Natale in Sudafrica

48255Obiettività e serenità di giudizio hanno sempre fatto sì che lo scrivente mantenesse distinti i propri gusti cinefili e l’andamento del box office, visionando ogni genere di film, provando ad analizzarne le ragioni del successo e i pro e contro dal punto di vista strettamente artistico; questa, necessaria, premessa per dire sin da subito che la visione di Natale in Sudafrica mi ha provocato un certo fastidio e non per spocchia intellettuale: siamo di fronte ad un vestito vecchio continuamente rattoppato, una “coazione a ripetere”, tra gag volgarotte dal sottofondo sessuale- escrementizio, sfruttando la location esotica del momento, evitando così il contatto con la nostra realtà, dando l’illusione di una ricchezza facile e alla portata di tutti o almeno di quanti sappiano “adattarsi alle circostanze”.

Il solito manipolo di sceneggiatori (lo stesso regista Neri Parenti, A. Bencivenni, D.Saverni, P.Logli, A. Pondi) delinea una trama che si snoda in più episodi paralleli: Carlo (Christian De Sica), in vacanza in Sudafrica con la seconda moglie Susanna (Barbara Tabita) incontra casualmente il fratello Giorgio (Max Tortora), ex socio in affari che anni fa l’ha truffato, portandosi via anche la consorte Marta (Serena Autieri); il chirurgo Massimo Rischio (M. Ghini) e il macellaio Ligabue, detto Bue (Giorgio Panariello), amici appassionati di caccia grossa, organizzano un safari, imbattendosi nella bella entomologa Angela Ladesse (Belén Rodriguez), alla ricerca di una rara farfalla; infine la figlia di Rischio, Laura (L. Esquivel), cercherà di barcamenarsi tra il fidanzato Vitellozzo (Alessandro Cacelli), figlio di Bue, e lo spasimante Mauro (Brenno Placido).

In un’ Africa vista nei suoi aspetti più smaccatamente turistici, tra alberghi lussuosi, bestiario in esposizione stile zoo, savana sconfinata e contorno di indigeni “bunga bunga” cui manca solo la sveglia al collo, la farsa si trascina stancamente tra battute stantie, situazioni pilotate, rutti (Panariello omaggia Villaggio come può), un assolo di peti affidato ad un ippopotamo, concretizzandosi in un esaltazione del “lato b” o, meglio, della sua estrema funzione, che non è quella che permette al corpo di stare seduto.

Riguardo gli attori, De Sica, forse perché ormai, finalmente, conscio di ben altre potenzialità, dimostrate in altre occasioni, non appare più a suo agio e a nulla è valso cambiargli ruolo, affidando la parte del maneggione truffaldino a Tortora; Ghini e Panariello risultano discretamente funzionali, Belén dà il suo meglio, cioè sculetta e fa sfoggio delle sue grazie, mentre le bellezze nostrane, Tabita e Autieri, sono belle statuine che nelle intenzioni degli autori dovrebbero far ridere parlando nei loro rispettivi dialetti, siculo e partenopeo, dando prova che “fuga dei cervelli” è un’espressione dai tanti significati. “Ma dai, è un film per famiglie e rappresenta la confusione in cui vive il nostro paese…”. A parte il fatto che il pubblico ha dimostrato di gradire un intrattenimento leggero ma non propriamente disimpegnato (il successo di Benvenuti al Sud), si vorrebbe quindi evidenziare che gran parte degli italiani sarebbero ignoranti arricchiti e arrapati, sulla scia di recenti e alti esempi? Se ciò fosse vero, buonanotte popolo.


5 risposte a "Natale in Sudafrica"

  1. cos’abbiamo fatto di male noi italiani per avere come unica scelta al cinem questo tipo di film? non sono contro i cinepanettoni in sè, è solo che non c’è alternativa, non c’è una minima scelta. dove è la cultura del cinema come intrattenimento intelligente? vabbeh…buona visione x chi ci andrà 😉 un salutone!!

    Mi piace

    1. Qualcosa di buono nelle uscite natalizie c’è, anche se, almeno qui in provincia di Reggio Calabria, si sono concentrati su “Natale in Sudafrica” e “A natale mi sposo”, sperando in afflussi maggiori, che non ci sono stati. Comunque, almeno sulla carta, sembrano buone realizzazioni “La bellezza del somaro” di Castellitto e “La banda dei Babbi Natale” di Aldo, Giovanni e Giacomo, restando sul “made in Italy”. Vedremo, continuiamo a sperare… Saluti.

      Mi piace

    1. Il Golden dovrebbe portare da domani “La banda dei Babbi Natale” di Aldo, Giovanni e Giacomo, che potrebbe essere carino, mentre dopo le feste “La bellezza del somaro” di Castellitto, anche questo si preannuncia interessante. Per Woody chissà, forse il Nuovo,o il Vittoria, anche se quest’ultimo mi sembra concentrato ad ammortizzare “l’investimento 3D”, altrimenti attendere il dvd per il noleggio… Siam messi bene, non c’è che dire…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.