Archivi tag: Justin Haythe

Brevi considerazioni su “Bohemian Rhapsody”

(Movieplayer)

Era da tempo che, all’uscita di una sala cinematografica, non provavo un senso di delusione pressoché totale, musiche escluse, come quello lasciatomi dalla visione di Bohemian Rhapsody, diretto da Bryan Singer e Dexter Fletcher (quest’ultimo, per quanto non accreditato,  ha sostituito il primo, ultimandone le riprese, con modalità egualmente anodine). Premetto che non sono un fan sfegatato dei Queen, dei quali ho apprezzato, e continuo ad apprezzare, da semplice appassionato di musica, le loro composizioni, così come ho sempre ammirato l’indole piacevolmente istrionica e vulcanica del loro leader, Freddie Mercury, al secolo Farrokh Bulsara, quindi non ne faccio una questione di rispetto filologico riguardo il succedersi degli eventi nelle modalità delineate da una sceneggiatura (Anthony McCarten, Justin Haythe) piuttosto accomodante. Continua a leggere

The Lone Ranger

taorminafilmfest-2013-L-dqrkehThe Lone Ranger rappresenta il tentativo, non particolarmente riuscito, espresso dalla Disney di conferire nuova linfa vitale tanto al genere western che al personaggio del Cavaliere Solitario, il cui mito si è mantenuto ben saldo negli Stati Uniti (era l’eroe di Fonzie/Henry Winkler, nella serie tv Happy Days), dalla sua nascita nel 1933 in radio (l’emittente Wxyz di Detroit, testi di George W. Trendle e poi di Fran Stiker), per passare nel ’38 ai fumetti (le strisce di Fran Stiker ed in seguito Charles Flanders) ed approdare sugli schermi televisivi (la serie tv della CBS, dal ’49 al ’57, cui seguirono i cartoni animati, ’66-’68 e 1980) e cinematografici (i due serial del’39, e i lungometraggi datati’56, ’58,’81). Costituisce inoltre un buon paravento della citata major per provare a dar vita ad un nuovo franchise, una replica di quanto messo in atto con la saga de I pirati dei Caraibi, quattro film dal 2007 al 2011, tanto da confermarne lo stesso team: il regista Gore Verbinsky (ha diretto i primi tre), gli sceneggiatori (Ted Elliott, Terry Rossio, cui si aggiunge Justin Haythe), il produttore Jerry Bruckeimer, l’attore feticcio Johnny Depp, da un po’ di tempo a questa parte freak buono per tutte le stagioni.

Armie Hammer e Johnny Depp

Armie Hammer e Johnny Depp

Omaggio alle citate origini, la narrazione ha inizio nel 1933, a San Francisco, presso un parco divertimenti: un ragazzino vestito da cowboy mascherato entra nello stand dedicato all’epopea del vecchio West, dove si sofferma sul manichino rappresentante un nativo americano, “il buon selvaggio”, il quale invece appare vivo e vegeto.
Stupore e meraviglia, altri non è che Tonto (Depp), l’indiano Comanche amico e compagno d’avventure del mitico difensore di lealtà e giustizia che non vede l’ora di poterne raccontare le gesta, almeno così come le ricorda lui: nel lontano 1868, in un Texas prossimo a conoscere il progresso tramite la costruenda ferrovia, il futuro “uomo con la maschera” era John Reid (Armie Hammer), avvocato dalle idee illuminate, pronto ad applicare le regole scritte nei codici in sostituzione della legge fai da te propria di un paese di frontiera, almeno fino a quando suo fratello Dan (James Badge Dale), un ranger, non veniva ucciso dal bandito Butch Cavendish (William Fichtner), al centro di un intricato complotto di potere …

Helena Bonham Carter

Helena Bonham Carter

L’incedere si rivela presto bislacco e sconclusionato, pur se la scenografia appare piuttosto curata, così come scelte registiche capaci d’assecondare validamente le scene d’azione, fra una citazione e l’altra dei vecchi western, classici e spaghetti, con echi di quest’ultimi piuttosto evidenti nella colonna sonora (Hans Zimmer), anche se i vari richiami (Ford, Leone, Corbucci), non offrono la magnetica (e funzionale) forza sincretica di un Tarantino nella loro riproposizione.
Nuoce alla narrazione lo stare a metà fra epicità e toni scanzonati, tanto da girare per due ore buone intorno al proprio ombelico, costituito da una serie di stramberie che non sempre riescono a trovare un minimo di coerenza stilistica e tali restano sino alla fine, vedi il personaggio di Red Harrington con gamba d’avorio “assassina” interpretato da Helena Bonham Carter.
Tra dialoghi non proprio memorabili, qualche vuoto e troppe lungaggini (la nascita dell’eroe ha una gestazione di circa un’ora, altri trenta minuti sono incentrati sulla genesi di Tonto), The Lone Ranger offre una serie di quadri alternativamente validi ma non riesce a miscelare adeguatamente ironia, dramma e senso dell’avventura.

William Fichtner

William Fichtner

Quando finalmente script e regia trovano una strada da percorrere insieme, verso il finale, ecco 45 minuti circa da antologia, tra la reiterazione dell’ouverture del Guglielmo Tell rossiniano (leitmotiv del ranger sin dagli esordi) e splendide acrobazie a cavallo su di un treno in corsa, con felici inquadrature alternate dei vari protagonisti, dando vita ad una sorta di cartoon dal vivo (la memoria corre infatti alla serie animata).
Non bastano però a conferire una validità complessiva al film, per quanto a tratti pienamente godibile, né giovano al riguardo il gigioneggiare di Depp, un villain da cartolina illustrata “benvenuti nel vecchio West” offerto da Fichtner o l’ambiguità sottilmente politica resa con un certo manierismo da Tom Wilkinson nei panni di Latham Cole, l’ideatore del progetto ferrovia volto ad unire materialmente il paese.
Hammer rende bene l’idea di eroe controvoglia, ma l’approfondimento del personaggio appare sacrificato sull’altare Depp, vero protagonista, nel bene e nel male. Menzione speciale per Silver, magnifico cavallo albino dotato di una personalità tutta sua, funzionale aura divina e zoccoli ben saldi sulla terra.

tlrNell’indecisione fra realtà e leggenda prevale la fantasia di ciascuno, espressa al livello più puro, bambino o adulto tornato tale, come sembra voler suggerire il finale, quell’universo lontano dove eroi come Lone Ranger possono cavalcare indomiti e perpetrare le loro gesta, lontani dal selvaggio franchising, stagliandosi sul tramonto di una cristallina incolumità, propria di un mondo dove un duello al sole, un certo romanticismo e i mai domi ideali di lealtà e giustizia, esprimono ancora la loro valenza ed originaria purezza. Hi-yo Silver! Away!