Archivi tag: 76ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

76ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia: Leone d’Oro alla Carriera per Julie Andrews

Julie Andrews (Wikipedia)

Sarà conferito all’attrice inglese Julie Andrews il Leone d’Oro alla carriera della 76ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (28 agosto-7 settembre), decisione presa dal Cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta, che ha fatto propria la proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera. Julie Andrews, nell’accettare la proposta, ha dichiarato: “Sono molto onorata di essere stata scelta per il Leone d’Oro alla carriera. La Mostra del Cinema di Venezia è da lungo tempo considerata uno dei più stimati festival internazionali. Ringrazio La Biennale per questo riconoscimento del mio lavoro, e sono impaziente di arrivare in quella meravigliosa città a settembre per un’occasione così speciale”.

First Man

(Movieplayer)

Titolo d’apertura, in concorso, alla 76ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, First Man, diretto da Damien Chazelle su sceneggiatura di Josh Singer (adattamento del libro First Man: The Life of Neil A. Armstrong, James R. Hansen, 2005), si rivela alla visione come un film dalla costruzione complessiva piuttosto “classica”, ma anche singolare e certo intrigante. Nel conferire ulteriore definizione a determinate tematiche piuttosto care al regista (il sentore sacrificale che aleggia intorno all’abnegazione nel perseguire il proprio obiettivo, le conseguenze che tale scelta andrà a comportare, in particolare nella sfera affettiva), nonostante questa volta lo script non sia suo, First Man traccia poi un iter narrativo che rifugge una spettacolarità conclamata e tende invece a circoscrivere precipuamente l’aspetto intimistico ed umano del protagonista, Neil Armstrong, interpretato, con sottrazione forse eccessiva, da Ryan Gosling. Viene dunque messo in scena un netto parallelismo fra le vicende nella qualità d’ingegnere e pilota collaudatore, poi astronauta, a partire dal 1961, quando lo vediamo testare una rudimentale navicella spaziale, X-15, e quelle coinvolgenti l’ambito familiare, i dolorosi affanni, insieme alla moglie Janet (Claire Foy), dovuti al tumore che ha colpito la loro secondogenita, Karen, due anni e mezzo, che la porterà via da qui a poco. Continua a leggere