Nastri d’ Argento 2017: triello fra Amelio, Castellitto e De Angelis

Sono state annunciate oggi, martedì 6 giugno, a Roma, le candidature relative alla 71ma edizione dei Nastri d’Argento, la cui cerimonia di premiazione si svolgerà il prossimo 1° luglio al Teatro Antico di Taormina.
In base alla selezione messa in atto dai giornalisti cinematografici fra i 120 titoli usciti tra il 1° Giugno 2016 e il 31 Maggio 2017, subito dopo il Festival di Cannes, si palesa un triello tra La tenerezza di Gianni Amelio, Fortunata di Sergio Castellitto e Indivisibili di Edoardo De Angelis, che ottengono sette nomination.
A seguire Fai bei sogni di Marco Bellocchio, Fiore di Claudio Giovannesi con sei candidature e Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni  con cinque.
Da segnalare poi Il padre d’Italia di Fabio Mollo, Il permesso. 48 ore fuori di Claudio Amendola, e Sicilian Ghost Story di Antonio Piazza e Fabio Grassadonia, tutti e tre con 4 candidature. Di seguito, l’elenco delle nomination.

Miglior Film: La tenerezza (Gianni Amelio). Tutto quello che vuoi (Francesco Bruni). Fortunata (Sergio Castellitto). Indivisibili (Edoardo De Angelis). Fiore (Claudio Giovannesi). Migliore regia: Gianni Amelio (La tenerezza). Marco Bellocchio (Fai bei sogni). Edoardo De Angelis (Indivisibili). Ferzan Ozpetek (Rosso Istanbul). Antonio Piazza e Fabio Grassadonia (Sicilian Ghost Story). Miglior regista esordiente: Vincenzo Alfieri (I peggiori). Marco Danieli (La ragazza del mondo). Roberto De Paolis (Cuori puri). Andrea De Sica (I figli della notte). Fabio Guaglione e Fabio Resinaro (Mine). Migliore commedia:L’ora legale (Salvo Ficarra e Valentino Picone). Lasciati andare (Francesco Amato). Moglie e marito (Simone Godano). Omicidio all’italiana (Maccio Capatonda). Orecchie (Alessandro Aronadio). Migliore soggetto: Michele Astori, Pierfrancesco Diliberto (PIF) (In guerra per amore). Massimiliano Bruno, Herbert Simone Paragnani, Gianni Corsi (Beata ignoranza). Nicola Guaglianone (Indivisibili). Edoardo Leo (Che vuoi che sia). Fabio Mollo, Josella Porto ( Il padre d’Italia).

Migliore sceneggiatura:  Francesco Bruni (Tutto quello che vuoi).Ugo Chiti, Gianfranco Cabiddu, Salvatore De Mola con Francesco Marino (La stoffa dei sogni). Claudio Giovannesi, Filippo Gravino, Antonella Lattanzi (Fiore). Alex Infascelli, Francesca Manieri (Piccoli  crimini coniugali). Margaret Mazzantini (Fortunata). Miglior produttore:Claudio Bonivento (Il permesso – 48 ore fuori). Beppe Caschetto (Fai bei sogniTutto quello che vuoi). Beppe Caschetto, Rita Rognoni (Fiore). Attilio De Razza (L’ora legale). Attilio De Razza, Pier Paolo Verga (Indivisibili). Gaetano Di Vaio, Gianluca Curti (Falchi). Nicola Giuliano, Francesca Cima, Carlotta Calori, Viola Prestieri (Fortunata). Nicola Giuliano, Francesca Cima, Carlotta Calori, Massimo Cristaldi (Sicilian Ghost Story). Migliore attore protagonista:  Renato Carpentieri (La tenerezza). Alessandro Gassmann, Marco Giallini (Beata ignoranza). Luca Marinelli (Il padre d’Italia). Michele Riondino (La ragazza del mondo). Toni Servillo (Lasciati andare). Migliore attrice protagonista: Giovanna Mezzogiorno, Micaela Ramazzotti (La tenerezza). Isabella Ragonese (Sole cuore amore –  Il padre d’Italia). Greta Scarano (La verità sta in cielo- Smetto quando voglio masterclass). Sara Serraiocco (La ragazza del mondo – Non e’un paese per giovani). Jasmine Trinca (Fortunata)

 Migliore attore non protagonista: Claudio Amendola, Luca Argentero (Il permesso. 48 ore fuori). Alessandro Borghi: (Fortunata  – Il più grande sogno). Ennio Cantastichini: Caffè – La stoffa dei sogni). Valerio Mastandrea (Fiore). Edoardo Pesce (Cuori puri – Fortunata). Migliore attrice non protagonista: Barbora Bobulova (Cuori puri – Lasciami per sempre). Margherita Buy (Come diventare grandi nonostante i genitori – Questi giorni). Sabrina Ferilli (Omicidio all’italiana). Anna Ferruzzo (Il padre d’Italia). Carla Signoris (Lasciati andare). Migliore fotografia: Luca Bigazzi (La tenerezza – Sicilian Ghost Story). Arnaldo  Catinari (Piccoli crimini coniugali –  Tutto quello che vuoi). Duccio Cimatti (La guerra dei cafoni). Daniele Ciprì (Fai bei sogni – Fiore). Gian Filippo Corticelli (Rosso Istanbul). Migliore scenografia:Giancarlo Basili (La tenerezza). Dimitri Capuani (I figli della notte). Marco Dentici (Fai bei sogni  – Sicilian Ghost Story). Marina Pinzuti Ansolini (Piccoli crimini coniugali). Alessandro Vannucci (Smetto quando voglio masterclass).

Migliori costumi: Daria Calvelli (Fai bei sogni). Massimo Cantini Parrini (Indivisibili). Beatrice Giannini, Elisabetta Antico (La stoffa dei sogni). Patrizia Mazzon (Smetto quando voglio masterclass). Cristiana Ricceri (In guerra per amore). Migliore montaggio: Francesca Calvelli (Fai bei sogni). Jacopo Quadri (La guerra dei cafoni). Matteo Santi, Fabio Guaglione, Filippo Mauro Boni (Mine). Roberto Siciliano: (Il permesso.48 ore fuori). Giuseppe Trepiccione (Fiore). Migliore Sonoro in presa diretta. Stefano Campus (Il permesso.48 ore fuori). Gianluca Costamagna (Tutto quello che vuoi). Alessandro Rolla (Fortunata). Remo Ugolinelli, Alessandro Palmerini (Sole cuore amore). Alessandro Zanon (La tenerezza). Migliore Colonna sonora: Enzo Avitabile (Indivisibili). Nino d’Angelo (Falchi). Stefano Dibattista (Sole cuore amore). Giuliano Sangiorgi (Non e’ un paese per giovani). Giuliano Taviani, Carmelo Travia (Rosso Istanbul).                                                        

Migliore Canzone originale:Abbi pietà di noi (musica e testi di Enzo Avitabile, interpretata da Enzo Avitabile, Angela e Marianna Fontana per Indivisibili). Donkey flyin’ in the sky (musica e testi di Santi Pulvirenti – interpretata da Thony per In guerra per amore). Ho perso il mio amore composta da Cheope, Federica Abbate e Giuseppe Anastasi – interpretata da Arisa per La verità  vi spiego sull’amore). L’estate addosso musica di Lorenzo Cherubini – Jovanotti, Christian Rigano e Riccardo Onori  testi di L. Cherubini,  Vasco Brondi  – interpretata da Lorenzo Jovanotti per L’estate addosso). Quando le canzoni finiranno (musica e testi di Diego Mancino, Dario Faini – interpretata da Emma per La cena di Natale). Cinquina speciale 2017 per un nastro dedicato al cinema sui giovani:L’estate addosso  (Gabriele Muccino). Non è un paese per giovani (Giovanni Veronesi). Piuma  (Roan Johnson). Slam – tutto per una ragazza (Andrea Molaioli). The start up-accendi il tuo futuro (Alessandro D’Alatri).

 

 

 

Una risposta a “Nastri d’ Argento 2017: triello fra Amelio, Castellitto e De Angelis

  1. Pingback: Nastri d’Argento 2017: “La tenerezza” miglior film | Sunset Boulevard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.