Archivi tag: Bill Murray

Milano, MIC-Museo Interattivo del Cinema: panoramica su Sofia Coppola

Sofia Coppola (LaScimmiaPensa.com)

Da oggi, venerdì 12 e fino a sabato 27 aprile, al MIC – Museo Interattivo del Cinema di Milano, Fondazione Cineteca Italiana presenta Sofia Coppola, una panoramica sulla filmografia completa di una cineasta sensibile, creativa e degna erede della New Hollywood degli anni Settanta, il cui stile originale, esteticamente raffinato ed estremamente femminile caratterizza tutte le sue pellicole, a partire dall’esordio, Il giardino delle vergini suicide (1999) fino al suo ultimo lavoro, L’inganno (2017), senza dimenticare quello che è certo la sua opera più toccante, Lost in Translation (2003) con Bill Murray e Scarlett Johansson, che racconta di due esistenze che si incontrano, due persone un po’ perse accomunate da insonnia, solitudine e sintonia, che creeranno un legame profondo, un’amicizia unica e preziosa. Da non perdere anche uno dei suoi primissimi lavori, il cortometraggio Lick the Star (1998), che già racchiude alcuni dei temi cari alla regista: il corto, in cui appare anche Peter Bogdanovich in un cameo,  racconta infatti di quattro ragazze che escogitano un piano diabolico per eliminare tutti i ragazzi della loro scuola. (Fonte: comunicato stampa)

72mo Festival di Cannes: “The Dead Don’t Die” di Jim Jarmusch sarà il titolo d’apertura

(Wikipedia)

The Dead Don’t Die di Jim Jarmusch sarà il titolo d’apertura del 72mo Festival di Cannes (14-25 maggio), una commedia horror che vede nel cast Bill Murray, Adam Driver, Chloë Sevigny, Selena Gomez, Austin Butler, Steve Buscemi, Tilda Swinton, Rosie Perez, Iggy Pop, Danny Glover, Tom Waits e Caleb Landry Jones. La notizia è sta diffusa in esclusiva da Variety e poi confermata dagli organizzatori del Festival. Altra news in arrivo dalla Croisette riguarda la Giuria che giudicherà le opere prime e seconde della 58esima Semaine de la Critique: presieduta da Ciro Guerra, regista colombiano, avrà quali componenti Jonas Carpignano, regista italiano, l’attrice franco britannica Amira Casar, la produttrice francese Marianne Slot e la giornalista cinematografica congolese Djia Mambu.

68ma Berlinale, Orso d’Oro ad Adina Pintilie per “Touch Me Not”

Adina Pintilie (“Ciak Magazine”, foto di Pietro Coccia)

Si è svolta ieri sera, sabato 24 febbraio, la cerimonia di premiazione della 68ma Berlinale: la giuria presieduta da Tom Tykwer  e composta da Cécile de France, Chema Prado, Adele Romanski, Ryūichi Sakamoto e Stephanie Zacharek ha conferito l’Orso d’Oro alla regista rumena Adina Pintilie, autrice di Touch Me Not, opera cui è andato anche il GWFF Best First Feature Award, riconoscimento creato nel 2006 e destinato alla migliore opera prima, in base al verdetto espresso dalla Giuria composta da Jonas Carpignano, Călin Peter Netzer e Noa Regev. Mug di Małgorzata Szumowska ha conseguito l’Orso d’ Argento-Gran Premio della Giuria, mentre l’Orso d’Argento per la miglior regia è stato attribuito a Wes Anderson per Isle of Dogs, riconoscimento ritirato, assente il regista, da Bill Murray, fra le voci del film; nulla di fatto per Laura Bispuri e il suo Figlia mia, unico titolo italiano in Concorso.
Di seguito, l’elenco dei premi assegnati. Continua a leggere

68ma Berlinale, apertura animata

Per la prima volta nella storia della Berlinale, la 68ma edizione della kermesse cinematografica tedesca (15-25 febbraio) verrà inaugurata da un film d’animazione, Isle of Dogs (L’isola dei cani) di Wes Anderson, presentato in anteprima mondiale.
Per Anderson è la quarta partecipazione al Concorso dopo I Tenenbaum (2002), Le avventure acquatiche di Steve Zissou (2005) e Grand Budapest Hotel (2014), anche quest’ultimo titolo d’apertura del Festival di Berlino, cui venne conferito l’Orso d’Argento- Gran Premio della Giuria.
Isle of Dogs, (negli Stati Uniti sarà distribuito dal 23 marzo), è girato in stop motion; fra le voci originali: Bryan Cranston, Edward Norton, Bill Murray, Jeff Goldblum, Scarlett Johansson, Yoko Ono. Il Direttore Artistico Dieter Kosslick ha dichiarato: “Non potrei essere più felice che tocchi nuovamente a Wes Anderson dare il via alla Berlinale. Isle of Dogs sarà il primo film animato ad aprire il festival, un film che rapirà il cuore degli spettatori con il classico fascino di Anderson”.

Milano, Spazio Oberdan: Fondazione Cineteca Italiana omaggia Jim Jarmush

Jim Jarmusch (Wikipedia)

Jim Jarmusch (Wikipedia)

Da oggi, sabato 11, e fino a martedì 21 febbraio, a Milano, allo Spazio Oberdan, Fondazione Cineteca Italiana presenterà un omaggio a Jim Jarmusch, offrendo così risalto ad un autore capace di delineare tramite le sue opere una visione critica, non disgiunta da toni ironici e stranianti, della mitologia on the road e del rapporto fra l’uomo e il paesaggio americano, quest’ultimo spesso crocevia di una varia e spaesata umanità, simbolo quindi dell’incontro fra le più diverse culture.
Nato nel 1953 in Ohio, cresciuto nella cultura underground newyorchese degli anni Settanta, ammaliato ed ispirato in egual misura sia da quanto offriva la scena musicale del periodo che dalla precedente frequentazione a Parigi della Cinémathèque française diretta all’epoca da Henri Langlois, Jarmusch concretizzò la sua voglia di “fare film” presso la scuola di cinema della New York University, dove divenne assistente del regista Nicholas Ray.
L’esordio avvenne nel 1980, con la distribuzione nel circuito d’essai internazionale del suo saggio di regia (in 16mm) Permanent Vacation, col quale si diplomò alla suddetta scuola di cinema: sullo sfondo di una New York quasi aliena Jarmush mise in scena la storia di un uomo, il giovane Aloysius (Chris Parker), che vive a tempo perso tra donne, letteratura e piccoli furti, finché proverà a raggiungere l’ultimo barlume di felicità fuggendo a Parigi. Continua a leggere

Milano, MIC – Museo Interattivo del Cinema: “St. Vincent e gli altri personaggi di Bill Murray”

Bill Murray

Bill Murray

Da domani, giovedì 19 marzo, e fino a domenica 29, a Milano, presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema, Fondazione Cineteca Italiana presenterà St. Vincent e gli altri personaggi di Bill Murray, rassegna in sette film che rappresentano alcune delle sue più indimenticabili interpretazioni. Formatosi in un’autentica fucina di talenti comici quale il Saturday Night Live, insieme al mitico John Belushi e ai colleghi acchiappafantasmi Dan Aykroyd e Harold Ramis, Bill Murray è un brillante esempio di attore comico moderno e versatile, capace nel corso della sua carriera di affrontare con leggerezza anche racconti drammatici, grazie ad autori che hanno contribuito a farne emergere e risaltare una certa melanconia di fondo, stemperata nell’abituale ironia, dando vita ad un particolare melange che gli ha consentito di impersonare con impassibilità keatoniana personaggi fuori dal tempo e divertenti maschere grottesche. Continua a leggere

Milano, “Spazio Oberdan”: omaggio a Jim Jarmush

 Jim Jarmush

Jim Jarmush

Dal 27 agosto al 4 settembre presso Spazio Oberdan della Provincia di Milano (Sala Alda Merini, Viale Vittorio Veneto 2), Fondazione Cineteca Italiana presenterà un omaggio a Jim Jarmusch in dieci film, offrendo così risalto ad un autore capace di delineare tramite le sue opere una visione critica, non disgiunta da toni ironici e stranianti, della mitologia on the road e del rapporto fra l’uomo e il paesaggio americano, quest’ultimo spesso crocevia di una varia e spaesata umanità, simbolo quindi dell’incontro fra le più diverse culture.
Nato nel 1953 in Ohio, cresciuto nella cultura underground newyorchese degli anni Settanta, ammaliato ed ispirato in egual misura sia da quanto offriva la scena musicale del periodo che dalla precedente frequentazione a Parigi della Cinémathèque française diretta all’epoca da Henri Langlois, Jarmusch concretizzò la sua voglia di “fare film” presso la scuola di cinema della New York University, dove divenne assistente del regista Nicholas Ray. Continua a leggere