Bergamo: inaugurazione della mostra “Il giardino di mia madre e altri luoghi”di Claudio Sottocornola

Claudio Sottocornola

Claudio Sottocornola

Sabato 15 febbraio, alle ore 18.00, a Bergamo, presso la Sala Lettura della Biblioteca Caversazzi (via T.Tasso 4), sarà inaugurata la mostra fotografica Il giardino di mia madre e altri luoghi di Claudio Sottocornola, nel corso della quale il filosofo e docente bergamasco presenterà anche il suo nuovo libro Stella Polare, recentemente pubblicato da Marna, confermando l’accostamento tra immagini e saggistica tipico della sua attività. Sottocornola, soprannominato dalla stampa il filosofo del pop per l’eclettismo e la poliedricità, è infatti da sempre attento all’interdisciplinarietà, suo principale veicolo espressivo, in nome di un’unione forte e originale tra filosofia, musica, letteratura e arti visive.

2943Il giardino di mia madre e altri luoghi rappresenta una delle più interessanti opere del professore: una mostra, allestita per la prima volta nel 2010, dedicata alla mamma Angela Belloni Sottocornola (scomparsa nel 2003) e più in generale al giardino come metafora della cura e spunto di riflessione sulla vita, la morte, la memoria, la solidarietà e il futuro. Alla Biblioteca Caversazzi sarà possibile vedere una selezione dei 250 pannelli fotografici che compongono la mostra, dalla quale emerge la figura di una madre, presenza forte e amorevole, tenera e discreta, che inonda di consolazione il paesaggio del giardino prima e lo scenario del mondo poi. Dalla mostra è stato tratto un Dvd multimediale che ne ripropone il percorso, insieme a testi critici e immagini supplementari.

COPERTINA STELLA POLARE JPEGL’inaugurazione, come su scritto, coincide con la presentazione del libro Stella Polare, una raccolta di saggi sullo status quaestionis dell’attuale crisi di civiltà, una sequenza di interventi che passano in rassegna i temi più cari al filosofo orobico, dal declino del sacro alla cultura pop, dal problema educativo al pensiero debole, dalla ridefinizione dei ruoli alla questione gay, dalla recessione economica al mutamento dei paradigmi culturali in atto, nella ricerca di verità esistenziali e non ideologiche. Sottocornola torna sulla pista autobiografica sia nel saggio mémoire che nella poesia, soffermandosi sulla crisi del sacro e della spiritualità occidentale, cui si accosta come ambito di una più autentica fenomenologia della vita nella sua concretezza e quotidianità.

La mostra si concluderà venerdì 28 febbraio e seguirà i seguenti orari di apertura:
Lunedì, martedì, giovedì, venerdì 14.30 – 18.30
Martedì e mercoledì 8.30 – 12.30
Da lunedì a venerdì 20.30 – 23.30
Domenica 8.30 – 12.30

Claudio Sottocornola:
http://www.cld-claudeproductions.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.