Festa del Cinema di Roma XV Edizione: la gioia di stare insieme, nella condivisione delle esperienze

E’ stato svelato lo scorso lunedì, 5 ottobre, da Laura Delli Colli,  presidente di Fondazione Cinema per Roma e da Antonio Monda, direttore artistico della kermesse,  il cartellone della XV Festa del Cinema di Roma, la quale avrà luogo, ovviamente rispettando le misure previste dall’emergenza sanitaria, dal 15 al 25 ottobre, all’Auditorium Parco della Musica, coinvolgendo inoltre altre strutture della Capitale, quali Macro, MAXXI, Palazzo Merulana, Rebibbia e il Policlinico Gemelli, nell’ulteriore previsione che una parte del programma potrà essere seguito tramite la piattaforma Digital RFF15. In programma anche mostre ed installazioni. Previste, prima della serata d’apertura ufficiale con la proiezione del film d’animazione Disney-Pixar Soul, per la regia di Pete Docter (cui andrà il Premio alla Carriera), cinque proiezioni di pre-apertura alla Casa del Cinema: Era la più bella di tutti noi – Le molte vite di Veronica Lazar (Leonardo Celi), 12 ottobre, ore 18; Earthling: Terrestre (Gianluca Cerasola), 12 ottobre, ore 21; L’amore non si sa (Marcello Di Noto), 13 ottobre, ore 18; Porto Rubino – Storie, canzoni e lupi di mare (Fabrizio Fichera), 13 ottobre, ore 21; Disco Ruin – 40 Anni di Club Culture italiana (Lisa Bosi, Francesca Zerbetto), 14 ottobre, ore 21; la serata conclusiva vedrà invece la proiezione di Cosa sarà, diretto da Francesco Bruni, fra i titoli italiani in cartellone, insieme a Maledetta primavera (Elisa Amoruso, al debutto nei lungometraggi di finzione dopo aver realizzato una serie di documentari), Fortuna (Nicolangelo Gelormini), The Shift (Alessandro Tonda). Premio alla carriera anche per Steve McQueen, che presenterà i primi tre episodi della miniserie in cinque puntate Small Axe.

(MyMovies)

In Selezione Ufficiale/Tutti ne parlano sono presenti ventiquattro film, più alcuni titoli che si sono evidenziati per un brillante esordio internazionale; all’interno degli Eventi Speciali oltre al citato film di chiusura, troviamo, fra gli altri, il documentario Fuori era primavera – Viaggio nell’Italia del lockdown di Gabriele Salvatores, i primi due episodi della serie Romulus di Matteo Rovere, Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli, documentario sull’ex capitano giallorosso, protagonista inoltre, intervistato da Pierfrancesco Favino, all’interno degli Incontri Ravvicinati; dopo il successo dello scorso anno, saranno riproposti i format Duel e Fedeltà/Tradimenti: nel primo, che avrà luogo a Palazzo Merulana e al MAXXI,  due personalità del mondo artistico, della cultura e dello spettacolo si sfideranno davanti al pubblico, confrontando opinioni divergenti su temi legati al cinema, ai suoi protagonisti, alle sue storie. Nel secondo, che si svolgerà al Macro, noti scrittori, autori e critici italiani e internazionali commenteranno la trasposizione cinematografica di celebri opere letterarie. La Retrospettiva, a cura di Mario Sesti, sarà dedicata a Satyajit Ray, considerato uno dei maggiori cineasti della storia della settima arte. Restauri e Omaggi presenterà proiezioni e appuntamenti dedicati a grandi personalità del cinema italiano e internazionale, mentre Riflessi si dedicherà a storie provenienti da tutto il mondo, ritratti inconsueti, sorprendenti esordi cinematografici, approfondimenti sul mondo del cinema.

I film della nostra vita: come ogni anno, il Direttore Artistico Antonio Monda, i membri del Comitato di Selezione (Richard Peña, Giovanna Fulvi, Alberto Crespi, Francesco Zippel, Valerio Carocci  e Mario Sesti, Responsabile Retrospettive), condivideranno con il pubblico una breve rassegna di film che hanno segnato la loro passione per il cinema: quest’anno sarà protagonista la fantascienza. Ciascun film sarà accompagnato da un incontro con autori, attori e ospiti. Inoltre, prima di ogni proiezione, gli spettatori potranno assistere a brevi pillole dei più celebri e amati film del citato genere. Da segnalare la Festa per il sociale e l’ambiente: si darà ospitalità al Rebibbia Festival, con proiezioni, incontri, laboratori che coinvolgeranno i detenuti, fra l’Auditorium del Carcere e la nuova Sala Cinema Enrico Maria Salerno, recentemente inaugurata. In questo 2020 la nota emergenza sanitaria ha fatto sì che venisse estesa la connessione in fibra ottica a vari settori del penitenziario romano e inaugurata e connessa al web la citata Sala Cinema Enrico Maria Salerno. Nello scorso mese di maggio è stata avviata la didattica a distanza e la fruizione di alcuni contenuti educativi e culturali via web; da ricordare in chiusura articolo, che è prevista la proiezione di alcuni titoli “marchiati” Cannes 2020: Asa Ga Kuru (Naomi Kawase), Eté 85 (François Ozon), Druk – Another Round (Thomas Vinterberg), mentre il manifesto ufficiale vede protagonisti Sidney Poitier e Paul Newman, in una foto scattata in occasione delle riprese di Paris Blues (Martin Ritt, 1961), film candidato all’Oscar® per la Miglior colonna sonora, firmata da Duke Ellington: rappresenta un omaggio a due icone della storia del cinema, rimarcando quali temi portanti della Festa il senso di complicità, la gioia di stare insieme, la condivisione delle esperienze, il valore della collaborazione umana e artistica. (Fonte:sito web Festa del Cinema di Roma)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.