Torino Film Festival dedica a Powell & Pressburger e a Jean Eustache le retrospettive della 36ma edizione

Michael Powell ed Emeric Pressburger (Senses of Cinema)

Saranno dedicate al duo Powell & Pressburger e a Jean Eustache le due retrospettive del 36mo Torino Film Festival (23 novembre- 1° dicembre).
Due generazioni, due stili, due immaginari che possono apparire agli antipodi ma anche due idee di cinema che ben corrispondono alle anime diverse della kermesse cinematografica torinese; tra i più grandi visionari della storia del cinema, l’inglese Michael Powell (regista e produttore) e l’ungherese Emeric Pressburger (scrittore) hanno costruito tra la fine degli anni ‘30 e l’inizio degli anni ‘60 lo spettacolo cinematografico perfetto, idoneo a comunicare con l’inconscio degli spettatori, che ha affascinato e influenzato i giovani Scorsese, De Palma e Coppola in virtù della distorsione ed enfatizzazione continua del potere dello sguardo (e dell’occhio della cinepresa).
La retrospettiva presenterà i venti titoli che hanno realizzato insieme, dall’eccentrico film bellico per il quale Pressburger vinse un Oscar (49° Parallelo) all’affresco romantico molto amato da Bertrand Tavernier (Duello a Berlino), dal viaggio ossessivo nella passione di Narciso nero agli andirivieni “lisergici” nell’Aldilà di Scala al Paradiso, dalla dannazione artistica di Scarpette rosse al lussureggiante demonismo di I racconti di Hoffmann. Insieme a questi, alcuni dei film diretti dal solo Powell, compreso il capolavoro “maledetto”, L’occhio che uccide.

Jean Eustache (IMDb)

Venendo invece a Jean Eustache, “fratello minore” della Nouvelle Vague, autore spesso emarginato dall’industria, la retrospettiva presenterà tutti i suoi film; l’esordio del cineasta francese, morto nel 1981 a poco più di quarant’anni, risale al 1963 con il cortometraggio incompiuto La Soirée, per poi divenire autore di numerosi mediometraggi e di film quali Mes petites amoureuses, Une sale histoire e, nel 1973, La maman et la putain, capolavoro sull’inefficacia della parola e sulla vaghezza dei sentimenti, sui vuoti, sui corpi e sull’indispensabile moralità del cinema.
Meno compiacente e più “crudele” dei maestri della Nouvelle Vague, innamorato del rigore di Bresson e del vigore di Renoir, Eustache, tra autobiografia e rappresentazione, non ha mai smesso di interrogarsi sulla dinamica tra l’apparente realismo inquisitivo della macchina da presa e la finzione che entra in gioco non appena la cinepresa comincia a girare; il suo malessere e la sua forza analitica hanno influenzato cineasti contemporanei come Assayas, Denis, Desplechin, Jarmusch. (Fonte: comunincato stampa TFF)

2 risposte a “Torino Film Festival dedica a Powell & Pressburger e a Jean Eustache le retrospettive della 36ma edizione

  1. contentissimo per Powell & Pressburger… se riesco li vedrò/rivedrò tutti, del resto 20 in una settimana sepoffà…
    dalla Martini, direttrice del Festival, mi aspettavo una virata sul cinema inglese, di cui è esperta, e infatti c’è stata…
    certo non avrà lo stesso richiamo di Brian De Palma (retrospettiva dell’anno scorso), ma noi cinefili torinesi possiamo definirci contenti dalla scelta…

    Piace a 1 persona

    • Ciao Vincenzo, da cinefilo sono contento anche io, benvenute le retrospettive che permettono di percorrere tratti fondamentali della storia cinematografica, come anche di rendere note a molti opere di autori a volte troppo presto dimenticati, quale il cineasta francese Eustache. Grazie, un saluto.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.