Archivi tag: Octavia Spencer

The Shape of Water- La forma dell’acqua

(BadTaste)

Baltimora, Stati Uniti d’America, 1962.
Elisa Esposito (Sally Hawkins), muta (le sono state recise le corde vocali, abbandonata, infante, sul greto di un corso d’acqua), conduce un’esistenza tranquilla e soddisfacente.
Lavora come inserviente all’interno di un laboratorio governativo, dove può contare sull’affettuosa amicizia di Zelda (Octavia Spencer), anche lei addetta alle pulizie, la quale le confida ogni particolare della vita insieme al pigro marito; abita in un appartamento sito sopra una sala cinematografica e trova nel dirimpettaio Giles (Richard Jenkins), pittore omosessuale che sbarca il lunario grazie alle illustrazioni pubblicitarie, un confidente sincero ed affettuoso. Un giorno viene introdotto in laboratorio una sorta di polmone d’acciaio, al cui interno si agita  una misteriosa creatura anfibia (Doug Jones), catturata in Amazzonia, dove pare fosse venerata come un dio dagli indigeni. Siamo in piena Guerra Fredda e il “mostro” potrebbe rivelarsi utile riguardo gli esperimenti per un lancio nello Spazio, rispondendo così colpo su colpo a quanto già messo in atto dall’Unione Sovietica; delle “pubbliche relazioni” con “l’uomo pesce” viene incaricato il colonnello Strickland (Michael Shannon), uomo violento e calcolatore, che vede nella Creatura una potenzialità da sfruttare per una ulteriore affermazione della propria carriera. Continua a leggere

“Festival Internazionale del Film di Roma”: i primi titoli in lingua inglese

untitledMarco Müller, Direttore Artistico del Festival Internazionale del Film di Roma, ha annunciato i primi cinque film di lingua inglese in programma nella nona edizione, (16 – 25 ottobre, Auditorium Parco della Musica).
La linea di programma Cinema d’Oggi ospiterà Time Out of Mind (Oren Moverman, con Richard Gere, Jena Malone – prima europea), mentre Gala accoglierà Trash (Stephen Daldry, con Rooney Mara, Martin Sheen – prima internazionale), Love, Rosie (#ScrivimiAncora, Christian Ditter, con Lily Collins, Sam Claflin – prima internazionale) e Black and White (Mike Binder, con Kevin Costner, Gillian Jacobs, Jennifer Ehle, Octavia Spencer – prima europea), presentato in collaborazione con la sezione autonoma e parallela Alice nella città.
Stonehearst Asylum (Brad Anderson, con Kate Beckinsale, Jim Sturgess, Ben Kingsley, Michael Caine, Brendan Gleeson, David Thewlis – prima europea) farà parte della selezione di Mondo Genere. Il programma della nona edizione sarà reso noto nel corso di una conferenza stampa che si terrà alla fine di settembre.

(Dal sito Storia dei Film)

Oscar 2012: trionfo annunciato per “The Artist”

Jean Dujardin e Berenice Bejo

Jean Dujardin e Berenice Bejo

Tutto secondo le previsioni riguardo l’84ma edizione degli Oscar: testa a testa tra The Artist e Hugo Cabret, cinque statuette ciascuno, ma se al primo vanno quelle per miglior film, migliore regia (Michel Azanavicius), migliore attore (Jean Dujardin), costumi e colonna sonora, il secondo finisce per prevalere relativamente all’aspetto più squisitamente tecnico, fotografia, effetti speciali, sonoro, montaggio sonoro e scenografia, quest’ultima opera di Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, unica consolazione per i nostri colori, visto che Enrico Casarosa è stato battuto da The fantastic Flying books of Mr. Morris Lessmore, William Joyce e Brandon Oldenburg, nella sezione dedicata ai cortometraggi animati, dove aveva ottenuto la nomination con La Luna.

Personalmente come miglior attore protagonista avevo volto più di un pensiero a Gary Oldman per la sua intensa interpretazione ne La talpa, film da me preso in considerazione anche per la miglior sceneggiatura non originale (Bridget o’Connor e Peter Sraughman), ma il relativo premio è andato a Paradiso Amaro di Alexander Payne, mentre per la miglior sceneggiatura originale vince Woody Allen con Midnight in Paris.

L’Oscar per la miglior attrice protagonista è andato a Meryl Streep, per la sua interpretazione di Margaret Thatcher in The Iron Lady, quello per il miglior attore non protagonista a Christopher Plummer (Beginners), mentre migliore attrice non protagonista è risultata Octavia Spencer (The Help).
Miglior film straniero, l’iraniano Una Separazione, Asghar Farhadi.

MIGLIOR FILM: The Artist; MIGLIOR REGIA:Michel Hazanavicius – The Artist; MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA:Jean Dujardin – The Artist;
MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA:Meryl Streep – The Iron Lady; MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA:Christopher Plummer – Beginners; MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA:Octavia Spencer – The Help; MIGLIOR FILM STRANIERO: Una separazione (Iran), Asghar Farhadi; MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE:Rango; MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE:Woody Allen – Midnight In Paris; SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: Alexander Payne, Nat Faxon, Jim Rash – Paradiso amaro; MIGLIOR COLONNA SONORA:Ludovic Bource – The Artist ; MIGLIOR CANZONE:Bret McKenzie (Man or Muppet) – I Muppet ; MIGLIOR FOTOGRAFIA: Robert Richardson – Hugo Cabret ; MIGLIOR MONTAGGIO: Angus Wall, Kirk Baxter – Millennium – Uomini che odiano le donne; MIGLIOR SCENOGRAFIA:Dante Ferretti, Francesca Lo Schiavo – Hugo Cabret ; MIGLIORI COSTUMI:Mark Bridges – The Artist ; MIGLIOR TRUCCO:Mark Coulier – The Iron Lady; MIGLIOR SONORO:Philip Stockton e Eugene Gearty – Hugo Cabret; MIGLIOR MISSAGGIO DEL SUONO:Tom Fleishman e John Midgley, Hugo Cabret; MIGLIORI EFFETTI SPECIALI:Rob Legato, Joss Williams, Ben Grossmann e Alex Henning – Hugo Cabret ; MIGLIOR DOCUMENTARIO:Undefeated, TJ Martin, Dan Lindsay e Richard Middlemas; MIGLIOR CORTO ANIMATO:The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore , William Joyce, Brandon Oldenburg.