: la Giuria Internazionale, presieduta da Wong Kar Wai e composta da Susanne Bier, Andreas Dresen, Ellen Kuras, Shirin Neshat, Tim Robbins e Athina Rachel Tsangari, ha assegnato l’Orso d’Oro al film Poziţia copilului (Child’s Pose), del regista rumeno Călin Peter Netzer.
Di seguito, l’elenco dei principali premi.

Orso d’Oro: Poziţia copilului (Child’s Pose), Călin Peter Netzer; Gran Premio della Giuria (Orso d’Argento): An Episode in the Life of an Iron Picker, di Danis Tanovic; Orso d’ Argento per la Migliore Regia: David Gordon Green, Prince Avalanche; Orso d’Argento per la Migliore Attrice: Paulina García, Gloria, Sebastián Lelio; Orso d’Argento per il Migliore Attore: Nazif Mujic, An Episode in the Life of an Iron Picker; Orso d’Argento per la Migliore Sceneggiatura: Jafar Panahi, Pardé (Closed Curtain), di Jafar Panahi, Kamboziya Partovi; Orso D’argento per il miglior contributo tecnico: Aziz Zhambakiyev per la fotografia, Uroki Garmonii (Harmony Lessons) di Emir Baigazin. Menzione Speciale: Promised Land, di Gus Van Sant e Layla Fourie, di Pia Marais. Premio Alfred Bauer: Vic+Flo ont vu un ours (Vic+Flo Saw a Bear), Denis Côté. Migliore Opera Prima: The Rocket, Kim Mordaunt (Australia).
berlinale-2013-orso-doro-a-pozitia-copilului--L-MEZd0h