Luciano De Crescenzo (1928-2019)

Luciano De Crescenzo (Rai News)

Personalità del tutto particolare, capace di coniugare il saper vivere napoletano, punto d’incontro fra bonaria ironia e saggezza popolare dal sapore antico, con l’inappuntabile precisione storiografica rivolta alla ricostruzione del pensiero filosofico greco (Storia della filosofia greca,  due volumi, usciti rispettivamente nel  1983 e nel 1986), Luciano De Crescenzo, un passato di ingegnere all’IBM, dove lavorò per 20 anni, ci ha lasciato oggi,  giovedì 18 luglio, a Roma, lontano dalla città natale (Napoli, 1928).
La sua esistenza si è svolta all’insegna di una vivida poliedricità: scrittore piuttosto prolifico e piacevolmente arguto, attore (il ruolo, fra l’altro, del Padreterno ne Il pap’occhio, diretto dall’amico Renzo Arbore nel 1980) sceneggiatore e regista cinematografico, ricordando a tale ultimo riguardo i film tratti dai suoi libri  (Così parlò Bellavista, 1984; Il mistero di Bellavista, 1985; 32 dicembre, 1987; Croce e delizia, 1995). Ne affido il ricordo ad una sequenza tratta dal primo film diretto, il citato Così parlò Bellavista, soffermandomi in particolare sul seguente dialogo:

(…) (…) “No, no … Se mi danno il tè alla mattina è come se mi dessero una sberla! E’ mia moglie che ama il tè, ma, sa, lei è tedesca e i tedeschi, caro professore, non sono come noi …”

Si è sempre meridionali di qualcuno”.

De Crescenzo e Renato Scarpa

A parlare sono il Dr. Cazzaniga (Renato Scarpa), milanese in trasferta napoletana dopo essere stato nominato direttore del personale dell’Alfasud, e in risposta il Prof. Bellavista (Luciano De Crescenzo), rispettivamente lo stoico “uomo di libertà” e l’epicureo “uomo d’amore”, finalmente a confronto causa incontro fortuito in ascensore, per di più bloccato causa guasto, dopo essersi odiati a distanza sulla base di ottuse supposizioni e preconcetti. La piacevole sorpresa di scoprire similitudini nel condividere le quotidiane ambasce e l’attrazione empatica scaturita da un’eguaglianza che trova il suo fondamento su una conclamata diversità.


Una risposta a "Luciano De Crescenzo (1928-2019)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.