Riprendiamoci la palla

untitled(…) La palla che lanciammo giocando nel parco è tornata giù da un pezzo. Dobbiamo smettere di aspettarla.

Pietro Paladini nel finale del romanzo Caos calmo di Sandro Veronesi (Bompiani, 2005) da cui venne tratto (2008) l’omonimo adattamento cinematografico, regia di Antonello Grimaldi e Nanni Moretti interprete principale.
Una sorta di colpo di spugna ad un celebre verso della poesia Splendessero lanterne (Should Lanterns Shine) del poeta gallese Dylan Thomas (1914-1953), La palla che lanciai giocando nel parco non è ancora scesa al suolo, per una presa di coscienza del tempo che passa e dei mutamenti in corso nel suo fluire, fra eventi, circostanze ed imprevisti che si susseguono.
Se il nostro istinto di autodifesa ci porta a volte alla cristallizzazione di un determinato momento, idealizzato come felice e spensierato, in attesa di un cambiamento, quest’ultimo potrà conseguire solo in seguito alla propria decisione di riprendere parte alla commedia della vita, in qualsiasi ruolo ci si vorrà cimentare.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.