Archivi tag: Kim Nguyen

Venezia 74: le “Giornate degli Autori” e il piacere condiviso della scoperta

Promosse dalle associazioni dei registi e degli autori cinematografici italiani Anac e 100autori, le Giornate degli Autori nascono nel 2004 come rassegna autonoma all’interno della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, sul modello della prestigiosa Quinzaine des Réalisateurs di Cannes, con l’obiettivo di tenere desta l’attenzione sul cinema di qualità, senza restrizioni di sorta e puntando lo sguardo in particolare su innovazione, ricerca, originalità espressiva, indipendenza autonoma e produttiva.
Anche la 14ma edizione delle Giornate degli Autori si presenta all’insegna di una ricerca di originalità e diversità, ricercando, più che il facile stupore o la gratuita provocazione, il piacere condiviso della scoperta, della differenza, della ricerca di voci fuori dal coro. E’ quanto affermato, fra l’altro, dal Delegato Generale, Giorgio Gosetti: “Non abbiamo l’ambizione di offrire solo capolavori nella nostra selezione ufficiale e tra i nostri eventi speciali; vorremmo invece che il pubblico potesse dire ogni volta: valeva la pena di viaggiare sulle ali di questa storia, sono felice di aver incontrato un autore”. Continua a leggere

Oscar 2013: “Cesare deve morire” fuori dalla rosa dei nove titoli

oscar-2013-cesare-deve-morire-fuori-dalla-ros-L-vj0nYHNon ci sarà un titolo italiano a concorrere per l’Oscar, nell’85ma Edizione che si svolgerà il 24 febbraio 2013, un vecchio ritornello, che ormai si ripete da tanto, troppo, tempo: come ho già scritto in precedenti articoli, l’ultima statuetta vinta da un nostro film risale al ’99, La vita è bella, di Roberto Benigni, mentre il dato più recente per le nomination risale al 2006, La bestia nel cuore, di Francesca Comencini.

oscar-2013-cesare-deve-morire-fuori-dalla-ros-L-WBBRVdIl film candidato in rappresentanza dell’Italia, Cesare deve morire di Paolo e Vittorio Taviani, vincitore dell’Orso d’Oro alla 62ma edizione del Berlino International Film Festival e di cinque David di Donatello (tra i quali miglior film e migliore regista), è stato infatti escluso dai membri dell’Academy dalla rosa dei nove titoli, fra i quali cinque verranno scelti relativamente al conferimento delle nomination per il Miglior Film Straniero, il prossimo 10 gennaio: Quasi amici, di Olivier Nakache ed Eric Toledano (Francia); A Royal Affair, di Nikolaj Arcel (Danimarca); Amour, di Michael Haneke (Austria); War Witch, di Kim Nguyen (Canada); No, di Pablo Larraín (Cile); The Deep, di Baltasar Kormákur (Islanda); Kon-Tiki di Joachim Rønning ed Espen Sandberg (Norvegia); Beyond the Hills, di Cristian Mungiu (Romania); Sister, di Ursula Meier (Svizzera).

Sottodiciotto Filmfestival 2012

sottodiciotto-filmfestival-2012-L-9UeljtTorna, dal 6 al 15 dicembre, a Torino, Sottodiciotto Filmfestival, kermesse cinematografica dedicata al cinema realizzato da (e per) i più giovani e ai film, di ieri e di oggi, che li raccontano e rappresentano.
Tema di questa tredicesima edizione, l’identità di genere, intesa come percezione di sé, nella considerazione della propria individualità, maschile o femminile, che viene a svilupparsi e definirsi non solo sulla base della biologia, ma anche di fattori sociali e culturali, senza dimenticare i vissuti personali e familiari. Un fil rouge, quindi, che lascia ampio spazio al tema della crescita, della realizzazione e affermazione di sé, presente in diversi film del cartellone, a cominciare da Grandi speranze, tratto dall’opera omonima di Charles Dickens:diretto da Mike Newell, interpretato da Helena Bonham Carter e Ralph Fiennes, il film è stato presentato ieri, mercoledì 5 dicembre, in anteprima nazionale, una proiezione speciale pre-Festival, anticipando di un giorno l’uscita ufficiale nelle sale.

sottodiciotto-filmfestival-2012-L-3z38D_Nella ricorrenza del bicentenario della nascita dello scrittore, Sottodiciotto presenterà Ciak Dickens, un programma speciale a lui dedicato, in collaborazione con il British Film Institute e il British Council: tra le altre iniziative, verranno presentati i film realizzati dalla BBC per il suddetto bicentenario e la versione, appena restaurata dal Museo Nazionale del Cinema, del David Copperfield diretto da George O. Nichols, 1911, con accompagnamento musicale dal vivo. Ampia la serie delle altre anteprime proposte dal Festival: pescando tra i titoli ecco Sammy 2 – La grande fuga, sequel, sempre diretto dal belga Ben Stassen, del divertente cartoon realizzato due anni fa, un valido esempio di animazione europea in 3D; The We and the I, del regista francese Michel Gondry (Se mi lasci, ti cancello), ambientato tra gli studenti del Bronx, ed Everyday, il nuovo, originale, film del regista britannico Michael Winterbottom, che ha seguito per cinque anni una famiglia con la macchina da presa.

sottodiciotto-filmfestival-2012-L-hI6XDkTra gli altri titoli presenti in rassegna ve ne sono alcuni reduci da una serie di successi internazionali, come il lungometraggio d’animazione Le Jour des corneilles, di Jean-Christophe Dessaint e un cast d’eccezione a dar voce ai personaggi (nell’edizione originale, accanto a Jean Reno e Isabelle Carré, vi è anche Claude Chabrol, scomparso poco dopo la lavorazione del film), Nicostratos le pélican dell’esordiente Olivier Horlait, con Emir Kusturica in veste d’attore, o, tra i film che giungono d’ Oltreoceano, il candidato canadese agli Oscar 2013, War Witch, diretto da Kim Nguyen, girato nel Congo della guerra civile ed interpretato dalla giovanissima Rachel Mwanza (premiata al Festival di Berlino e al Tribeca), nella parte di una bambina-soldato, e Después de Lucía, di Michel Franco, in arrivo dal Messico, passando per Cannes (dove ha vinto la sezione Un Certain Regard).

Jim Sheridan

Jim Sheridan

Come ogni anno, Sottodiciotto renderà omaggio ad un grande autore contemporaneo, ecco quindi la retrospettiva Jim Sheridan, nel nome dei figli: il regista dublinese, che a lungo ha soggiornato negli Stati Uniti, sarà ospite del Festival, dove verranno presentati sia i titoli da lui realizzati durante il periodo irlandese (Il mio piede sinistro, Nel nome del padre) sia quelli della fase americana (Get Rich or Die Tryin’, Brothers). Nell’edizione dedicata all’identità di genere, il Festival rende particolare omaggio al cinema al femminile e alle parallele storie professionali di due sue protagoniste: Sandrine Bonnaire, cui è dedicata una retrospettiva in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema, per ripercorrere le tappe fondamentali della sua carriera e Mia Hansen-Løve, ospite del Festival, di cui viene presentata una personale completa, dai corti d’esordio nella regia al recente Un amour de jeunesse.

Sandrine Bonnaire

Sandrine Bonnaire

La targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival verrà quest’anno assegnata a Paolo Virzì, in riconoscimento di una carriera caratterizzata dalla capacità di coniugare la tradizione della migliore commedia all’italiana con uno sguardo attento ai problemi del mondo contemporaneo, e, nello specifico, all’universo dei giovani, cui spesso, nei suoi film, è affidato il compito di osservare un’Italia tutta “vizi privati e pubbliche virtù”. In ricordo di Tonino Guerra, Sottodiciotto ospiterà un’ampia rassegna di cortometraggi d’animazione opera di registi russi e ukraini, il cui lavoro è stato direttamente o indirettamente influenzato dall’opera del poeta-sceneggiatore scomparso lo scorso marzo: farà infatti tappa a Torino la manifestazione itinerante (che si aprirà a Pennabilli, sede della casa-museo in cui viveva Guerra) dal titolo Incantati da Tonino – Incontro tra il poeta e l’animazione russa e realizzata dall’Associazione Tonino Guerra e dal Festival internazionale di cinema d’animazione Krok, presentando una selezione di titoli realizzati da oltre una quindicina di autori, tra cui Andrej Chržanovskij, Jurij Norštejn, Aleksandr Petrov, Natalja Dabiža, Michail Aldašin.

Pippo

Pippo

Il Festival, come sempre, riserverà spazio anche ai più piccoli, con il programma d’animazione Baby Special, dedicato ai “sopra 18 mesi”, che in quest’edizione ricorderà il disegnatore ceco Zdeněk Miler a un anno dalla scomparsa, riproponendo diversi episodi della sua serie La piccola Talpa, e celebrerà gli 80 anni di Pippo, apparso per la prima volta il 20 aprile del 1932, nel cortometraggio Mickey’s Revue, col nome di Dippy Dawg (prenderà quello definitivo di Goofy nel cartone The Orphan’s Benefit, ’34), presentando, in collaborazione con la Cineteca del Friuli, un’ampia selezione di cartoni d’antan con protagonista il cagnolone amico di Topolino.

Tonino Guerra

Tonino Guerra

Vi sarà infine, come da tradizione, il Premio del pubblico Sottodiciotto Filmfestival – La Stampa-TorinoSette, destinato al miglior film italiano con protagonisti giovani e ragazzi, scelto all’interno di una rosa di titoli della passata stagione, tra i titoli che, a giudizio dei lettori del settimanale, ha meglio rappresentato la realtà giovanile, distinguendosi per qualità e originalità: il prescelto è stato La kryptonite nella borsa, di Ivan Cotroneo, che verrà riproposto nell’ambito del Festival. Sempre attento ai problemi legati al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza, infine, Sottodiciotto dedicherà quest’anno un incontro speciale al tema dell’affidamento, in collaborazione con l’Associazione Ercole Premoli, accompagnato dalla proiezione del film Valentín, di Alejandro Agresti.

Informazioni e programma completo:www.sottodiciottofilmfestival.it