Archivi tag: Alain Resnais

72mo Festival di Cannes: il manifesto omaggia Agnès Varda

E’ dedicata ad Agnès Varda, fotografa, regista e sceneggiatrice cinematografica francese che ci ha lasciato lo scorso 29 marzo, l’immagine ufficiale del 72mo Festival di Cannes (14-25 maggio):l’elaborazione di una foto che la ritrae, in piedi sulle spalle di un tecnico, mentre guarda dentro la macchina da presa sulla spiaggia di Sète, dove, nell’agosto del 1954, stava girando il suo primo lungometraggio, La pointe courte, che vedrà Alain Resnais al montaggio e Philippe Noiret al suo primo ruolo; un’ opera densa di stilemi visivi ed espressivi profondamente innovatori, anticipatori di quella che verrà definita la Nouvelle Vague, la “nuova onda” del cinema transalpino che prese piede tra la primavera del ’59 e l’autunno del ’63; la macchina da presa tornava nelle strade, a riprendere contatto con la realtà, abbandonando l’artificio degli studi cinematografici, cercando attori nuovi che potessero dare una patina di autenticità ai personaggi interpretati e affrancandosi dai vincoli della sceneggiatura. Un nuovo tipo di cinema, volto a spazzare via l’accademismo ereditato dagli anni ’30 nel sostenere la “politica degli autori”, i diritti del regista quale padrone assoluto del linguaggio cinematografico, di cui Varda fu portatrice, tra creatività e sperimentazione. Il cartellone ufficiale del Festival sarà svelato giovedì 18 aprile dal Presidente Pierre Lescure e da Thierry Frémaux, Delegato Generale.

Agnés Varda (1928-2019)

(230727) Film director Agnes Varda. (Photo by Micheline PELLETIER/Gamma-Rapho via Getty Images)

È morta ieri, venerdì 29 marzo, a Parigi, la fotografa, regista e sceneggiatrice cinematografica Agnés Varda (Arietta V. all’anagrafe, Ixelles, 1928), apportatrice attraverso le sue opere di stilemi visivi ed espressivi profondamente innovatori nel delineare un linguaggio formale tanto riflessivo quanto immediato, in virtù di una messa in scena dall’assunto documentaristico ma idonea anche a porre in atto una resa empatica dei personaggi; debuttò alla regia nel 1954, dopo i trascorsi in qualità di fotografa teatrale, con il lungometraggio La Pointe Courte  (Alain Resnais al montaggio e Philippe Noiret al suo primo ruolo), imponendosi subito fra gli autori più influenti della giovane generazione francese, i cui gusti e caratteristiche si catalizzeranno presto in quella che verrà definita la Nouvelle Vague, la “nuova onda” del cinema transalpino che prese piede tra la primavera del ’59 e l’autunno del ’63, spazzando via l’accademismo ereditato dagli anni ’30 e sostenendo la “politica degli autori”, i diritti del regista quale padrone assoluto del linguaggio cinematografico. Seguirono alcuni cortometraggi, per poi realizzare titoli che ne incrementarono la notorietà internazionale  (Cléo de 5 à 7, Cléo dalle 5 alle 7, 1961; Le bonheur, Il verde prato dell’amore, 1965), sempre mantenendosi fedele al proprio stile realistico e raffinato, abbracciando anche sperimentazioni (Les créatures, 1966) o dedicandosi al genere documentario, girandone alcuni negli Stati Uniti, aderendo infine al  movimento femminista (Réponse de femmes: Notre corps, notre sexe, 1975; L’une chante, l’autre pas, 1976) e creando nel 1977 una propria casa di produzione, Ciné-Tamaris. Continua a leggere

70mo Locarno Festival: i presidenti delle Giurie

Sabine Azéma (uniFrance Films)

Sono stati annunciati nei giorni scorsi i nominativi dei presidenti delle Giurie nell’ambito delle principali sezioni del 70mo Locarno Festival (2-12 agosto):a presiedere la giuria del Concorso internazionale sarà il regista francese, nonchè sceneggiatore e critico di cinema, Olivier Assayas, già al Festival nel 2014 con l’acclamato Sils Maria, protagonista Juliette Binoche.
Tra i più apprezzati cineasti contemporanei, Assayas ha realizzato 9 lungometraggi, spaziando tra temi, luoghi e generi diversi, dando vita ad un cinema dove la ricerca formale si sposa alle esigenze del racconto, offrendo risalto al talento dei suoi interpreti, tra cui spiccano figure femminili interpretate da attrici quali Emmanuelle Béart, Maggie Cheung, Virginie Ledoyen, Connie Nielsen e Kristen Stewart.
Come Presidente di giuria del concorso Cineasti del presente è stato designato Yousry Nasrallah, volto noto al pubblico del Festival avendo presentato a Locarno diverse opere tra cui il toccante documentario A propos des garçons, des filles et du voile (1995) e Brooks, Meadows and Lovely Faces lo scorso anno in Concorso internazionale. Assistente di Youssef Chahine, Nasrallah ha esordito nel 1988 con Vols d’été ed è autore di un cinema popolare, carico di sensualità e fortemente politico. Infine la giuria del concorso Pardi di domani vedrà come Presidente Sabine Azéma, amatissima interprete del cinema francese. Due volte César per la miglior interpretazione femminile (Un dimanche à la campagne , 1984, Bertrand Tavernier; Mélo, 1986, Alain Resnais) vera e propria musa di Resnais, con cui ha debuttato nel 1983, Azéma è da sempre protagonista di un cinema di ricerca e scoperta, dunque ha in dote la sensibilità ideale per incontrare e affrontare gli autori del domani.

 

Un ricordo di Giorgio Albertazzi

Giorgio Albertazzi

Giorgio Albertazzi

Attore, e uomo, dalla prorompente personalità, unita ad un talento naturale che gli ha consentito di spaziare con disinvoltura e sensibilità tra cinema, teatro e televisione, forte di un’elegante presenza scenica e di un timbro vocale indimenticabile, Giorgio Albertazzi, morto ieri, sabato 28 maggio, a Roccastrada (FI), lascia un grande vuoto, probabilmente incolmabile, nel panorama culturale italiano e nel settore del teatro nello specifico, cui si era dedicato con particolare dedizione a partire dalla metà degli anni Settanta. Nato a Fiesole nel 1923, Albertazzi debuttò sul palcoscenico nel 1949 (Troilo e Cressida, William Shakespeare, per la regia di Luchino Visconti), dopo aver fondato ad Ancona, nell’inverno del 1945, insieme con Titta Foti, il primo teatro anarchico italiano. Due anni più tardi l’esordio al cinema, con Lorenzaccio, nelle vesti del protagonista Lorenzo de’ Medici, per la regia di Raffaele Pacini; rilevante anche il suo apporto nell’ambito dei primi sceneggiati Rai tratti da famosi romanzi come L’idiota di Fëdor Dostoevskij (1869), diretto da Giacomo Vaccari, che lo stesso Albertazzi, interprete del principe Myškin, adattò nel 1959 per la televisione dall’opera originaria, o Jekyll, 1969, splendida rilettura in chiave moderna de Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di R. L. Stevenson (Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886), da lui scritta e diretta, ancora oggi attuale nel visualizzare i conflitti etici della scienza e l’insuperabile dualismo fra Bene e Male, entità con le quali siamo costretti a fare i conti nel nostro incedere terreno, senza riuscire a scindere l’una dal’altra. Continua a leggere

Cannes 2015: Lambert Wilson cerimoniere per la seconda volta

Lambert Wilson  (cinefilos.it)

Lambert Wilson (cinefilos.it)

Dopo essersi distinto nell’edizione dello scorso anno, unendo alla grande passione per il cinema eleganza, equilibrio ed eloquio sciolto, sarà ancora una volta l’attore francese Lambert Wilson ad avere l’onore di inaugurare il 68mo Festival di Cannes, mercoledì 13 maggio, oltre a dare il benvenuto ai fratelli Coen, Presidenti di Giuria, sul palco del Palais des Festivals e condurre la cerimonia di premiazione durante la serata conclusiva, domenica 24 maggio. Artista dotato di una certa eleganza scenica e piuttosto poliedrico (la sua attività alterna cinema, televisione, teatro e musica), Wilson ha lavorato con alcuni grandi nomi del cinema francese, come Claude Chabrol (Le sang des autres, Il sangue degli altri, 1984) o Alain Resnais (On connaît la chanson, Parole, parole, parole…, 1997; Mai sulla bocca, Pas sur la bouche, 2003), oltre ad aver preso parte a varie produzioni internazionali (fra le tante, Matrix Reloaded e Matrix Revolutions, Lana e Andy Wachowski, 2003, nel ruolo di Merovingio). Ha conseguito il César come miglior attore con Uomini di Dio (Des hommes et des dieux, Xavier Beauvois), vincitore proprio a Cannes, nel 2010, 63ma edizione, del Grand Prix della Giuria.

Milano, Spazio Oberdan: “Van Gogh. L’uomo e la terra. I Film”

untitledkDall’11 dicembre al 3 gennaio 2015 a Milano, presso Spazio Oberdan (Viale Vittorio Veneto, 2), Fondazione Cineteca Italiana, in occasione della mostra Van Gogh. L’uomo e la terra, inaugurata a Palazzo Reale lo scorso 18 ottobre e in proseguimento fino all’8 marzo 2015, presenterà una rassegna dedicata al genio e alla follia dell’artista che ha segnato la storia dell’arte contemporanea: Vincent Van Gogh. Sono infatti molteplici i film dedicati al grande artista olandese e la Cineteca di Milano ha scelto le opere più significative che sono riuscite a comunicare al pubblico l’intensità della sua esistenza, a partire da due pellicole come Vincent & Theo (1990) di Robert Altman, con Tim Roth nei panni del pittore, e Van Gogh (1991) di Maurice Pialat, interpretato da Jacques Dutronc. Tra i lungometraggi anche Brama di vivere (Lust for Life, 1956) di Vincent Minnelli, con Kirk Douglas nel ruolo di Van Gogh e Anthony Quinn in quello di Paul Gauguin. Continua a leggere

EFA 2014, omaggio ad Agnès Varda

Agnès Varda (vallesabbianews.it)

Agnès Varda (vallesabbianews.it)

Il prossimo 13 dicembre l’European Film Academy, nel corso della 27ma Cerimonia degli European Film Awards, a Riga, conferirà ad Agnès Varda il Premio alla Carriera, un riconoscimento del contributo unico e attento che ha dato al mondo del cinema, per l’eccezionale insieme della sua opera.
La scrittrice e regista francese sarà l’ospite d’onore. Agnès Varda si è affermata negli anni come una delle figure più importanti del cinema francese e internazionale; già il suo debutto alla regia nel 1954, dopo i trascorsi in qualità di fotografa teatrale, il lungometraggio La Pointe Courte (con Alain Resnais al montaggio e Philippe Noiret al suo primo ruolo) s’impose da subito come una delle opere più influenti della giovane generazione francese, i cui gusti e le cui caratteristiche si catalizzeranno presto in quella che verrà definita la Nouvelle Vague.