Archivi tag: Paolo Stoppa

“Hanno tutti la stessa faccia…”.

“Dottore, Le spiego. L’umanità io l’ho divisa in due categorie di persone: uomini e caporali.
La categoria degli uomini è la maggioranza, quella dei caporali per fortuna è la minoranza. Gli uomini sono quegli esseri costretti a lavorare tutta la vita come bestie, senza vedere mai un raggio di sole, senza la minima soddisfazione, sempre nell’ombra grigia di un’esistenza grama.I caporali sono appunto coloro che sfruttano, che tiranneggiano, che maltrattano, che umiliano. Questi esseri invasati dalla loro bramosia di guadagno li troviamo sempre a galla, sempre al posto di comando, spesso senza avere l’autorità, l’abilità o l’intelligenza, ma con la sola bravura delle loro facce toste, della loro prepotenza, pronti a vessare il povero uomo qualunque. Dunque, dottore, ha capito? Caporali si nasce, non si diventa: a qualunque ceto essi appartengano, di qualunque nazione essi siano, ci faccia caso: hanno tutti la stessa faccia, le stesse espressioni, gli stessi modi, pensano tutti alla stessa maniera”.
(Antonio Esposito, Totò, dialoga con lo psichiatra, interpretato da Mario Bernardi, che lo sta esaminando per presunta follia, in una scena del film Siamo uomini o caporali, Camillo Mastrocinque, 1955. I vari “caporali” sono interpretati da un eccelso Paolo Stoppa). Purtroppo oggi, caro Principe, annotazione personale, sono i caporali ad avere il sopravvento,  tempi grami per chi si palesa umano, pecora bianca fra tante pecore nere…

Il Gattopardo (1963)

(Pinterest)

Sicilia, estate 1860. Don Fabrizio Corbera, Principe di Salina (Burt Lancaster), è intento ad officiare il Santo Rosario, alla presenza di Padre Pirrone (Romolo Valli) e dei componenti della nobile famiglia che risiedono nella ricca dimora. Sono giorni di grande tumulto, i Mille di Giuseppe Garibaldi hanno fatto sbarco sull’isola, l’eco sanguinoso della battaglia giunge anche nel giardino del palazzo, dove viene rinvenuto un soldato morto. Ma non è solo questo tragico episodio a far sì che il Principe comprenda quanto i recenti accadimenti siano ormai prossimi a mutare l’attuale stato delle cose: l’amato nipote Tancredi Falconeri (Alain Delon), infatti, lo rende edotto, entusiasta, del suo arruolamento fra le fila dei garibaldini; Palermo è in rivolta e l’annessione allo Stato Sabaudo può dirsi prossima, evento quest’ultimo, a dire del giovane, apportatore di grandi novità  per la regione, occorre saperlo sfruttare. Lo zio ascolta pensieroso ed infine ne approva il comportamento, ormai rassegnato al rapido incedere di un’era inedita, la quale recherà con sé certamente un sentore d’innovazione, almeno per i primi tempi, per poi assestarsi sul consolidamento di una consuetudinaria immutabilità, ovvero uomini nuovi al comando ed inveterati accomodamenti nella gestione del potere. Continua a leggere

Milano, MIC- Museo Interattivo del Cinema: “Luigi Zampa. Un film inedito e altri capolavori”

anni_difficili___locDa oggi, martedì 3 e fino a giovedì 12 novembre, a Milano presso il MIC- Museo Interattivo del Cinema (Viale Fulvio Testi, 121), Fondazione Cineteca Italiana presenta Luigi Zampa. Un film inedito e altri capolavori: in occasione della pubblicazione del dvd Mitgerissen (Intrappolato), ultimo numero della collana I tesori del MIC, edita da Fondazione Cineteca Italiana, contenente l’edizione tedesca del film di Zampa Anni difficili, distribuita nelle sale della Germania Ovest il 27 luglio 1951, il MIC dedica un omaggio al regista romano includendo i suoi film di maggior successo. Questa versione, per la prima volta edita in Italia, presenta notevoli differenze dall’edizione italiana: sono oltre 30 i minuti che la censura tedesca ha tagliato e diverse nuove immagini del repertorio tedesco completano il film. Continua a leggere

Un ricordo di Franco Interlenghi (1931-2015)

Franco Interlenghi in

Franco Interlenghi in “Domenica d’agosto”, 1950, Luciano Emmer (Wikipedia)

E’ morto questa mattina, giovedì 10 settembre, a Roma, sua città natale (1931), Franco Interlenghi, attore cinematografico e teatrale, il cui esordio sul grande schermo risale al 1946, quando, a soli quindici anni, la stessa età del coprotagonista Rinaldo Smordoni, interpretò il giovane lustrascarpe Pasquale nel film Sciuscià di Vittorio De Sica. Un ruolo cui offrì, in tutta la spontaneità propria di “attore preso dalla strada”, quell’aria sbigottita e malinconica propria di chi ha visualizzato l’impossibilità di perseguire l’idea, sospesa fra l’utopistica speranza e il sogno, di un’umanità se non migliore, almeno attenta alle esigenze dei più deboli. In un ambiente sociale sconvolto dalla tragicità della guerra, il mondo dei ragazzi diviene speculare a quello degli adulti e suo antagonista, vive in base a regole diverse, con conseguente reciproca incomprensione e annullamento violento dei meno forti, psicologicamente in primo luogo.
A questi ultimi non resta altra possibilità che vedersi offrire un immane grido di dolore, idoneo a scuotere sopite coscienze, come quello, indimenticabile, rivolto da Pasquale all’amico Giuseppe, ormai esanime, che chiude il citato Sciuscià. Continua a leggere