Lezione di romanticismo

Margherita Buy e Carlo Verdone
Margherita Buy e Carlo Verdone
“(…) Ma, secondo te, qual è l’aspetto più importante per una donna, da un punto di vista sessuale?
La potenza, la durata, la perversione … Qual è? No, te lo chiedo perché io … Cioè …
Io penso che nel perverso sono sempre stato un po’ scarso, hai capito? Non ho mai avuto grande inventiva.
No, dove invece sono un grande, secondo me, è nella durata, là veramente non mi si può dire niente.
Mi ricordo una volta, no, ad Acilia, in campagna, dai miei genitori, stavo con una certa Ines … Lo sai quante volte in quattro ore?
Prova a dire … Roba da Guinnes dei primati … Prova a dire…

“Non lo so io …”
Cinque! Tremendo, guarda! Sai come è andata a finire?
Con lei che gridava basta, basta, basta … Anzi abbasta, abbasta… Che era un po’ bora, hai capito?

hqdefault“Quanti anni hai Bernardo?”
Io? E che ho, quasi 40 anni, perché?
“Beh, ci sarà un motivo perché preferisco gli uomini sopra i 50, no?”
In che senso?
“Nel senso che gli uomini come te, che poi sono il 99,9 per cento …”
Beh?
“Pensano soltanto alle misure … Insomma ce l’ho corto, ce l’ho lungo, duro tanto, duro poco … eh, eh … Il vostro, scusami, eh, è il sesso visto dai geometri.
I baci Bernardo! Bisogna saper BA-CIA-RE!”
Ma io so baciare …
“Sì?”
Guarda che gliela ammollo!
maledetto44“Beh, meglio così. No, perché parte tutto da lì, è importantissimo!
Se mai, mi dirai che è un problema di stile …
Non so, labbro a ventosa?”
Conosco …
“Hmmm … Labbro leggero?”
Eeeeh!
“Lingua a serpente?”
Idem!
“Lingua a pennello?”
Come è stà lingua a pennello?
“Non so … E’ un movimento ondulatorio, a largo raggio, morbido, delicato …”
Na passata de palato con la lingua, quello è … Cioè, scavi con la lingua dentro … Dai …
“Mamma mia quanto sei poco poetico!”
Sì, va beh, ma il senso è quello … (…)”

00618103Estratto da un dialogo tra Bernardo (Carlo Verdone) e Camilla (Margherita Buy), in una scena del film Maledetto il giorno che t’ho incontrato, ’92, regia di Verdone e sceneggiatura scritta insieme a Francesca Marciano.
Una commedia, forse la migliore tra quelle realizzate dall’attore/regista, che riesce a mediare con una certa efficacia fra ironia, sentimentalismo e toni malinconici.
Frizzanti i dialoghi fra i due protagonisti, accomunati dalle reciproche nevrosi, come quello riportato, un confronto fra il romanticismo permeato di dolcezza e sensibilità espresso da Camilla e quello più “portato al pratico” delineato da Bernardo, improntato verso un’unica direzione, senza mediazione alcuna, se non quella manifestata dalla sicumera delle proprie (presunte) superlative prestazioni.


3 risposte a "Lezione di romanticismo"

    1. In particolare confrontata all’aspetto tronfio mentre elencava tutte le vanterie poco prima, per non parlare dell’espressione nel commentare la tecnica della “lingua a pennello”, da uomo di mondo… Uno dei più felici risultati del Verdone attore, ancor prima che regista.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.