Archivi tag: Beverly Hilton Hotel

76esimi Golden Globe Awards: i vincitori

Si è svolta ieri sera, domenica 6 gennaio, al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles,  condotta da Sandra Oh e Andy Samberg, la 76ma cerimonia di premiazione dei  Golden Globe Awards, gli annuali riconoscimenti della Hollywood Foreign Press Association, l’associazione hollywoodiana della stampa estera. Un’edizione volta a celebrare tematiche quali la condivisione e la diversità, valori da preservare all’interno di una società che voglia definirsi veramente tale, offrendo alle donne concreta eguaglianza di presenza nell’ambito lavorativo (nello specifico produzioni televisive e cinematografiche), così come eguali diritti a coloro che ancora vengono definiti “diversi” per i propri orientamenti sessuali o per la loro etnia, senza dimenticare quanti cercano accoglienza nello sfuggire a guerre e persecuzioni. Continua a leggere

Golden Globe Awards 2018, i vincitori

Si è svolta ieri sera, domenica 7 gennaio, al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles,  condotta da Seth Meyers, la 75ma cerimonia di premiazione dei  Golden Globe Awards, gli annuali riconoscimenti della Hollywood Foreign Press Association, l’associazione hollywoodiana della stampa estera. Star, donne ed uomini, vestite a nero come protesta verso lo scandalo relativo alle molestie sessuali esploso nei mesi scorsi, oltre a mettere in evidenza  la spilla dell’associazione Time’s Up (costituita da un gruppo di 330 donne dell’industria dello spettacolo statunitense per combattere la violenza sessuale e la disuguaglianza in ogni ambito economico e lavorativo).
A conseguire il maggior numero di riconoscimenti, all’interno della sezione cinema, è stato Three Billboards Outside Ebbing, Missouri di Martin McDonagh: Miglior Film Drammatico, Miglior Attrice Protagonista (Frances McDormand),  Miglior Attore non Protagonista (Sam Rockwell), Migliore Sceneggiatura (McDonagh). The Shape of Water, dato per favorito, vede premiati Guillermo del Toro come Miglior Regista ed Alexandre Desplat per la Miglior Colonna Sonora, mentre Lady Bird, piccolo film indie scritto e diretto da Greta Gerwig, è risultato il Miglior Film-Commedia, ottenendo all’interno della categoria il premio relativo alla Miglior Attrice Protagonista (Saoirse Ronan). Coco è  il Miglior Film di Animazione e In the Fade (Fatih Akin) il Miglior Film Straniero. Continua a leggere

75esimi Golden Globe Awards: le nomination

Ecco la  lista completa delle nomination, settore cinema, relative ai 75esimi Golden Globe Awards, gli annuali riconoscimenti della Hollywood Foreign Press Association, l’associazione hollywoodiana della stampa estera, annunciate oggi, lunedì 11 dicembre, al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles da Sharon Stone, Garrett Hedlund, Alfre Woodard e Kristen Bell, insieme a Simone Garcia Johnson, Golden Globe Ambassador, Meher Tatna, presidente della Hollywood Foreign Press Association e al produttore Barry Adelman.  Il 7 gennaio 2018, sempre al Beverly Hilton Hotel, avrà luogo la cerimonia di premiazione condotta da Seth Meyers. In testa, 7 candidature, troviamo The Shape of Water di Guillermo del Toro, a seguire The Post di Steven Spielberg e Three Billboards Outside Ebbing, Missouri, con 6. Tre nomination per Call Me By Your Name (Chiamami col tuo nome) di Luca Guadagnino: miglior film drammatico, miglior attore (Timothée Chalamet) e migliore attore non protagonista (Armie Hammer).
Helen Mirren è fra le candidate come miglior attrice per Ella & John – The Leisure Seeker di Paolo Virzì. Continua a leggere

Golden Globe Awards 2017: il trionfo di “La La Land”

73rd-open-ceremony-golden-globes-awards-2016-live-red-carpetSi è svolta ieri sera, domenica 8 gennaio, al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles,  condotta da Jimmy Fallon, la 74ma cerimonia di premiazione dei  Golden Globe Awards, gli annuali riconoscimenti della Hollywood Foreign Press Association, l’associazione hollywoodiana della stampa estera. La La Land di Damien Chazelle si è aggiudicato ben sette riconoscimenti (premiati anche i protagonisti Emma Stone e Ryan Gosling) nella categoria Motion Picture – Musical or Comedy, mentre il Miglior Film Drammatico è risultato Moonlight. Miglior Film Straniero è Elle, di Paul Verhoven, che vede anche premiata la protagonista Isabelle Huppert come Miglior Attrice in un Film Drammatico. Di seguito, l’elenco dei vincitori, relativamente alla sezione cinema. Continua a leggere

Golden Globe Awards 2014: i vincitori

u5Si è svolta la scorsa notte al Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills, condotta da Tina Fey e Amy Poehler, la 71ma cerimonia di premiazione dei Golden Globe Awards, i riconoscimenti assegnati dalla Hollywood Foreign Press, l’associazione hollywoodiana della stampa estera.
A dominare, come da previsione, 12 Anni schiavo di Steve McQueen, miglior film drammatico, e American Hustle di David O. Russell, migliore commedia, che vede anche premiate Amy Adams, migliore attrice protagonista nella stessa categoria, e Jennifer Lawrence, attrice non protagonista.
Per la regia vince Alfonso Cuarón con Gravity. Migliori attori protagonisti di un film drammatico sono Matthew McConaughey (Dallas Buyers Club, per lo stesso film vince anche Jared Leto come attore non protagonista) e Cate Blanchett (Blue Jasmine, di Woody Allen, cui è stato conferito il premio alla carriera, Cecil B. De Mille Award, ritirato da Diane Keaton). Miglior attore protagonista di commedia o musical è risultato Leonardo Di Caprio (The Wolf of Wall Street, Martin Scorsese).

Paolo Sorrentino

Paolo Sorrentino

La grande bellezza di Paolo Sorrentino ha conquistato il Golden Globe come miglior film straniero, un riconoscimento che il nostro cinema aveva ottenuto l’ultima volta nel 1989, con Nuovo Cinema Paradiso diretto da Giuseppe Tornatore.
E’ la conferma, considerando anche la vittoria agli EFA, European Films Awards, come ho già avuto modo di scrivere in precedenti articoli, della capacità ancora viva del cinema italiano di allestire opere magari diseguali nella loro resa complessiva, forse non del tutto all’altezza di precedenti realizzazioni, ma capaci di sorprendere e spiazzare.
Nella fattispecie il film di Sorrentino sin dalla sua presentazione, in concorso, al 66mo Festival di Cannes, si è rivelato destinato a convivere tra estimatori e detrattori a contendersi il campo in eguale misura, ma rappresenta l’ulteriore affermazione di un autore capace d’imprimere alle sue opere un notevole fascino a livello visivo, grazie ad immagini felicemente intarsiate (la fotografia di Luca Bigazzi) nella loro sfrontata scomposizione, giocata sull’alternanza fra carrellate e primi piani di persone, luoghi, oggetti, unite da una valida colonna sonora (Lele Marchitelli), a sua volta in grado d’offrire disinvolti e stranianti voli pindarici. Ed ora appuntamento a giovedì 16 gennaio, quando verranno rivelate le nomination relative agli Oscar 2014.
Di seguito, l’elenco dei vincitori.

Miglior Film (Dramma): 12 anni schiavo (Steve McQueen). Miglior Film (Commedia o Musical): American Hustle – L’apparenza inganna (David O. Russell). Migliore Attore Protagonista (Dramma): Matthew McConaughey (Dallas Buyers Club). Migliore Attrice Protagonista (Dramma): Cate Blanchett (Blue Jasmine). Migliore Attore Protagonista (Commedia o Musical): Leonardo DiCaprio (The Wolf of Wall Street). Migliore Attrice Protagonista (Commedia o Musical): Amy Adams (American Hustle – L’apparenza inganna). Miglior Attore Non Protagonista: Jared Leto (Dallas Buyers Club). Migliore Attrice Non Protagonista: Jennifer Lawrence (American Hustle – L’apparenza inganna). Migliore Regia: Alfonso Cuarón (Gravity). Miglior Sceneggiatura: Spike Jonze (Her). Migliore Colonna Sonora: Alex Ebert (All Is Lost). Miglior Canzone Originale: Mandela: Long Walk to Freedom (Ordinary Love, U2). Miglior Film Straniero: La grande bellezza, Paolo Sorrentino. Miglior Film d’animazione: Frozen – Il regno di ghiaccio (Chris Buck e Jennifer Lee).

Golden Globe Awards 2013

golden-globes-awards-2013-L-bsRBRJGolden Globes con sorpresa quelli conferiti la scorsa notte presso il Beverly Hilton Hotel, Beverly Hills, California, a cura della giuria composta dai novanta giornalisti della stampa estera iscritti all’ HFPA (Hollywood Foreign Press Association). La 70esima edizione ha visto l’affermazione di Argo, regia di Ben Affleck, mentre il favorito Lincoln (Steven Spielberg) vede assegnarsi il premio al miglior attore drammatico, Daniel Day Lewis.
Miglior film straniero è risultato Amour, Michael Haneke. Di seguito, l’elenco dei vincitori, relativamente al settore cinematografico.

Ben Affleck

Ben Affleck

Miglior film (dramma): Argo, Ben Affleck; Miglior film (commedia o musical): Les Miserables, Tom Hooper; Miglior attore protagonista (dramma): Daniel Day Lewis, Lincoln (Steven Spielberg); Miglior attrice protagonista (dramma): Jessica Chastain, Zero Dark Thirty (Kathryn Bigelow); Miglior attore protagonista (commedia/musical): Hugh Jackman, Les Miserables; Miglior attrice protagonista (commedia/musical): Jennifer Lawrence, Silver Linings Playbook (David O. Russell); Miglior attore non protagonista: Christoph Waltz, Django Unchained (Quentin Tarantino); Miglior attrice non protagonista: Anne Hathaway, Les Miserables; Miglior regia: Ben Affleck, Argo; Miglior sceneggiatura: Django Unchained (Quentin Tarantino); Miglior colonna sonora: Vita di Pi (Mychael Danna); Migliore canzone originale: Skyfall (da Skyfall, Sam Mendes); Miglior film d’animazione: Ribelle – The Brave (Mark Andrews e Brenda Chapman); Miglior film Straniero: Amour (Austria), Michael Haneke.

Golden Globes Awards 2013: le nomination

golden-globes-awards-2013-le-nomination-L-hj0ujRIn attesa della cerimonia di consegna che avrà luogo il prossimo 13 gennaio, presso il Beverly Hilton Hotel (Beverly Hills, California), sono state annunciate ieri le nomination ai Golden Globes Awards 2013, a cura della giuria composta dai novanta giornalisti della stampa estera iscritti all’ HFPA (Hollywood Foreign Press Association), premi considerati tradizionalmente un’anticipazione o comunque una sorta d’indicazione relativamente all’assegnazione degli Oscar (spesso puntualmente smentita): il film con più candidature, sette, risulta essere Lincoln, regia di Steven Spielberg (miglior film, regia, attore protagonista, Daniel Day-Lewis, attrice non protagonista, Sally Field, attore non protagonista, Tommy Lee Jones, sceneggiatura, colonna sonora), seguito da Argo, di Ben Affleck e Django Unchained, di Quentin Tarantino, con cinque a testa (rispettivamente: film, regia, Alan Arkin attore non protagonista, sceneggiatura e colonna sonora per il primo e film, regia, Leonardo Di Caprio e Christoph Waltz attori non protagonisti, sceneggiatura, per il secondo).
Di seguito, l’elenco delle nomination, relativamente al settore cinematografico.

Daniel Day-Lewis (Lincoln)

Daniel Day-Lewis (Lincoln)

Miglior film drammatico: Argo; Django Unchained; Life of Pi; Lincoln; Zero Dark Thirty. Migliore commedia: Best Exotic Marigold Hotel; Les Miserables; Moonrise Kingdom; Salmon Fishing in the Yemen; Silver Linings Playbook. Migliore regia: Ben Affleck (Argo); Kathryn Bigelow (Zero Dark Thirty); Ang Lee (Vita di Pi); Steven Spielberg (Lincoln);Quentin Tarantino (Django Unchained). Migliore attore protagonista in un film drammatico: Daniel Day-Lewis (Lincoln); Richard Gere (Arbitrage); John Hawkes (The Sessions); Joaquin Phoenix (The Master); Denzel Washington (Flight). Migliore attrice protagonista in un film drammatico: Jessica Chastain (Zero Dark Thirty); Marion Cotillard (Un sapore di ruggine e ossa); Helen Mirren (Hitchcock); Naomi Watts (The Impossible); Rachel Weisz (The Bourne Legacy). Migliore attore in commedia o musical:Jack Black (Bernie); Bradley Cooper (Silver Linings);- Hugh Jackman (Les Miserables); Ewan McGregor (Salmon Fishing in the Yemen); Bill Murray (Hyde Park on Hudson).

Sally Field (Mary Todd Lincoln)

Sally Field (Mary Todd Lincoln)

Migliore attrice (Commedia o Musical): Emily Blunt (Salmon Fishing in the Yemen); Judi Dench (Best Exotic Marigold Hotel); Jennifer Lawrence (Silver Linings); Maggie Smith (Quartet); Meryl Streep (Hope Springs). Migliore attore non protagonista: Alan Arkin (Argo); Leonardo DiCaprio (Django Unchained); Philip Seymour Hoffman (The Master); Tommy Lee Jones (Lincoln); Christoph Waltz (Django Unchained). Migliore attrice non protagonista: Amy Adams (The Master); Sally Field (Lincoln); Anne Hathaway (Les Miserables); Helen Hunt (The Sessions); Nicole Kidman (The Paperboy). Migliore sceneggiatura: Zero Dark Thirty; Lincoln; Silver Linings Playbook; Django Unchained; Argo. Migliore colonna sonora: Mychael Danna (Vita di Pi); Alexandre Desplat (Argo); Dario Marianelli (Anna Karenina); Tom Tywker, Reinhold Heil e Johnny Klimek (Cloud Atlas); John Williams (Lincoln). Migliore canzone: For You (Act of Valor), Keith Urban; Not Running Anymore (Stand Up Guys), Stand Up Guys; Safe and Sound (Hunger Games), Taylor Swift; Skyfall (Skyfall), Adele; Suddenly (Les Miserables). Migliore film straniero: Amour; A Royal Affair; The Untouchables; Kon Tiki; Un sapore di ruggine e ossa. Migliore film d’animazione: Ribelle – The Brave; Frankenweenie; Hotel Transylvania; Le 5 leggende; Ralph Spaccatutto.