Archivi tag: 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Venezia 75: Guadagnino, Martone e Minervini in Concorso

E’ stato svelato questa mattina, mercoledì 25 luglio, al Cinema Moderno di Roma, dal direttore Alberto Barbera, il cartellone della 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che, come già annunciato nei giorni scorsi, si aprirà il 29 agosto al Palazzo del Cinema, Sala Grande, Lido di Venezia, con la proiezione, in concorso, di First Man (Il primo uomo), il nuovo film di Damien Chazelle: per la seconda volta una sua opera inaugurerà la Mostra, due anni dopo La La Land. In Concorso troviamo ventuno titoli, fra i quali, a rappresentare i nostri colori, Capri – Revolution (Mario Martone), Suspiria (Luca Guadagnino) e What You Gonna Do When the World’s On Fire (Roberto Minervini).
Risaltano poi i nomi dei fratelli Joel e Ethan Coen, The Ballad of Buster Scruggs, o, “pescando” fra i titoli,  quello di Alfonso Cuaron (Roma),  Rick Alverson (The Mountain), Carlos Reygadas (Nuestro tiempo), Brady Corbet, alla sua opera seconda (Vox Lux), Julian Schnabel (At Eternity’s Gate). Continua a leggere

Venezia 75 : “Il primo uomo” di Damien Chazelle titolo d’apertura

Stando a quanto riporta Variety, in attesa quindi della comunicazione ufficiale, sarà il nuovo film di Damien Chazelle, First Man (Il primo uomo), ad aprire la 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (29 agosto-8 settembre). Proiezione, in Concorso, al Palazzo del Cinema, Sala Grande, Lido di Venezia; dopo La La Land, due anni orsono, Chazelle vedrebbe dunque per la seconda volta un suo film scelto quale titolo d’apertura della Mostra. Protagonista de Il primo uomo, adattamento ad opera di Josh Singer della biografia ufficiale First Man: The Life of Neil A. Armstrong scritta da James R. Hansen (2005), è Ryan Gosling, ad interpretare l’astronauta Neil Armstrong, la cui vita viene narrata negli anni precedenti alla famosa missione, di cui quest’anno ricorre il 49mo anniversario, che vedrà l’Apollo 11 atterrare sulla luna.

***************************************

79041_ppl

Ryan Gosling (Coming Soon)

La  notizia ha avuto conferma nel corso delle ore dalla diramazione del comunicato ufficiale, dal quale estraggo la dichiarazione del direttore della Mostra, Alberto Barbera: “È un autentico privilegio poter presentare in prima mondiale il nuovo, attesissimo film di Damien Chazelle.
Un lavoro personale, affascinante e originale, piacevolmente sorprendente al confronto con gli altri film epici del nostri tempi, a conferma del grande talento di un regista tra i più importanti del cinema americano di oggi.
Siamo grati alla Universal Pictures per aver accettato di condividere con noi l’apertura della 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica con First Man”. Il regista Chazelle, a sua volta, ha affermato: “Sono onorato dell’invito di Venezia e sono entusiasta di ritornare.  È particolarmente emozionante che questa notizia sia così vicina all’anniversario dell’atterraggio sulla luna.
Non vedo l’ora di portare il film alla Mostra”.

Lamezia Film Fest: nasce il “Premio Paolo Villaggio”

La quinta edizione del Lamezia Film Fest (Lamezia Terme, 13 –17 novembre), che rientra nel progetto Vacantiandu, finanziato dalla Regione Calabria per il triennio 2017-2019 nell’ambito degli interventi tesi a valorizzare i luoghi di interesse storico e archeologico e promosso dall’Associazione teatrale I Vacantusi, ha istituito il Premio Paolo Villaggio, ideato dal direttore artistico della kermesse, GianLorenzo Franzi, in collaborazione con la famiglia dell’attore.
Il Premio vuole essere non solo un omaggio a uno dei più grandi interpreti della storia del nostro cinema, ma anche ad uno dei generi che in Italia ha avuto maggior fortuna, la commedia appunto, riferendosi a quei titoli  che hanno saputo trarre insegnamento dalla lezione della Commedia all’italiana propriamente detta, riuscendo però ad  aggiornarsi ai nostri tempi, anche trasfigurando la realtà politico-culturale attraverso una comicità grottesca e surreale, quale quella presente in tutti i personaggi di Villaggio (il meschino ragioniere Giandomenico Fracchia, il terribile Professor Otto von Krantz), ma in particolar modo nel personaggio di Fantozzi,  vera e propria maschera, dalla forte valenza e complessità artistica  ed ormai definitiva icona impressa nell’immaginario collettivo, capace di resistere anche ad uno sfruttamento eccessivo nella reiterazione quasi parossistica di gag e situazioni comiche. A ricevere il premio, che verrà svelato nel corso della 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (29 agosto-8 settembre) saranno quindi un autore e/o attore, che meglio avrà saputo incarnare lo spirito fantozziano nella sua produzione artistica, e un film (scelto fra tre nominati) con le stesse caratteristiche.

Venezia 75: Michele Riondino cerimoniere

Michele Riondino (Wikipedia)

Sarà l’attore Michele Riondino a condurre le serate di apertura, mercoledì 29 agosto, e di chiusura, sabato 8 settembre,  della 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta; Riondino sarà nelle sale da domani, giovedì 7 giugno, data d’uscita del film Diva!, di cui è l’unico protagonista maschile, per la regia è di Francesco Patierno, ispirato alla figura della grande diva Valentina Cortese e presentato lo scorso anno  a Venezia, fuori concorso.

Venezia 75: Leone d’oro alla carriera per David Cronenberg

David Cronenberg (Wikipedia)

David Cronenberg riceverà il Leone d’oro alla carriera della 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (29 agosto – 8 settembre), in base alla decisione presa dal Cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta, su proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera, il quale ha dichiarato: “Benché in origine Cronenberg sia stato relegato nei territori marginali del genere horror, sin dai suoi primi film scandalosamente sovversivi il regista ha mostrato di voler condurre i suoi spettatori ben al di là del cinema di exploitation, costruendo film dopo film un edificio originale e personalissimo. Ruotando intorno all’inscindibile relazione di corpo, sesso e morte, il suo universo è popolato di deformità grottesche e allucinanti accoppiamenti, nel cui orrore si riflette la paura per le mutazioni indotte nei corpi dalla scienza e dalla tecnologia, la malattia e il decadimento fisico, il conflitto irrisolto fra lo spirito e la carne.
La violenza, la trasgressione sessuale, la confusione di reale e virtuale, il ruolo deformante dell’immagine nella società contemporanea, sono alcuni dei temi ricorrenti, che contribuiscono a fare di lui uno dei cineasti più audaci e stimolanti di sempre, un instancabile innovatore di forme e linguaggi”.

Venezia 75: Guillermo del Toro presidente della Giuria

Guillermo del Toro (Wikipedia)

Il regista Guillermo del Toro (La forma dell’acqua – The Shape of Water, Il labirinto del fauno, La spina del diavolo) presiederà la Giuria internazionale del Concorso della 75ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (29 agosto – 8 settembre), che assegnerà il Leone d’Oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali. La decisione è stata presa dal Cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta, che ha fatto propria la proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera. Guillermo del Toro nell’accettare la proposta ha dichiarato: “Essere presidente a Venezia è un onore immenso, e una responsabilità che accetto con rispetto e gratitudine. Venezia è una finestra sul cinema mondiale, e un’opportunità per celebrare la sua forza e rilevanza culturale”.  (Fonte: sito della Biennale di Venezia)