Accadde una notte (It Happened One Night), 1934

accadde una notte
“Una storia semplice per gente semplice”: fu questo imperativo a guidare il regista Frank Capra e lo sceneggiatore Robert Riskin nell’adattare per il grande schermo il racconto “Night Bus” di Samuel Hopkins Adams, dando così vita, tra varie difficoltà produttive e l’ostilità dichiarata dei due protagonisti, al film “Accadde una notte”. Ellie Andrews (Claudette Colbert), giovane miliardaria, è decisa a sposare l’aviatore King Westley ( Jameson Thomas ), nonostante la disapprovazione del padre ( Walter Connoly ), che lo ritiene un vanesio arrampicatore sociale; fugge quindi di casa per poter raggiungere l’amato a New York, adattandosi a viaggiare in autobus, sul quale incontra il giornalista Peter Warne (Clark Gable ), che, riconosciutala, si offre di assisterla in cambio di uno scoop esclusivo. I due saranno costretti a condividere varie esperienze e momenti di intimità, come dormire nella stessa stanza di un motel, pur se con una coperta ( “le mura di Gerico” ) tesa tra le pareti atta a dividerli; dopo varie peripezie ed equivoci, Ellie, sostenuta dal padre, abbandonerà sull’altare King per sposare Peter; nel finale, dalla stanza di un albergo il suono di una trombetta annuncia la caduta delle “mura di Gerico”, ormai pericolanti…

Il film, anticipatore tra l’altro dei “road movie”, vide la critica americana indecisa se classificarlo come una “screw comedy” (commedia bizzarra) o una “sophisticated comedy” ma in realtà più che l’appartenenza ad un genere a risaltare è l’abilità di Capra nel confezionare una commedia deliziosamente romantica e poetica, che non deborda mai nel facile sentimentalismo, costellata di situazioni ardite (almeno per l’epoca ) e allusioni sessuali, con gag memorabili (come la scena dell’autostop, dove le belle gambe della Colbert si rivelano più efficaci del pollice di Gable); particolarmente attenta appare l’introspezione psicologica dei personaggi: per l’affascinante e viziata ereditiera si tratta di un vero e proprio viaggio di formazione, costretta com’è ad uscire dal suo agiato mondo di bambagia e a confrontarsi con la triste realtà di un America in preda alla Grande Depressione; anche il personaggio di Peter ha una sua evoluzione, pian piano da tanti particolari e da vari gesti si scoprirà che sotto la ruvida scorza di uomo burbero e rudemente gentile si cela una grande irreprensibilità morale.

Fu il primo film a vincere i cinque Oscar “fondamentali” (miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista, miglior attrice protagonista e miglior sceneggiatura non originale), ebbe un grande successo di pubblico e divenne un vero e proprio modello per molti altri film, americani e non, trionfo di un’ideologia che oggi potrà apparire ingenua, ma a suo modo ancora efficace, secondo la quale gli uomini onesti e di buona volontà, anche nei momenti più bui, possono perseguire il loro diritto alla conquista della felicità.


4 risposte a "Accadde una notte (It Happened One Night), 1934"

  1. Anch’io amo tanto i film d’epoca, faccio salti mortali per procurarmeli! Questo film è davvero semplice, forse per questo vinse molto, anche se era in lizza, quell’anno, con altri bei film, e altre belle prove di attori/attrici, per gli Oscar. L’ideologia, è quella tipica di Frank Capra, però hai detto bene che è privo di sbavature troppo buonistiche… è perfetto. Bravo!

    "Mi piace"

    1. Probabilmente è il miglior film di Frank Capra, anche se personalmente amo molto anche “Signora per un giorno” e “La vita è meravigliosa”.
      Di questi tempi un sano ottimismo e un idealismo anche ingenuo non possono certo far male, anzi…
      Pensare che vi sia un angelo, anche di seconda classe, che veglia su di noi e ci faccia capire l’importanza della vita in un momento di crisi mi sembra una bella idea da cui poter trarre ispirazione nelle nostre quotidiane vicende. Grazie del tuo commento e dei complimenti, lieto che quanto scritto ti sia piaciuto.
      Ciao!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.