“Giffoni Experience 2014”: i vincitori

be_different-manifesto-giffoniEcco l’elenco dei vincitori della 44ma edizione di Giffoni Experience, conclusasi ieri, domenica 27 luglio, con la cerimonia di premiazione che si è svolta presso la Sala Truffaut, alla Cittadella del Cinema di Giffoni Valle Piana, ospiti speciali Ornella Muti e Paolo Conticini.

Miglior Film / Grifone Award: Elements +6, Zip & Zap And The Marble Gang (Oska Santos, Spagna). 2° Classificato, Pudsey The Dog: The Movie (Nick Moore, UK). Elements +10, Finn (Frans Weisz, The Netherlands). 2° Classificato, The Legend Of Longwood (Lisa Mulcahy, Germany).Generator +13, Behavior (Ernesto Daranas Serrano, Cuba). 2° Classificato, Boys (Mischa Kamp, The Netherlands). Generator +16, Exit Marrakech (Caroline Link, Germany). 2° Classificato, Han Gong-Ju (Sujin Lee, South Korea). Generator +18, Hope ( Joon-ik Lee, Corea del Sud). 2° Classificato, Four Corners (Ian Gabriel, Sud Africa).

zipi_y_zape_y_el_club_de_la_canica_ver5Gex Doc: #Chicagogirl-The Social Network Takes on a Dictator (Joe Piscatella, USA/Syria). 2° Classificato, The Brain That Sings (Amal Al-Agroobi, United Arab Emirates). Miglior Cortometraggio / Grifone Award: Elements +3, Wombo (Daniel Acht, Germany). Elements +6, Sissy (Siri Rutlin Harildstad, Norway). Elements +10, Ropes (Pedro Solís, Spain). Generator +18 (animation), Supervenus (Frederic Doazan, France). Generator +18 (fiction), The Nostalgist (Giacomo Cimini, Italy/UK). Masterclass, Faded Finery (Sonia Gerbeaud, France).

exit-marrakechPremi Speciali: Giotto Super Be’-Be’ Award– Elements + 3, Amazing Laundrette (Martina Carossa, Ilaria Giacometti, Eura Pancaldi, Mathieu Narduzzi, Italy). Motivazione: per l’originale trattamento narrativo e grafico che guida lo spettatore alla (ri)scoperta della fantasia creativa dell’infanzia elemento distintivo di ciascuno di noi, da alimentare nel corso di tutta la vita. Per aver saputo interpretare ed esprimere con passione ed originalità i valori condivisi da FILA e dal Giffoni Film Festival. Amnesty International Award– Masterclass, Feathers (Adriano Giotti, Italy). Motivazione: per la capacità di descrivere con poesia le forme inaspettate con cui il coraggio dei buoni può emergere anche nelle condizioni di vita più frustranti. Per il lieto fine realistico, che ci ricorda che l’umanità degli ultimi è più forte degli schemi sociali su cui affonda le proprie radici il razzismo.

Premio CGS (Cinecircoli Giovanili Socioculturali) –Percorsi Creativi 2013Generator +13, The Excursionist (Audrius Juzenas, Lithuania). Motivazione: perché il film, raccontando la storia del secondo dopoguerra da un punto di vista non abituale per i giovani del nostro paese, mostra come il regime totalitario sovietico abbia fatto perdere all’uomo ogni valore ma non sia riuscito ad affievolire l’anelito di libertà e di speranza, rafforzato dalla fede cattolica, che vive nella protagonista, simbolo dell’intero popolo lituano. La regia sa miscelare l’uso di simboli con scene di dolente realismo e, attraverso l’uso sapiente di fotografia, musica e grazie all’intensa interpretazione della giovane protagonista, accompagna lo spettatore verso un finale aperto, quasi a lanciare un monito: nessun diritto, in particolare la libertà, va mai dato per scontato.

jujjGrifone di alluminio- Premio CIAL (Consorzio Imballaggio Alluminio) per l’ambienteGenerator + 16, Broken Hill Blues (Sofia Norlin, Sweden). Motivazione: il film Broken Hill Blues è ambientato nella cittadina più a nord della Svezia, Kiruna, dove gran parte della popolazione vive grazie alle estrazioni di metallo da una miniera. Il film si concentra sulla storia dei protagonisti che si trovano a vivere il passaggio dall’adolescenza all’età adulta, proprio quanto molti dei loro concittadini sono costretti a lasciare la città a causa delle continue scosse e deflagrazioni che scuotono la terra. Il Premio CIAL per l’Ambiente viene assegnato a questo film, in particolare, per l’approccio poetico e al tempo stesso concreto che la regista Sofia Norlin ha adoperato per evidenziare il rapporto fra il territorio d’origine e i membri più giovani di una piccola comunità.

Grifone di Cristallo – Banca della CampaniaGenerator +16, Mateo (Maria Gamboa, Colombia/Francia). Motivazione: per il messaggio, per come è stato portato sullo schermo, per l’interpretazione, la fotografia. Una nota particolare alla vicenda narrata con grande realismo e per l’epilogo che racchiude un messaggio universale.
British Film Institute CertificateGenerator +16, Han Gong-Ju (Sujin Lee, South Korea); Generator +18, Little Crushes (Aleksandra Gowin, Ireneusz Grzyb, Poland).

Golden Spike Award del Social World Film FestivalGenerator + 18, You Will Find Me (Eitan Pitigliani, Italy/Argentina). Motivazione: per aver raccontato, attraverso la magia della poesia e dell’arte, il viaggio di un giovane argentino alla ricerca delle sue origine marchiate dalla persecuzione degli ebrei del secondo conflitto mondiale. Un’opera arricchita da una prova attoriale convincente del giovane attore argentino Andres Gil. Menzione speciale al cortometraggio danese Helium di Andres Walter per aver trattato un argomento forte, come la malattia terminale di un piccolo paziente, con grande pregio registico e narrativo.

Amnesty International AwardGex Doc, Lucky Devils (Verena Endtner, Switzerland). Motivazione: Lucky Devils ci dimostra ancora una volta come l’arte e la cultura possano svolgere un ruolo fondamentale e più incisivo della stessa politica nel progresso reale di una nazione. I bambini di San Pietroburgo ritrovano nel circo Upsala il diritto di sperare e sorridere, forse il vero primo e fondamentale diritto umano.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.