Venezia 76, il cartellone delle “Giornate degli Autori” (16ma edizione)

Come accade dal 2004, nell’ambito della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia si svolgeranno le Giornate degli Autori (28 agosto – 7 settembre), dirette da Giorgio Gosetti e quest’anno per la prima volta presiedute da Andrea Purgatori: 11 i film in concorso, 8 gli eventi speciali compresi i Miu Miu Women’s Tales e il film di chiusura Les chevaux voyageurs dedicato al Re dei cavalli, il poliedrico e carismatico Bartabas, 7 le Notti Veneziane alla Villa degli Autori, cui si aggiungono gli incontri, gli omaggi, i progetti speciali promossi dalle due associazioni ANAC e 100autori. 18 le nazionalità rappresentate, dall’Asia agli Stati Uniti, dall’Africa al Sud America fino all’Europa e all’Italia; 4 le opere prime in concorso, 6 le donne dietro alla macchina da presa, per una selezione che conferma una voluta sobrietà di titoli, così da porre in risalto una speciale promozione della creatività più libera e indipendente da tutto il mondo. Volendo, sulla base del programma, individuare il classico fil rouge volto a collegare la maggior parte delle scelte, lo si potrebbe riscontrare in uno scontro di culture che mette a nudo le fragilità del mondo contemporaneo, conteso tra una tendenza all’omologazione e la vitalità di radici ancestrali che non si piegano alla massificazione, mentre sicuro elemento distintivo è la conclamata vocazione alla ricerca di linguaggi pop, intesi a stimolare la curiosità di pubblici diversi, in nome di un cinema capace di parlare, con la forza dell’oggi, a comunità distinte di spettatori, ma sempre avendo come stella polare la volontà di farsi capire, di suscitare emozioni e passioni, di ristabilire un dialogo diretto tra l’artista e lo spettatore, a prescindere dai modi del consumo.

Only the Animals, per la regia di Dominik Moll, sarà il titolo d’apertura, anche se le Giornate cominceranno prima della Mostra con la quinta edizione di Laguna Sud: un omaggio al cinema italiano scelto o amato dalle Giornate, un laboratorio di corti aperto alla cittadinanza e il nuovo concorso internazionale Lagune,il cui vincitore verrà premiato alla Villa degli Autori; si concluderanno invece dopo la Mostra, con la ripresa della selezione a Milano e Roma e infine a Palermo in collaborazione con la Sede siciliana del CSC e la Sicilia Film Commission. Alla Villa degli Autori sono previsti molti eventi da segnalare, cominciando dall’ormai tradizionale collaborazione con Bookciak Azione! che aprirà la Villa già martedì 27 agosto o quella inedita con Isola Edipo, associazione che con la sua sensibilità per grandi temi civili ma anche di socialità e aggregazione, ha costituito un’alternativa giovane e vitale sulla scena del Lido. Tra gli altri incontri in cartellone: le giornate del programma del Parlamento europeo 28 Times Cinema  e del Lux Film Prize alla presenza dei registi finalisti e dei parlamentari europei o la presentazione dei corsi della New York Film Academy con la masterclass del mago degli effetti speciali Craig Caton, direttore del dipartimento di 3D Animation, Special Effects e VR. Come da tradizione, i film della selezione ufficiale concorrono al Label di Europa Cinemas, al Premio del pubblico BNL – Gruppo BNP Paribas, al GdA Director’s Award assegnato dalla giuria delle Giornate,  oltre ai premi collaterali della Mostra e, per gli esordienti, al Leone del Futuro.

“Fin dall’immagine dell’anno, realizzata grazie all’amichevole disponibilità di due registi legati alle Giornate come Alice Rohrwacher (per la cortesia di Fabio Lovino) ed Edoardo De Angelis, appare chiara la vocazione autoriale e sbarazzina insieme della nostra proposta”, ha affermato Giorgio Gosetti. “Abbiamo il desiderio di condividere lo spettacolo dell’intelligenza e la vivacità creativa che oggi attraversa il mondo del cinema, con un soffio giovane e irriverente che cerchiamo di riprodurre nel programma, nell’incrocio delle offerte e degli appuntamenti. Ciò che abbiamo disegnato con i film, i protagonisti, le iniziative di quest’anno  è un mosaico di tessere strettamente intrecciate: uno sguardo sul mondo che se da un lato restituisce speranza per la forza – che è propria del miglior cinema – di interpretare la realtà, dall’altro dipinge una  terra assediata da crudeli memorie, fantasmi inquietanti, deserti fisici e ideali. Questo mare in tempesta abbiamo voluto attraversare come moderni corsari alla ricerca del tesoro. E pensiamo di averlo trovato nel coraggio, nel sorriso, nella forza delle straordinarie donne che incontrerete alle Giornate”.

Sono ormai passati 10 anni da quando le Giornate degli Autori, il Lux Film Prize del Parlamento europeo ed Europa Cinemas si sono riuniti per la prima volta con lo scopo di creare a Venezia uno spazio dedicato all’Europa, ai giovani e alla più genuina passione cinematografica: da quell’incontro di intenti è nato il progetto 28 Times Cinema che, anche grazie alla collaborazione di Cineuropa, festeggia quest’anno il suo decimo anniversario portando alla Mostra di Venezia un gruppo di cinefili, in età compresa tra i 18 e i 25 anni, provenienti da tutti i paesi dell’Unione europea; nonostante l’incertezza politica legata alla Brexit, nel segno della speranza si è deciso di continuare ad includere il Regno Unito, che sarà rappresentato da Yvonne Shelling, DJ, fotografo, attore e aspirante regista,  per cui i paesi membri e i partecipanti al progetto saranno ancora una volta 28.

(Twitter)

I partecipanti (14 ragazze e 14 ragazzi) formeranno infatti anche la giuria del GdA Director’s Award, giunto quest’anno alla sua VI edizione ( €20.000 da ripartire tra il/la regista e il distributore internazionale del film vincitore). Le discussioni della giuria saranno moderate da Karel Och, direttore artistico del Festival di Karlovy Vary che collabora con le Giornate come Tutor speciale fin dalla prima edizione del Premio nel 2014. A Venezia i ragazzi incontreranno anche i registi dei film finalisti del Lux Film Prize e saranno per tutto l’autunno ambasciatori dei tre film nei propri paesi, promuovendo la comunicazione degli eventi legati al Lux Film Prize sui social e nei cinema del circuito Europa Cinemas. Per il pubblico e per la stampa che volessero vedere con i propri occhi i partecipanti di 28 Times Cinema all’opera come giurati, le Giornate apriranno le porte della Villa degli Autori dove l’ultima riunione di giuria sarà aperta pubblico e trasmessa in live streaming.

**********************************

(Fumettologica)

Concorso: Seules les betes (Only the Animals, Dominik Moll – Film d’apertura, Francia/Germania, 2019, prima mondiale). You Will Die at 20 (Amjad Abu Alala – opera prima, Sudan/Francia/Egitto/Germania/Norvegia, 2019, prima mondiale).  Un monde plus grand (A Bigger Wolrd, Fabienne Berthaud, Francia/Belgio, 2019,  prima mondiale). La llorona (The Weeping Woman,  Jayro Bustamante, Guatemala/Francia, 2019, prima mondiale). Bor mi vanh chark (The Long Walk, Mattie Do, Laos/Spagna/Singapore, 2019,  prima mondiale). Barn (Beware Of Children, Dag Johan Haugerud, Norvegia/Svezia, 2019, prima mondiale).  (Igort – opera prima, Italia/Belgio/Francia, 2019, prima mondiale). Boże ciało (Corpus Christi, Jan Komasa, Polonia/Francia, 2019, prima mondiale). Un divan a tunis (Arab Blues, Manele Labidi – opera prima, Tunisia/Francia, 2019, prima mondiale). Aru sendo no hanashi (They Say Nothing Stays The Same, Jō Odagiri – opera prima, Giappone, 2019,  prima mondiale). Lingua franca (Isabel Sandoval, Stati Uniti/Filippine, 2019, prima mondiale).

(Phillip Youmans)

Fuori Concorso: Les chevaux voyageurs (Time Of The Untamed, Bartabas – Film di chiusura, Francia, 2019, prima mondiale Con: Bartabas e il teatro equestre).  Miu Miu Women’s Tales: #17 Shako Mako (Hailey Gates Italia, USA, 2019, prima italiana).  #18 Brigitte (Lynne Ramsay, Italia, UK, prima mondiale). Eventi Speciali: Mio fratello rincorre i dinosauri (My Brother Chases Dinosaurs, Stefano Cipani, Italia/Spagna, 2019, prima mondiale). House Of Cardin (P. David Ebersole, Todd Hughes, Stati Uniti, 2019,  prima mondiale). Il prigioniero (Federico Olivetti, Italia, 2019, prima mondiale). Scherza con i fanti (Gianfranco Pannone, Italia, 2019, prima mondiale).  Mondo Sexy (Mario Sesti, Italia, 2019, prima mondiale). Burning Cane (Phillip Youmans – In collaborazione con il Tribeca Film Festival, Stati Uniti, 2019, prima internazionale).

Notti Veneziane alla Villa degli Autori: La legge degli spazi bianchi (Mauro Caputo, Italia, 2019, prima mondiale). Emilio Vedova. Dalla parte del naufragio (Tomaso Pessina, Italia, 2019, prima mondiale) . The Great Green Wall (Jared P. Scott, Gran Bretagna, 2019, prima mondiale). Cercando Valentina (Giancarlo Soldi, Italia, 2019, prima mondiale). Sufficiente (Maddalena Stornaiuolo, Antonio Ruocco, Italia, 2019, prima mondiale). Scuole, tendenze, riscoperte (Italia – Stati Uniti).   (Fonte: cartella stampa)


Una risposta a "Venezia 76, il cartellone delle “Giornate degli Autori” (16ma edizione)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.