Venezia 75: il programma delle Giornate degli Autori

La XV edizione delle Giornate degli Autori si svolgerà all’interno della 33ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia dal 29 agosto all’8 settembre. Undici i film in concorso, cui va ad aggiungersi una serie molto articolata di eventi speciali, tra cui un omaggio ad Alexander Kluge, il programma Women’s Tales in collaborazione con il creative partner Miu Miu, un fitto prospetto di immagini e parole che animeranno le serate alla Villa degli Autori, un riconoscimento al cinema al femminile delle Giornate presentato dal gruppo Hearst Italia, il Label di Europa Cinemas, il Premio SIAE per un autore italiano (Mario Martone), il Premio del Pubblico- BNL, il Premio delle Giornate realizzato con il sostegno del Parlamento Europeo (progetto 28 volte cinema per il Lux Film Prize), con una giovanissima giuria presieduta quest’anno da un regista italiano, Jonas Carpignano. All’interno della selezione si nota una rilevante presenza femminile: 6 titoli su 12 sono firmati da autrici e in tutti i film i personaggi femminili giocano un ruolo cruciale, sintomo di un tempo in cui al centro della ricerca c’è sempre più spesso il nucleo originale della società: una famiglia scomposta, disgregata, riaggregata, messa in discussione dal ruolo che la donna porta con sé. Il numero delle nazionalità rappresentate (oltre 15) conferma che le Giornate spaziano fra le cinematografie di tutto il mondo e che se costanti esistono, queste non hanno bandiera o limiti.

Un discorso a parte merita il cinema italiano, presente in cartellone con un film in concorso (Ricordi? di Valerio Mieli) e un evento speciale (Il bene mio di Pippo Mezzapesa). Dopo l’ampia rappresentanza dello scorso anno si potrebbe pensare a un passo indietro, dovuto anche alle difficili condizioni in cui autori e produttori hanno potuto operare in questi 12 mesi, ma non va dimenticata la varietà dei formati e delle idee di cinema che la difficoltà del mercato ha incentivato, per cui il programma concede spazio a formati diversi, con un’attenzione particolare al documentario, protagonista delle Notti veneziane alla Villa degli Autori. Infine, le Giornate degli Autori, il Lux Film Prize del Parlamento europeo ed Europa Cinemas, in collaborazione con Cineuropa, tornano a unire le loro forze per la IX Edizione del progetto 28 Times Cinema che porta a Venezia 28 cinefili dai 28 paesi dell’Unione europea:14 ragazze, una persona non binaria e 13 ragazzi, in età compresa tra i 18 e i 25 anni, formeranno la giuria del GdA Director’s Award che giunge quest’anno alla sua V edizione e che consiste in € 20.000 da ripartire tra il/la regista e il distributore internazionale del film vincitore.

Jonas Carpignano (Cinematografo)

I partecipanti di 28 Times Cinema sono stati selezionati tra gli spettatori più assidui delle sale cinematografiche del circuito Europa Cinemas e, oltre a svolgere la loro funzione di giurati, parteciperanno durante il Festival a numerose masterclass e laboratori per loro ideati e condotti da professionisti di diversi settori: dalla critica cinematografica, alla progettazione di festival e rassegne, al mondo delle piattaforme VoD, passando per l’adattamento linguistico delle opere cinematografiche, un’opportunità di osservare da vicino il mondo dell’industria cinematografica e il dietro le quinte del Festival più antico del mondo. I 28 giurati seguiranno anche le proiezioni e gli incontri del Premio Lux per prepararsi a svolgere successivamente il loro ruolo di “ambasciatori” dei tre finalisti in occasione delle proiezioni dei Lux Film Days nei propri paesi. A guidare la giuria, come su scritto, sarà per la prima volta un regista italiano, Jonas Carpignano, mentre il ruolo di moderatore sarà svolto da Karel Och, direttore artistico del Festival di Karlovy Vary che collabora con le Giornate in qualità di “tutor” speciale della giuria fin dalla prima edizione del Premio nel 2014. Come da tradizione, l’ultimo incontro della giuria si terrà alla Villa degli Autori a porte aperte e verrà trasmesso in live streaming.

Selezione Ufficiale- In Concorso: Les tombeaux sans noms (Graves Without A Name, Rithy Panh, Cambogia/Francia, 2018,  prima mondiale)- Film d’apertura. C’est ça l’amour (Real Love, Claire Burger, Francia, 2018, prima mondiale). Continuer (Keep Going,  Joachim Lafosse, Belgio/Francia, 2018,  prima mondiale). Domingo (Clara Linhart & Fellipe Barbosa, Brasile/Francia, 2018,  prima mondiale). Joy (Sudabeh Mortezai, Austria, 2018,  prima mondiale). José (Li Cheng, Guatemala/Stati Uniti, 2018, prima mondiale). Mafak (Screwdriver, Bassam Jarbawi, Palestina/Stati Uniti/Qatar, 2018, prima mondiale). Pearl (Elsa Amiel, Francia/Svizzera, 2018, prima mondiale, opera prima). Ricordi? (Valerio Mieli, Italia/Francia, 2018,  prima mondiale). Three Adventures Of Brooke (Yuan Qing, Cina/Malesia, 2018,  prima mondiale, opera prima). Ville Neuve (Félix Dufour-Laperrière, Canada, 2018,  film di animazione, prima mondiale, opera prima).

Fuori Concorso: Emma Peeters (Nicole Palo, Belgio/Canada, 2018,  prima mondiale)- Film di Chiusura. Eventi Speciali: As If We Were Tuna (Francesco Zizola, Stati Uniti/Italia, 2018,  documentario, prima mondiale). Dead Women Walking (Hagar Ben-Asher, in collaborazione con il Tribeca Film Festival, Stati Uniti, 2018,  prima internazionale). Goodbye Marilyn (Maria Di Razza, Italia, 2018, film di animazione, prima mondiale). Happy Lamento (Alexander Kluge, Germania, 2018, prima mondiale). Il bene mio (My Own Good, Pippo Mezzapesa, Italia, 2018, prima mondiale). The Ghost Of Peter Sellers (Peter Medak, Cipro, 2018, prima mondiale). Why Are We Creative? (Hermann Vaske, Germania, 2018, prima mondiale).

Notti Veneziane alla Villa Degli Autori: Carta bianca a Stefano Savona. Una serata tra storie, immagini, ricordi e racconti. L’autore  di Samouni Road, ripercorrerà la lunga strada che lo ha portato a Gaza, dialogherà con gli autori sul senso del mestiere e sulla natura del “cinema del reale”, mostrerà e commenterà immagini inedite del suo lavoro, di ieri e di oggi. Il teatro al lavoro (Theatre At Work, Massimiliano Pacifico, Italia, 2018, prima mondiale). I villani (Daniele De Michele, Don Pasta, Italia, 2018, prima mondiale). L’unica lezione (Peter Marcias, Italia, 2018,  prima mondiale). One Ocean (Anne de Carbuccia, Italia, 2018,  prima mondiale).

Haifaa Al-Mansour (foto di Brigitte Lacombe)

Miu Miu Women’s Tales: #15 Hello Apartment (Dakota Fanning, Italia, Stati Uniti, 2018,  prima italiana). #16 The Wedding Singer’s Daughter (Haifaa Al-Mansour, Italia, Stati Uniti, 2018, prima mondiale).

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.