Pane, amore e fantasia (1953)

Sagliena, Italia centrale, inizio anni ’50. Una comunità profondamente rurale, un paese che qua e là ancora porta i segni della guerra, così come di qualche scossa tellurica; qui giunge il maresciallo Antonio Carotenuto (Vittorio De Sica), aitante uomo di mezz’età, scapolo, per dirigere la locale stazione dei Carabinieri. Affettuosamente accudito dalla domestica Caramella (Tina … More Pane, amore e fantasia (1953)

Buon compleanno, Franca Valeri! – Il segno di Venere (1955)

Auguri di un felice compleanno a Franca Valeri (no, non si svela l’età di una signora, ma che cafoni, nonchè ordinari …) la cui sapida arguzia, le sottolineature ironiche di un certo tipo di borghesia milanese tutta snob e birignao o del cattivo gusto un po’ cafonesco di certa Roma, risultano quanto mai attuali e … More Buon compleanno, Franca Valeri! – Il segno di Venere (1955)

Donatella (1956)

Roma, anni’50. Donatella (Elsa Martinelli), è una bella ragazza, carattere determinato e sani principi; dopo aver svolto le mansioni di commessa in un magazzino di porcellane, è al momento disoccupata, però sta frequentando un corso di stenografia, non ama stare con le mani in mano, né è il tipo che si rassegna, pur consapevole della … More Donatella (1956)

Ritratti femminili nel cinema italiano tra emancipazione e autodeterminazione

Riporto di seguito la trascrizione del mio intervento d’introduzione e commento relativo alla rassegna cinematografica “Ritratti femminili nel cinema italiano tra emancipazione e autodeterminazione”, che ha avuto luogo nei giorni 11 marzo, 18 marzo e 1° aprile presso l’ex Convento dei Minimi di Roccella Jonica (RC), evento compreso nel cartellone dei Caffè artistico-letterari 2016, organizzati … More Ritratti femminili nel cinema italiano tra emancipazione e autodeterminazione

Di necessità virtù

“Che te magni?” “Pane”. “E che ci metti dentro?” “Fantasia, marescià”. Breve dialogo fra il maresciallo Antonio Carotenuto (Vittorio De Sica) e un abitante di Sagliena, immaginario paese dell’Italia centromeridionale elevato al ruolo di arcadico microcosmo, simbolo dell’Italia del dopoguerra, passata attraverso l’esperienza fascista e la lotta di liberazione, alla ricerca di una propria identità. … More Di necessità virtù