Archivi tag: Xavier Legrand

César 2019, il palmarès

Xavier Legrand (Paris Match)

Si è svolta ieri sera, venerdì 22 febbraio, alla Salle Pleyel di Parigi, la cerimonia di premiazione, condotta da  Kad Merad, e presieduta da Kristin Scott Thomas,  dei premi César 2019 (44ma edizione), i cosiddetti “Oscar francesi”, assegnati annualmente dall’Académie des arts et techniques du cinéma alle migliori pellicole e alle principali figure professionali del cinema transalpino.
Il palmarès ha visto Jusqu’à la garde (L’affido – Una storia di violenza), scritto e diretto da Xavier Legrand,  conseguire 4 riconoscimenti (Miglior Film, Miglior Attrice, Léa Drucker, Miglior Montaggio, Yorgos Lamprinos, Miglior Sceneggiatura Originale), identico risultato, numerico, ottenuto da Les frères Sisters (The Sisters Brothers) di Jacques Audiard (Miglior Regia, Miglior Fotografia, Benoît Debie, Miglior Scenografia, Michel Barthélémy, Miglior Suono, Brigitte Taillandier, Valérie De Loof, Cyril Holtz).
Il César per il Miglior Film Straniero è stato attributo a Une Affaire De Famille, di Irokazu Kore-Eda. Qui l’elenco completo dei vincitori.

Léa Drucker (Paris Match)

 

César 2019, le candidature

Ieri, mercoledì 23 gennaio, nel corso della consueta conferenza stampa che si è tenuta al ristorante Fouquet, Champs-Elysees di Parigi, sono state rese note dal presidente de  l‘Académie des Arts et Techniques du Cinéma, Alain Terzian, affiancato dall’attore Kad Merad, le candidature relative ai premi César 2019 (44ma edizione), i cosiddetti “Oscar francesi”, assegnati annualmente dalla citata Académie alle migliori pellicole e alle principali figure professionali del cinema transalpino. In testa, con 10 candidature ciascuno, L’affido – Una storia di violenza (Jusqu’à la garde) di Xavier Legrand e 7 uomini a mollo (Le grand Bain) di Gilles Lelouche. Seguono poi En liberté! di Pierre Salvadori e The Sisters Brothers di Jacques Audiard, appaiati a quota 9, mentre La douleur di Emmanuel Finkiel ne ottiene 8. Fra i candidati al Miglior Film Straniero troviamo anche l’italiano Andrea Pallaoro, con Hannah.
Robert Redford riceverà il César alla carriera; la cerimonia di premiazione, dedicata a Charles Aznavour, avrà luogo venerdì 22 febbraio, alla Salle Pleyel, a Parigi, condotta da Kad Merad e presieduta da Kristin Scott Thomas.
Qui l’elenco completo delle candidature.

Venezia 74: Leone d’Oro a Guillermo del Toro per “The Shape of Water”

Guillermo del Toro (Biennale di Venezia)

Al regista messicano Guillermo Del Toro è stato attribuito questa sera, sabato 9 settembre, il Leone d’Oro della 74ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, per il film The Shape of Water, fiaba nera dai risvolti romantici ambientata nell’ America della Guerra Fredda: questo il verdetto espresso dalla Giuria presieduta da  Annette Bening e composta da Ildikó Enyedi, Michel Franco, Rebecca Hall, Anna Mouglalis, David Stratton, Jasmine Trinca, Edgar Wright, Yonfan. In attesa di poter vedere il film, ritengo, rammentando la filmografia dell’autore, che questo riconoscimento costituisca una vittoria del “cinema per il cinema”, senza se e senza ma.
Il Leone d’Argento per la migliore regia è andato invece al regista esordiente Xavier Legrand per Jusqu’à La Garde, che ottiene anche il Leone del futuro – Premio Venezia Opera Prima Luigi De Laurentiis. Continua a leggere