Venezia 76: i vincitori del “Premio Kinéo – Diamanti al cinema” 17ma edizione

La diciassettesima edizione del Premio Kinéo – Diamanti al cinema, evento collaterale della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, ha avuto come tema portante  uno dei temi sociali più importanti e dibattuti del momento, la salvaguardia del nostro Pianeta: infatti il progetto Kinéo Green & Blue in collaborazione con ONU e UNESCO, è dedicato al mare e proprio da Venezia, con la sua unicità di città galleggiante, si rende possibile lanciare un segnale forte al mondo, considerando poi che in anteprima si è parlato di Ocean Literacy for All, il manuale per affrontare il tema nelle scuole di ogni ordine e grado, tradotto anche in italiano. Grazie alla sensibilità e all’impegno concreto di tanti artisti di fama internazionale anche il mondo del cinema è sceso in campo per sostenere questa causa: ecco Leonardo Di Caprio, che ha addirittura affermato “prima l’ambiente poi il cinema” o Darren Aronofsky con la sua ultima fatica Madre (2017), Cameron Diaz, il compianto Ermanno Olmi, Robert Redford, Woody Harrelson. L’impegno del Kinéo è quello di coinvolgere attivamente  il cinema italiano, considerando come il premio, giunto alla sua 17ma edizione, sia un riconoscimento alla nostra cinematografia votato dal pubblico, prevalentemente delle sale cinematografiche ANEC (sul sito www.kineo.info), e da una giuria internazionale di personalità eccellenti del mondo del cinema.

Venezia, Hotel Excelsior (IlSole24Ore)

Progettato nel 2001 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, contestualmente alle numerose attività per rilanciare il cinema nazionale, il progetto Kinéo debutta a Venezia nel 2002: grazie a una stretta collaborazione con ANEC (Associazione Nazionale Esercenti Cinema), si è riusciti a coinvolgere e a dar voce a decine di migliaia di appassionati, rendendoli partecipi e valorizzando le loro scelte all’interno dei listini delle case cinematografiche; al momento il Premio continua ad essere promosso dall’Associazione Culturale Kinéo presieduta da Rosetta Sannelli, che lo ha ideato, mentre tra le istituzioni che hanno rinnovato il loro sostegno troviamo ANEC, il Centro Sperimentale di Cinematografia, il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani, la Biennale Cinema, la Direzione Generale Cinema del MIBAC, la Regione Veneto.
Oggi, domenica 01 settembre alle ore 19:30 allo Spazio Regione Veneto dell’Hotel Excelsior di Venezia avrà luogo la cerimonia di premiazione, mentre a Cà Sagredo si svolgerà la cena ufficiale, esclusivamente per gli artisti. Di seguito, i nominativi dei premiati.

Sienna Miller (Zerkalo Spettacolo)

Miglior Film drammatico: Il traditore (Marco Bellocchio). Miglior Film commediaTroppa grazia (Gianni Zanasi). Miglior Film opera prima/seconda: Ricordi? (Valerio Mieli). Miglior regia: Marco Bellocchio (Il traditore). Miglior montaggio: Maria Francesca Calvelli (Il traditore).Miglior attore protagonista: Pierfrancesco Favino (Il traditore). Miglior attrice protagonista: Maria Fernanda Cândido (Il traditore). Kinéo SNCCI – Premio Pubblico&Critica: Marco Bellocchio (Il traditore). Miglior attrice protagonista in una commedia: – Alba Rohrwacher (Troppa grazia). Kinéo International Award: – Sienna Miller (America Woman). Miglior attore non protagonista: Luigi Lo Cascio (Il traditore). Miglior attrice non protagonista: ex aequo Premio Umberto Cesari Anna Ferzetti (Domani è un altro giorno), Elena Cucci (Se son rose).

Lina Wertmüller (Aforismi)

Premio Kinéo SNCCI Pubblico & Critica:Il traditore (Marco Bellocchio). Kinéo – Miglor Società di Vendite estere: True Colours. Kinéo – Miglior Società di Distribuzione / Film dell’anno: 20th Century Fox Italia per Bohemian Rapsody. Premio Kinéo Green&Blue Project: – Veronica Berti Bocelli (ABF Foundation). Kinéo CSC – Premio Giovani Rivelazioni: Giampiero De Concilio. Kinéo CSC – Premio Giovani Rivelazioni: Nicoletta Dibisceglie. Kinéo Guest Star: Miriam Galanti (Centro Sperimentale Cinematografia). Kinéo Guest Star: Sveva Alviti (madrina). Kinéo Guest Star: Martina Arduino (prima ballerina del Teatro alla Scala). Omaggio a Lina Wertmüller, per il Premio Oscar alla carriera.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.