Venezia 77, Le Giornate degli Autori XVII Edizione

Si svolgerà  da mercoledì 2 settembre (giorno d’apertura della 77ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia) a sabato 12 settembre la XVII edizione delle Giornate degli Autori, presieduta da Andrea Purgatori, mentre Giorgio Gosetti è il Delegato Generale.
Molte le novità previste per quest’anno da Gaia Furrer, che per la prima volta firma come responsabile artistica la selezione ufficiale della sezione autonoma e indipendente promossa dalle associazioni italiane degli autori, ANAC e 100autori.
La prima riguarda il carattere generale del programma, improntato al tema del coraggio e concepito come una risposta alla difficile stagione del cinema mondiale che proprio a Venezia vuole riaffermare la forza della creatività e degli autori posti di fronte a una tragedia collettiva senza precedenti. La seconda sta nell’idea di una collaborazione tra voci diverse che si riuniscono insieme in nome di una comune visione del valore del cinema, dell’impegno culturale, della volontà di reagire. Ecco allora la collaborazione con Bookciak, Azione!, quella con Laguna Sud, che porta l’esperienza delle Giornate degli Autori e di ZaLab a Chioggia aspettando la Mostra “fuori dal palazzo” sotto le stelle d’agosto, quella del progetto Miu Miu Women’s Tales che conferma una speciale attenzione alla creatività femminile nell’ambito delle Giornate.

(Padova Oggi)

E da quest’anno si realizza il progetto comune con Edipo Re (che da anni realizza l’evento Isola Edipo al Lido) per creare insieme un programma di incontri, visioni e iniziative sociali che si completa con lo spostamento delle Notti Veneziane alla nuovissima Isola degli Autori, per una scelta condivisa delle opere nel segno di un “cinema dell’inclusione” e del dialogo tra le arti che è da sempre l’elemento distintivo di Isola Edipo. La terza novità consiste nell’assetto stesso delle Giornate degli Autori: il Delegato Generale continua a garantire la struttura operativa della rassegna a Venezia ma si impegna, insieme agli autori, in un più vasto disegno culturale nel corso dell’anno, mentre la selezione artistica trova una guida rinnovata e ringiovanita, grazie al lavoro di Gaia Furrer, affiancata da un comitato di selezione e da una importante squadra di consulenti e visionatori, giustificata dall’importante numero di film proposti, oltre 1.000 quest’anno. L’immagine delle Giornate è firmata da PizzettiePartner: raffigura il tuffo di una donna. Il suo è un tuffo a bomba, fiducioso e vitale, ma anche sospeso e onirico. E rappresenta molto bene uno stato d’animo pronto a una nuova sfida. Sono 10 i film in concorso di cui 5 opere prime, 4 gli eventi speciali e 11 titoli selezionati nelle rinnovate Notti Veneziane – L’isola degli Autori per un totale di 26 nazionalità rappresentate e 11 donne dietro la macchina da presa (comprese le registe dei Miu Miu Women’s Tales).

(Cineteca di Bologna)

Per il terzo anno consecutivo, le Giornate degli Autori, in collaborazione con Isola Edipo, presentano Il cinema dell’inclusione – Omaggio ai maestri e alle maestre del cinema internazionale che quest’anno verrà dedicato alla regista Liliana Cavani. Come da tradizione, i film della selezione ufficiale concorrono al Label di Europa Cinemas, al Premio del pubblico BNL – Gruppo BNP Paribas, al GdA Director’s Award assegnato dalla giuria ufficiale delle Giornate. Sono inoltre considerati per i premi collaterali della Mostra e per il Leone del Futuro riservato alle opere prime presenti in tutte le sezioni del festival. Da più di 10 anni le Giornate degli Autori, il LUX Film Prize del Parlamento europeo ed Europa Cinemas (con il contributo di http://www.cineuropa.org) collaborano insieme con lo scopo di creare a Venezia uno spazio dedicato all’Europa, ai giovani e alla più genuina passione cinematografica. Da quell’incontro di intenti è nato il progetto 27 Times Cinema che ogni anno porta alla Mostra un gruppo di giovani spettatori appassionati, in età compresa tra i 18 e i 25 anni, provenienti dai 27 paesi dell’Unione Europea, i quali formano anche l’unica giuria ufficiale delle Giornate che assegna il GdA Director’s Award, giunto quest’anno alla sua VII edizione e che consiste in € 20.000 da ripartire tra il/la regista e il distributore internazionale del film vincitore. Le discussioni della giuria saranno moderate da Karel Och, direttore artistico del Festival di Karlovy Vary che collabora con le Giornate come “Tutor” speciale della giuria fin dalla prima edizione del Premio nel 2014.
A presiedere la giuria è invece un autore di fama internazionale, Nadav Lapid.

Da Venezia i giovani giurati partiranno poi per una missione speciale: diventare ambasciatori e promotori come virtual influencer degli eventi legati al LUX Film Prize sui social e nei cinema del circuito di Europa Cinemas. Sono 18 ragazze e 9 ragazzi, tutti molto giovani (la mascotte è Alexandra, 18 anni, polacca), molti di loro hanno già ampio seguito sui social network come l’estone Emel-Elizabeth che si è candidata col sostegno dei suoi 250.000 follower. Tra loro ci sono suonatori di chitarra e basso elettrico, provetti panettieri, pedalatori professionisti. Abbondano i registi in erba (la tedesca Ella ha scoperto la passione per il cinema a 10 anni giocando con il suo iPad) e almeno due di loro hanno diretto il primo “corto” a 14 anni.
Ma non tutti hanno solo il cinema nel proprio futuro: l’italiana Bianca, ad esempio, si stupisce di essere stata scelta perché in realtà studia politica ed economia all’università, ma le piacerebbe dedicarsi dopo la laurea a progetti di cinema sostenibile. A leggere i loro sogni e le loro esperienze viene da scommettere su una generazione che saprà cambiare il mondo.
Per il pubblico e per i giornalisti che volessero vedere con i propri occhi i partecipanti di 27 Times Cinema all’opera come giurati, le Giornate apriranno le porte della Villa degli Autori dove l’ultima riunione di giuria sarà aperta al pubblico e trasmessa in live streaming. (Fonte: comunicato stampa)

Concorso: Cigare au miel (Honey Cigar, Kamir Aïnouz – opera prima. Film di apertura.Francia, Algeria, 2020, 100’, prima mondiale). Spaccapietre (The Stonebreaker, Gianluca e Massimiliano De Serio, Italia, Francia, Belgio, 2020, 104’, prima mondiale). Ma ma he qi tian de shi jian (Mama, Li Dongmei – opera prima,Cina, 2020, 133’, prima mondiale). Residue (Merawi Gerima – opera prima, Stati Uniti, 2020, 90’, prima internazionale). Felkészülés meghatározatlan ideig tartó együttlétre (Preparations To Be Together For An Unknown Period Of Time, Lili Horvát, Ungheria, 2020, 95’, prima mondiale). Oaza (Oasis, Ivan Ikić, Serbia, Slovenia, Olanda, Francia, Bosnia-Erzegovina, 2020, 121’, prima mondiale). 200 Meters (Ameen Nayfeh – opera prima, Palestina, Giordania, Italia, Qatar, Svezia, 2020, 90’, prima mondiale). Tengo miedo torero (Rodrigo Sepúlveda, Cile, Argentina, Messico, 2020, 93’, prima mondiale). Konferentsiya (Conference, Ivan I. Tverdovskiy, Russia, Estonia, Italia, Regno Unito). Kitoboy (The Whaler Boy, Philipp Yuryev – opera prima, Russia, Polonia, Belgio, 2020, 93’, prima mondiale).

Fuori Concorso: Saint-Narcisse (Bruce LaBruce – Film di chiusura, Canada, 2020, 101, prima mondiale). Eventi Speciali: Guida romantica a posti perduti (Giorgia Farina, Italia, 2020, 106’, prima mondiale). Samp (Flavia Mastrella e Antonio Rezza, Italia, 2020, 78’, prima mondiale). Das neue Evangelium (The New Gospel,  Milo Rau, Germania, Svizzera, 2020, 107’, prima mondiale). Extraliscio-punk da balera (Elisabetta Sgarbi, Italia, 2020, 90’, prima mondiale). Miu Miu Women’s Tales: #19 – Nightwalk (Małgorzata Skulimowska, Italia, Polonia, 2020, 9’). #20 – In My Room (Mati Diop, Italia, Francia, 2020, 20’).

Notti Veneziane – L’Isola degli Autori- in collaborazione con Isola Edipo: Est (Antonio Pisu, Italia, 2020, 104’, prima mondiale). 50 – Santarcangelo Festival (Michele Mellara e Alessandro Rossi, Italia, 2020, 76’, prima mondiale). Agalma (Doriana Monaco, Italia, 2020, 54’, prima mondiale). iSola (Elisa Fuksas, Italia, 2020, 80’, prima mondiale). James (Andrea Della Monica, Italia, 2020, 70’, prima mondiale). Nilde Iotti, il tempo delle donne (Peter Marcias, Italia, 2020, 80’, prima mondiale). Venice Concert 1989 (Wayne Isham, Egbert Van Hees, Regno Unito, 1989, 90’). Say Amen, Somebody (George T. Nierenberg, Stati Uniti, 1982, 100’, anteprima italiana della versione restaurata). To The Moon (Tadhg O’Sullivan, Irlanda, 2020, 76’, prima mondiale). En ce moment (Serena Vittorini, Italia, 2020, 15’, prima mondiale). Solitaire (Edoardo Natoli, Italia, 2020, 5’, prima mondiale).

 

 


2 risposte a "Venezia 77, Le Giornate degli Autori XVII Edizione"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.