Archivi tag: La fuga

La fuga

Film di produzione indipendente a basso costo, La fuga, già oggetto di selezione in numerosi festival nazionali ed internazionali e distribuito in questi giorni nelle sale, rappresenta l’esordio nei lungometraggi della regista Sandra Vannucchi, anche sceneggiatrice della pellicola insieme a Michael King. Ispirandosi ad un avvenimento della propria infanzia, un tentativo di raggiungere Roma senza il consenso dei genitori finito nel nulla per il sopraggiungere di alcuni parenti in stazione, l’autrice riesce a delineare con incisiva sensibilità la tematica della diversità vista non in quanto scriminante, bensì apportatrice di opportuni confronti e riflessioni riguardo le personali ed altrui modalità di approccio esistenziale, sia essa rappresentata da  una malattia psichica dalla sottovalutata portata invalidante, sia dall’appartenenza ad una differente etnia, quest’ultima spesso oggetto di atavici pregiudizi e scarsa comprensione. Continua a leggere

Lauren Bacall, lo sguardo sensuale della “vecchia Hollywood”

Lauren Bacall (Wikipedia)

Lauren Bacall (Wikipedia)

A poche ore di distanza dalla scomparsa di Robin Williams, Hollywood perde un’altra stella del suo firmamento, l’affascinante attrice Lauren Bacall (all’anagrafe Betty Joan Perske, New York, 1924), morta ieri, martedì 12 agosto, nel suo appartamento a Manhattan.
Nota col soprannome di The Look, lo sguardo, conferitogli per quel suo particolare modo di porsi dinnanzi la macchina da presa, testa leggermente china ed occhi rivolti verso l’alto, Lauren Bacall, anche in virtù di una conturbante sensualità e dell’indubbia eleganza, offriva risalto ad una presenza scenica particolare, se non unica, una combinazione fra un atteggiamento in apparenza altero e un certo disincanto, avvalorato poi da un lieve ma efficace umorismo.
A rendere ulteriormente intrigante tale già ammaliante combinazione di elementi si aggiungeva un tono di voce piuttosto caldo, vibrante di tonalità basse e roche. Tutte caratteristiche che la resero interprete ideale di molti noir e degna partner, sullo schermo come nella vita di ogni giorno, del granitico Humphrey Bogart (i due si sposarono nel 1945 e la loro unione durò fino alla morte dell’attore, avvenuta nel 1957), un sodalizio che iniziò a sprizzare scintille sul set di To Have and Have Not (Acque del Sud, 1944, dal romanzo di Ernest Hemingway), per la regia di Howard Hawks. Questi decise di farla esordire nella suddetta pellicola dopo un provino conseguente all’aver notato alcune sue foto sulla rivista Harper’s Bazaar: l’attrice infatti, che aveva esordito in teatro a soli 17 anni, una volta interrotti gli studi di recitazione presso l’American Academy of Dramatic Arts causa difficoltà economiche, si era avviata verso la carriera di modella dopo aver svolto vari mestieri, pur continuando, sostenuta da una forte determinazione, a cercare ingaggi nel mondo cinematografico. Continua a leggere

“Corti d’Argento 2014”: i vincitori

Pippo Mezzapesa

Pippo Mezzapesa

SettanTA, diretto da Pippo Mezzapesa, e, relativamente all’animazione, Animo resistente, di Simone Massi, sono i film vincitori dei Corti d’Argento 2014, premiati questa mattina, martedì 11 marzo, a Roma, presso la Casa del Cinema, in base alle indicazioni fornite dai Giornalisti cinematografici aderenti al SNGCI, i quali hanno inoltre segnalato, tra tutte le opere prime realizzate nel 2013, Io non ti conosco di Stefano Accorsi come miglior esordio alla regia nel cortometraggio, cui è stato assegnato il relativo Nastro d’Argento. Il Cinemaster di Studio Universal va ad Edoardo Natoli (Secchi).

Edoardo Natoli (movieplayer)

Edoardo Natoli (movieplayer)

Il giovane regista partirà quindi per Los Angeles il prossimo autunno, destinazione Universal Studios, mentre il suo cortometraggio verrà acquistato dalla NBC Universal Global Networks Italia Srl e trasmesso in prima visione televisiva su Studio Universal nel mese di novembre, all’interno di una puntata speciale del programma A noi piace Corto.
Come scritto in un precedente articolo, Lunetta Savino e Alessandro Roja hanno conseguito il premio in qualità di Migliori Attori dell’Anno nell’ambito dei cortometraggi (La fuga, Max Croci), mentre un riconoscimento speciale è andato ad Adriano Valerio (37°4S); riguardo l’animazione il SNGCI ha segnalato Forbici (Maria Di Razza).

“Corti d’Argento” 2014, i cinque finalisti

Alessandro Grande (Calabriaonweb.it)

Alessandro Grande (Calabriaonweb.it)

Sono stati annunciati ieri, venerdì 7 marzo, a Roma, i cinque cortometraggi che concorreranno per il Nastro d’Argento 2014: Ammore (Paolo Sassanelli), Dreaming Apecar (Dario Samuele Leone), Margerita (Alessandro Grande), Recuiem (Valentina Carnelutti) e Settanta (Pippo Mezzapesa).
Il vincitore sarà proclamato e premiato martedì prossimo, 11 marzo, a Roma, alla Casa del Cinema, al termine di una mattinata dedicata ai finalisti, un incontro con gli autori coordinato, per il Direttivo Sngci, da Maurizio di Rienzo. I cinque corti di fiction e i tre di animazione (Simone Massi, Animo resistente; Edoardo Natoli, Secchi; Federico Tocchella, Isacco) arrivati in finale saranno proiettati prima della premiazione, prevista alle ore 12, insieme all’annuncio del vincitore del Cinemaster, assegnato ogni anno da Studio Universal ad un giovane autore che, su una selezione di indicazioni fornite dal Sngci, potrà così conseguire uno stage a Los Angeles per un mese.

Lunetta Savino (woolcan.net)

Lunetta Savino (woolcan.net)

Il Sngci ha deciso di attribuire un premio speciale, per il successo e la valenza internazionale del suo film, ad Adriano Valerio (37°4S), già Menzione Speciale per i cortometraggi al 66mo Festival di Cannes e recente vincitore del premio come Miglior Film alla 20ma Edizione di Visioni Italiane, kermesse cinematografica che ha avuto luogo a Bologna dal 26 febbraio al 2 marzo.
Lunetta Savino e Alessandro Roja, protagonisti de La fuga di Max Croci, hanno conseguito il Premio come protagonisti dell’anno nel cinema corto.
I giornalisti cinematografici infine hanno segnalato per l’impegno sociale e la denuncia contro la violenza sulle donne anche Forbici di Maria Di Razza (che sarà l’unico contributo di animazione nella selezione in programma oggi a Roma, sempre alla Casa del Cinema, per l’8 marzo romano delle giornaliste).