Archivi tag: Roma

Festa del Cinema di Roma: Premio alla carriera per Isabelle Huppert

Idabelle Huppert (WBUR)

Dopo Martin Scorsese, la tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma (1828 ottobre) conferirà il Premio alla Carriera anche ad Isabelle Huppert; il riconoscimento sarà consegnato da Toni Servillo. Interprete di ruoli tanto complessi quanto profondi, Isabelle Huppert ha dato vita, assecondando con una certa naturalezza recitativa ambiguità, sofferenza e mistero,  a  personaggi inquieti ed anticonformisti, collaborando nel corso della sua carriera con alcuni fra i più grandi cineasti europei e statunitensi, da Claude Chabrol a Jean-Luc Godard, da Maurice Pialat a Marco Ferreri, dai fratelli Taviani a Marco Bellocchio, da Michael Haneke a Andrzej Wajda, da Michael Cimino a David O. Russell. Continua a leggere

Alice nella Città XVI Edizione, le prime anticipazioni

Alice nella città, sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma dedicata alle nuove generazioni, giunta alla sua 16ma edizione, curatori Gianluca Giannelli e Fabia Bettini, si svolgerà nella Capitale dal 18 al 28 ottobre  tra Casa Alice, gli spazi dell’Auditorium Parco della Musica e alcune sale cinematografiche della città, presentando un’estrema varietà di formati e linguaggi visivi in cui convivranno i classici contemporanei, le prime visioni, le grandi anteprime fuori concorso, le serie tv, i cortometraggi, i film rari ed i restauri.  La nuova programmazione metterà al centro le opere presenti nelle tre sezioni corrispondenti alle tradizionali linee di ricerca collegate al Concorso aperto alle scuole, Panorama e Panorama Italia, che nascono con l’idea di intercettare e raccogliere tutto ciò che si muove non solo tra gli esordi alla regia ma anche nelle storie volte ad affrontare i temi dell’adolescenza e della giovinezza con uno sguardo più adulto.  Tra le prime anticipazioni,  titolo di preapertura sarà Johnny English colpisce ancora , con Rowan Atkinson,  a Roma  per accompagnare il film, oltre che protagonista di un incontro sul mestiere dell’attore e sulla comicità con gli studenti delle scuole di cinema. Continua a leggere

Roma, all’ Arena Forlanini “L’altra metà del cinema”

L’altra metà del cinema questo il titolo della rassegna volta a raccontare, in sette week end e quattordici film dedicati alle donne, la parità di genere e i temi del femminile attraverso film di grandi autori, anche internazionali, ospitati alla Festa del Cinema di Roma e in altri importanti festival di tutto il mondo. La kermesse, che rientra nel programma di CityFest, si svolgerà da sabato 14 luglio a domenica 26 agosto, a Roma, all’interno della terza edizione dell’Arena Forlanini (Piazza Carlo Forlanini 1), in collaborazione con Alice nella città e realizzata grazie alla Regione Lazio, con l’obiettivo di sfruttare l’area dell’ex ospedale per il miglioramento della qualità della vita nel quartiere. Le proiezioni, a ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili, saranno accompagnate da incontri aperti al pubblico con autori e attori. I quattordici titoli in programma vanno dalle opere del cineasta spagnolo Pedro Almodóvar (Julieta) e del francese Martin Provost (Quello che so di lei) a quelle degli italiani Paolo Virzì (La pazza gioia), Edoardo De Angelis (Indivisibili), Sergio Castellitto (Fortunata) e Matteo Rovere (Veloce come il vento). Continua a leggere

Un ricordo di Carlo Vanzina

Carlo Vanzina(TgCom24)

Ci lascia Carlo Vanzina, regista, produttore cinematografico e sceneggiatore (Roma, 1951), morto oggi, domenica 8 luglio, nella sua città natale.
Insieme al fratello Enrico, sceneggiatore, ha firmato più di sessanta film, soprattutto commedie, pur cimentandosi a volte, con risultati alterni, in diversi generi  (per esempio il thriller nel 1983, Mystère, e nel 1985, Sotto il vestito niente, film quest’ultimo che ebbe anche una sorta d’ideale seguito, Sotto il vestito niente – L’ultima sfilata, 2011).
Credo vadano riconosciute, tanto a Carlo quanto ad Enrico, figli di Steno (Stefano Vanzina), anche nell’ambito delle realizzazioni più becere e raffazzonate, una non comune capacità d’osservazione delle mutazioni in atto nella società, in particolare a livello di costume, pur rimproverandogli una spesso compiaciuta, e compiacente, messa alla berlina degli italici vizi, all’insegna di un cialtronesco “malcostume mezzo gaudio”, senza esprimere il coraggio di un vero e proprio affondo; evidente, poi, in molti loro titoli (almeno sino al triste subentro delle varie derive triviali ed escatologiche) un’allegra e coinvolgente spontaneità che assumeva la consistenza, pur flebile, di un richiamo  sincero alla genuinità primigenia di un cinema “sanamente” popolare, certo memori di quanto il citato padre fosse stato un  maestro nell’accostare  situazioni comiche tipiche della commedia tradizionale a una pungente e talvolta amara satira di costume. Continua a leggere

“Festa del Cinema Bulgaro”: da oggi a Roma l’undicesima edizione

Dopo il successo, lo sorso anno,  dell’edizione del decennale, la Festa del Cinema Bulgaro fa ritorno, come da tradizione, alla Casa del Cinema di Roma (Largo Marcello Mastroianni, 1) da oggi, giovedì 28 giugno, e fino a domenica 1° luglio, intesa ad evidenziare con i titoli in cartellone il legame  fra letteratura e il grande tema della libertà.
Tra i protagonisti di questa edizione Victor Bozhinov, Alexander Alexiev, Stefan Komandarev, grandi scrittori come Gerghi Gsopodinov o autori di colonne sonore quali Petar Dundakov; in apertura, alla presenza del regista Victor Bozhinov, verrà proiettato Vazvishenie (Elevazione), tratto dal romanzo omonimo di Milen Ruskov già vincitore del Premio europeo per la letteratura nel 2014, ambientato nel periodo in cui la Bulgaria si liberò dal dominio ottomano (1877); identica ambientazione storica, ma raccontata attraverso lo sguardo femminile, la ritroviamo in Voevoda, tratto da un racconto di Nikolay Haitov.
Ampio spazio verrà riservato anche a Georghi Gospodinov, lo scrittore bulgaro più conosciuto in Italia grazie al romanzo Fisica della malinconia (pubblicato da Voland) che nel 2014 è stato finalista del Premio Von Rezzori e del Premio Strega Europeo. Continua a leggere

Festa del Cinema di Roma: le anticipazioni della 13ma edizione

Martin Scorsese (Cineavatar)

Sono state annunciate ieri, lunedì 25 giugno, dal Direttore Artistico Antonio Monda, d’intesa con Laura Delli Colli, alla guida della Fondazione Cinema per Roma,  alcune anticipazioni relative alla tredicesima edizione della Festa del Cinema di Roma (18 – 28 ottobre) che si terrà all’Auditorium Parco della Musica, coinvolgendo, come ogni anno, numerosi altri luoghi e realtà culturali della Capitale.
Grande rilievo agli Incontri ravvicinati con registi, attori e personalità del mondo dell’arte e della cultura: fra i primi nomi annunciati quello di Martin Scorsese, che riceverà il Premio alla carriera dalle mani di Paolo Taviani e sarà protagonista appunto di un incontro ravvicinato con il pubblico.
Nel corso dell’evento, curato da Antonio Monda, Scorsese ripercorrerà la sua carriera cinquantennale, illustrando alcune sequenze scelte fra i film italiani che hanno maggiormente influenzato la sua vita e la sua opera, oltre a presentare un classico del nostro cinema italiano in versione restaurata e a tenere un incontro con gli studenti dell’Università degli Studi di Roma La SapienzaContinua a leggere

Roma, Tor Pignattara e Pigneto: torna “Karawan- La festa del cinema itinerante”

Torna a Roma, dal 20 al 24 giugno, Karawan- La festa del cinema itinerante, giunta alla settima edizione: il grande cinema nei cortili dei quartieri Tor Pignattara e Pigneto, proponendo visioni non convenzionali per trattare i temi della convivenza e dell’incontro tra culture in tono non drammatico.
Proiezioni di lungometraggi, tra cui due anteprime, laboratori, incontri, una mostra fotografica, reading di poesia, un tour per il quartiere, musica e ogni sera dalle ore 20.00 il Karawan Bistrot, aperitivo e dj set, in una delle aree più multietniche della Capitale, per il secondo anno consecutivo sostenuto dal Mibact con il bando MigrArti.
Tema centrale di questa edizione è La Città, con l’hashtag #newtown, “a sottolineare – dichiarano i direttori artistici Carla Ottoni, Claudio Gnessi, Alessandro Zoppo e Gaia Parrini – nuove visioni della civitas come habitat aperto e inclusivo, che fa esplodere i margini e in cui nessuno è ospite, ma tutti sono membri di una nuova, plurale, comunità. Il filo rosso che unisce le storie proposte è proprio il nuovo senso di communitas che si (ri)crea partendo dall’ascolto dell’altro, che diventa globale senza perdere i legami con il territorio di riferimento”. Continua a leggere