Grande successo per il catalogo in streaming della Cineteca di Milano

(CiakClub)

Come già riportato in un precedente articolo, la Cineteca di Milano, in un momento di difficoltà del nostro Paese, ha inteso portare il proprio contributo offrendo al proprio pubblico l’opportunità di accedere al patrimonio archivistico attraverso la Videoteca di Morando, che offre una vasta library di film, consultabili comodamente da casa grazie al servizio di streaming online, garantendo gratuitamente l’accesso a materiale dal grandissimo valore storico. Nelle ultime settimane si è registrato un incremento delle iscrizioni al servizio che oggi conta circa 30.000 utenti, provenienti non solo da Milano e dalla Lombardia, ma anche da altre regioni del territorio italiano, in Europa e in diverse zone degli Stati Uniti e dell’America Latina, con visite quotidiane al sito che hanno raggiunto il picco 70.000 persone nelle ultime settimane. Nel catalogo online sono attualmente presenti più di 500 titoli e ogni settimana vengono caricati oltre 20 film, documentari, spezzoni e materiali di archivio.
Si possono visionare filmati esclusivi, restauri e digitalizzazioni svolte dal MIC Lab di Cineteca Milano. Il catalogo, in costante aggiornamento, annovera visioni uniche che hanno riscosso un enorme successo di pubblico, come l’ultimo restauro filmico, La morte che assolve di Alberto Lolli, muto del 1918, unico lungometraggio sopravvissuto della diva del muto milanese Elettra Raggio presentato con grande successo alle scorse Giornate del Cinema Muto di Pordenone.

(Traforo del Monte Bianco)

Tra gli ultimi ingressi nel catalogo online, è possibile visionare il lungometraggio Senza sole né Luna di Luciano Ricci, film degli anni Sessanta, in uno splendido bianco e nero, sulla condizione umana e psicologica dei minatori che portarono a compimento l’eccezionale impresa del traforo del Monte Bianco e il corto d’animazione Crociato 900 realizzato dal pioniere dell’animazione italiana Libero Pensuti per la lotta contro la tubercolosi, parte di una massiccia campagna di sensibilizzazione attraverso il cinema messa in atto fra il 1930 e il 1940 nel nostro Paese.
Da segnalare poi la divertente e colorata storica sigla animata Prendi un fiorellino, realizzata da Guido Manuli per la Bozzetto Film per il programma televisivo Un peu d’amour, in onda negli anni ’70 su Tele Montecarlo.
La canzone è eseguita dal conduttore del programma Jocelyne  e dal Coro dei Piccoli Cantori di Niny Comolli. Non mancano materiali legati alla storia meneghina come Cinque anni in un giorno, documentario sugli effetti del boom economico o i Cinegiornali sui movimenti studenteschi a Milano, e anche piccole perle della storia del cinema come Il bacio di Comerio (1914) che ci mostra, per la prima volta al cinema, il primo reporter cinematografico della storia, il milanese Luca Comerio, filmato dalla sua stessa macchina da presa in un gesto intimo e appassionato.
Tra le altre proposte grandi capolavori del cinema muto come Uomini della domenica di Robert Siodmak, Edgar G. Ulmer (1929), Femmine folli di Erich Von Stroheim (1921), Crepuscolo di Gloria di Josef Von Sternberg (1928) e il celebre Faust di Friedrich Wilhelm Murnau (1926).

Per accedere al catalogo dei film occorre registrarsi e loggarsi tramite il sito www.cinetecamilano.it/biblioteca.

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.