Clerville dai fumetti a Cinecittà

diaboliklaserie2015Forse non torneranno più i tempi e i fasti della Hollywood sul Tevere, ma credo sia da salutare come benvenuto il ritorno negli studi di Cinecittà di una grande produzione internazionale, rivolta al settore televisivo: per circa un anno, infatti, i principali teatri di posa della struttura, i suoi set esterni, da sempre simbolo di creatività ed artigianale inventiva, ospiteranno le riprese di Diabolik-La Serie, primo adattamento seriale del fumetto creato nel 1962 (Il re del terrore, uscito nelle edicole il 1° novembre, Astorina Edizioni) dalle sorelle Giussani, Angela e Luciana, una co-produzione delle tre piattaforme pay europee di 21st Century Fox (Sky Italia, BSKYB, SkyDE). Ricordo che le avventure del genio del male vennero per la prima volta trasposte in un film diretto da Mario Bava nel 1968, con John Philip Law ad interpretare “il maledetto criminale” e Marisa Mell nei panni di Eva Kant, mentre Michel Piccoli copriva il ruolo del “dannato ispettore” Ginko.

(movieplayer)
(movieplayer)

Una trasposizione grezza e a volte grossolana, in particolare relativamente alla psicologia dei personaggi, ma che merita una rivalutazione, oltre che per l’inventiva registica di Bava, per le ingegnose scenografie (Flavio Mogherini) e le musiche di Ennio Morricone, il tutto idoneo a conferire alla pellicola un’aura decisamente pop, in linea d’altronde con il periodo di realizzazione.
Nel 2000 è stata la volta di una serie animata, Diabolik-Track of the Panther, per un totale di 24 episodi (entrarono in gioco Saban International, l’emittente francese M6 e Fox Television), non propriamente coerente con l’opera originaria. La serie in programma, della quale è in circolo da tempo un teaser trailer promozionale (venne presentato nel novembre 2012, in occasione dei 50 anni dell’eroe in nero), prodotta da Cattleya, azienda indipendente italiana, sembra promettere bene, per cura ed impegno nella trasposizione, e mi auguro venga destinata in seguito anche alla visione in chiaro.

Dante Ferretti (panorama.cultura.it)
Dante Ferretti (panorama.cultura.it)

Le scenografie saranno affidate all’estro creativo di Dante Ferretti, quel che si dice un ottimo inizio, il quale dovrà riportare nell’immaginaria realtà propria della finzione filmica, offrendogli dimensione inedita rispetto alle tavole disegnate, la città di Clerville, capitale dello stato omonimo, che presto (viene nominata a partire dal n. 23 della I serie, Il pugnale cinese, 10/11/’64) negli albi di Diabolik, su intuizione di Luciana Giussani, soppiantò l’originaria Marsiglia: l’ambientazione europea cara alla sorella Angela, nel riferimento mai nascosto al feuilleton francese d’inizio ‘900, venne fatta salva, dando vita appunto ad uno scenario dall’impostazione libera, a misura delle mirabolanti gesta dell’uomo dai 1000 volti, ma sempre legata al mondo reale*. “E’ bello per me – ha dichiarato Ferretti – avere la possibilità di creare un intero mondo immaginario, farlo su un grande classico del disegno italiano e farlo interamente a Cinecittà. Anche la nuova serialità internazionale passa attraverso la nostra tradizione scenografica”.

*L’intera cartina dello stato di Clerville, e dell’omonima città, è stata ricostruita da tre lettori del fumetto (Andrea Agati, Andrea Di Lecce e Cristian Rendina), dando poi origine alla Guida turistica di Cleville, pubblicata da Astorina nel 2005.

Clerville (Diabolik.it)
Clerville (Diabolik.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.