Venezia, dal 7 al 10 ottobre la X Edizione del Ca’ Foscari Short Film Festival

Dopo aver ideato la sua prima edizione “wireless” con una proposta di opere in streaming, ovviando così alla nota emergenza sanitaria, il Ca’ Foscari Short Film Festival è ora finalmente pronto a festeggiare dal vivo la sua decima edizione che si svolgerà dal 7 al 10 ottobre in versione “diffusa”, nel rispetto di tutte le norme sanitarie vigenti. Per questo motivo, oltre alla storica sede dell’Auditorium Santa Margherita (dove sarà obbligatoria la prenotazione online tramite piattaforma Eventbrite), il festival collaborerà con altre prestigiose istituzioni culturali della città di Venezia, dove sarà possibile vedere in streaming o dal vivo le opere in programma: la Fondazione Ugo e Olga Levi, il Centro Candiani del Comune di Venezia, la Fondazione Querini Stampalia, la Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ D’Oro, il Museo di Palazzo Grimani, il Museo Archeologico Nazionale, la Fondazione Bevilacqua La Masa, il Concilio Europeo dell’Arte In Paradiso Art Gallery e l’Hotel NH Venezia Rio Novo. L’edizione dell’anniversario si presenta ai nastri di partenza più ricca che mai: numerosi ospiti di prestigio, protagonisti dei vari programmi speciali, e una selezione di altissimo livello tra i trenta cortometraggi del Concorso Internazionale, dedicato agli studenti delle scuole di cinema e università di tutto il mondo. Il Festival, realizzato con la collaborazione della Fondazione di Venezia, con il supporto della Fondazione Levi e dell’hotel NH Venezia Rio Novo, è il primo in Europa interamente concepito, organizzato e gestito da un’università e mantiene fede al suo intento primario di essere una manifestazione pensata dai giovani per i giovani: sono loro i protagonisti di questa grande festa, dall’una e dall’altra parte dello schermo.

Jun Ichikawa (e-TALENTA)

Un momento professionalmente formativo per gli studenti volontari di Ca’ Foscari, i quali forniscono linfa vitale sempre nuova alla collaudata macchina organizzativa del Festival, guidata da figure professionali d’esperienza, con il coordinamento del direttore artistico e organizzativo Roberta Novielli, coinvolti in tutte le fasi della sua realizzazione: dal catalogo alla logistica, dall’ufficio stampa ai sottotitoli, dal gruppo video alla distribuzione. Il cuore pulsante della manifestazione rimane il Concorso Internazionale, una selezione dei trenta migliori cortometraggi realizzati lo scorso anno da registi che frequentano o si sono appena diplomati nelle più prestigiose scuole di cinema e università del mondo. Con 3.000 e più lavori, provenienti da 111 paesi, lo Short si conferma dunque come osservatorio privilegiato in Italia sul cinema delle nuove generazioni; i paesi in gara quest’anno sono 27 e spaziano tra cinematografie molto diverse fra loro, con opere provenienti, tra gli altri, da Cile, Iran, Messico, Sud Africa, Singapore, Marocco e Taiwan. Naturalmente è forte anche la presenza europea, dove si concentrano alcune delle scuole di cinema più prestigiose al mondo, in particolare Francia, Spagna e Italia sono presenti con due cortometraggi a testa. Si tratta di opere molto eterogenee che mescolano in maniera fresca tecniche, stili e generi differenti, spaziando tra fiction, documentario, animazione e video-arte, ma alcune di esse presentano quale tema ricorrente il distacco, da quello meno immediato e più metaforico come può essere il rapporto tra allievo e maestro o tra una persona e la città in cui è cresciuta, a quello più lancinante genitori-figli.

Sulafa Hijazi (Cartooning Syria)

A giudicare i 30 corti in Concorso sarà una giuria internazionale tutta al femminile: l’attrice giapponese, ma italiana d’adozione, Jun Ichikawa, che esordisce al cinema nel 2003 con Cantando dietro i paraventi di Ermanno Olmi, per poi recitare in film come Volevo solo dormirle addosso di Eugenio Cappuccio e La terza madre di Dario Argento. Dopo aver lavorato in diverse serie televisive è apparsa recentemente nell’ultimo film di Alessandro Siani, Il giorno più bello del mondo. Sulafa Hijazi è invece una regista siriana residente a Berlino, le cui animazioni sono molto popolari nel mondo arabo, in particolare il film The Jasmine Birds (2009), vincitore di numerosi premi internazionali. Molto attiva politicamente per il suo paese d’origine, negli ultimi anni sta sperimentando le arti concettuali e multimediali, arrivando ad esporre anche al British Museum. L’attrice polacca Maria Mamona è una delle più rispettate interpreti del suo paese, avendo collaborato nella sua lunga carriera con alcuni tra i più importanti registi polacchi, come Andrej Wajda per Pan Tadeusz (1999), Tadeusz Konwicki per Lawa (1989) e, più recentemente, Ryszard Bugajski per Zacma (2016). Ha lavorato anche in produzioni internazionali come la serie televisiva degli anni ottanta Sherlock Holmes e il dottor Watson. Le giurate saranno come di consueto protagoniste anche di un Programma speciale della giuria durante il quale incontreranno il pubblico e presenteranno cortometraggi da loro diretti o interpretati, tra i quali si segnala il pluripremiato Elisabeth di Wojciech Klimala, nel quale Maria Mamona interpreta una parrucchiera che partecipa a un concorso di bellezza per signore. Il Concorso Internazionale prevede un Primo Premio per il miglior cortometraggio, la Menzione Speciale Volumina per il miglior film d’arte, il Premio Pateh Sabally, assegnato dalla Municipalità di Venezia e dedicato ai temi della multietnicità e il Premio Levi per la miglior colonna sonora, offerto dalla Fondazione Ugo e Olga Levi ed assegnato da una giuria apposita composta da Roberto Calabretto, Daniele Furlati, Marco Tutino e Paolo Troncon.

Maria Mamona (Listal)

 I premi sono sculture in vetro originali, appositamente realizzate dal mastro vetraio muranese Alessandro Mandruzzato. Accanto al Concorso Internazionale ci sarà anche una ricchissima proposta di programmi speciali, eventi, retrospettive e masterclass con ospiti internazionali. Primo fra questi è il “maestro del brivido” Dario Argento che, in occasione del conferimento da parte dell’ateneo veneziano del prestigioso Ca’ Foscari Honorary Fellowship, sarà protagonista di una lectio magistralis. Argento, autore di capolavori come Profondo rosso e Suspiria, è stato uno dei più importanti autori italiani degli ultimi cinquant’anni, il cui approccio innovativo e iconoclasta al thriller e all’horror ha influenzato i registi di tutto il mondo. Altro ospite d’eccezione di questa decima edizione sarà il compositore di colonne sonore e cantautore Pino Donaggio che ripercorrerà la sua carriera in un lungo incontro con il pubblico a cura del giornalista e saggista Anton Giulio Mancino, mentre sullo schermo scorreranno immagini e suoni dei più famosi film ai quali ha collaborato. Autore prolifico, dagli anni ’70 ha composto oltre 70 colonne sonore a partire da quella di Venezia…un dicembre rosso shocking di Nicolas Roeg (1973), per poi stringere una lunga e fruttuosa collaborazione con Brian De Palma, per il quale ha realizzato ben sette colonne sonore che includono quelle di classici come Vestito per uccidere e Omicidio a luci rosse. In Italia le sue note hanno accompagnato le immagini delle opere di alcuni tra i più importanti esponenti del cinema del nostro Paese tra cui Dario Argento, Liliana Cavani e Pupi Avati.

Lorenzo Mattotti (Wikipedia)

Altrettanto interessante sarà l’incontro con l’autore del manifesto di questa edizione, Lorenzo Mattotti, uno tra i più importanti illustratori italiani, autore di capolavori come Il Signor Spartaco (1982) e Fuochi (1984) che, dopo aver flirtato a lungo con il cinema (sue, ad esempio, le animazioni di raccordo per il film a episodi Eros), è recentemente passato dietro la macchina da presa, presentando a Cannes la sua opera prima, La famosa invasione degli orsi in Sicilia, tratto da un racconto di Dino Buzzati. Mattotti ripercorrerà la sua carriera, fatta di sperimentazioni, premi e collaborazioni prestigiose, in una lunga intervista condotta dall’esperto di animazione e fumetti Davide Giurlando. L’autore sarà inoltre protagonista della preapertura del festival, durante la quale introdurrà la proiezione del suo film d’animazione. I dieci anni del festival verranno festeggiati anche con il gradito ritorno sugli schermi veneziani di Marie Elisa Scheidt che nel 2011 vinse con I Love You, I Love You Not la prima edizione del Concorso Internazionale e che nel frattempo è diventata una apprezzata documentarista in Germania. La regista presenterà tre dei lavori prodotti in questi dieci anni, a partire dal doc su un fotografo sulla comunità “bear” di Montreal in Through The Lens Of Inked Kenny (2012), passando per la sua riflessione sul linguaggio in Holy F#&% (2013), fino al disturbante e affascinante ritratto di un criminale nella Vienna degli anni ’60 in Sobota (2014). A dieci anni di distanza dalle ultime puntate, i Munchies stanno per tornare con dei nuovi episodi e, per l’occasione, il loro creatore Charlie Tango presenterà in anteprima l’episodio pilota Doppia canna che sarà poi distribuito su canali web dedicati insieme al resto della stagione. I Munchies, serie di pupazzi animati prodotta e diretta da Charlie e Miki Tango e da Giampietro Cutrino, è andata in onda per la prima volta nel 2003, prima su Italia 1 e in seguito su MTV; una seconda serie è stata realizzata nel 2010, dando vita poi a spin off e varie collaborazioni televisive.

Dario Argento (Cultura in Rete)

La scuola di animazione francese Supinfocom Rubika, fondata nel 1988 a Valenciennes per poi espandersi con quattro sedi in altrettanto paesi, ha vinto nel 2007 il premio come miglior scuola di cinema del mondo, perché i suoi studenti non solo producono opere capaci di vincere premi nei festival di tutto il mondo, ma hanno anche una altissima percentuale di occupazione, a testimonianza di un curriculum incentrato sull’animazione digitale (ma anche sui videogame e sul design) che non ha quasi eguali al mondo. Le opere proposte – otto in tutto, prodotte negli ultimi tre anni – sono tutte frutto di uno sforzo collaborativo, dove diversi studenti si sono occupati a turno delle varie fasi della realizzazione, spaziando tra generi e tecniche differenti. Lo Short ha da anni stabilito un rapporto privilegiato con l’India, l’industria cinematografica più prolifica del mondo che continua però a essere largamente ignorata nei circuiti europei, portando a Venezia opere e autori inediti. Il programma di quest’anno sarà dedicato ad uno dei più importanti documentaristi sperimentali indiani, Amit Dutta. Dopo essersi diplomato nella storica scuola di cinema di Pune si è affermato nel 2010 con Nainsukh, film dal quale parte la sua ricerca che mescola sperimentazione e film sull’arte come Saatvin sair (2013) e Gita Govinda (2014). Il programma, curato da Cecilia Cossio, propone tre cortometraggi che ben rappresentano la qualità non narrativa, quasi filosofica, della sua produzione cinematografica: Jangarh: Film One (2008), The Museum of Imagination (2012) e Chitrashala (2015).

Pino Donaggio (Recensiamo Musica)

Altre cinematografie poche esplorate sono sicuramente quelle africane, nonostante la forte crescita di studenti e scuole di cinema negli ultimi anni. Ecco allora New African Cinema, un programma speciale che si propone di iniziare a colmare questa lacuna, presentando tre cortometraggi prodotti in altrettanti paesi: la Nigeria, la Tanzania e il Kenya, opere che spaziano tra tematiche tradizionali e altre più moderne, ma sono tutte accomunate da protagoniste femminili forti e indipendenti. Simile nell’intento è anche il programma East Asia Now, a cura di Stefano Locati, che si prefigge di mappare alcune tra le più interessanti tendenze del cinema dell’Asia Orientale: quattro cortometraggi provenienti da Thailandia, Vietnam, Cambogia e Singapore, cinematografie forse non sviluppate quanto quelle dei paesi vicini, ma ricche di storie da raccontare. Lo Short però non guarda solo in avanti, ma vuole valorizzare anche il passato e lo fa dedicando ogni anno un appuntamento al cinema delle origini, sempre curato da Carlo Montanaro. Quest’anno il programma si ispira al volume da lui recentemente ristampato in un’edizione illustrata, Dall’argento al pixel, e ripercorrerà lo sviluppo artistico-narrativo del cinema in relazione al suo sviluppo tecnologico attraverso una serie di clip inerenti film ambientati a Venezia, dall’inizio del Novecento ai giorni nostri. Altro appuntamento ricorrente è quello con Lo Sguardo Sospeso, la finestra sulla video-arte italiana più recente a cura di Elisabetta Di Sopra che in questa occasione proporrà una selezione di dieci video realizzati tra il 2006 e il 2013, scelti in collaborazione con Silvia Grandi, una delle curatrici dell’Archivio di Videoart Yearbook di cui le opere proposte fanno parte, delineando una forte impronta femminile con autrici come Virginia Mori, Giovanna Ricotta e Rita Casdia, ma che include anche un lavoro dello street artist BLU.

Tre i programmi collegati in vario modo a Venezia: il primo è dedicato agli studenti del Master in Fine Arts in Filmmaking di Ca’ Foscari che nel corso dell’anno accademico ha prodotto una serie molto variegata di lavori, da cortometraggi di fiction ai videoclip musicali, fino ad arrivare agli spot pubblicitari. Per l’occasione sarà presente anche il Direttore della Veneto Film Commission Jacopo Chessa. L’altro progetto è invece legato alla Venice International University che dallo scorso anno ha creato una scuola estiva con lo scopo di combinare teoria e pratica cinematografica, applicandoli alla rappresentazione di Venezia attraverso un approccio multidisciplinare. Saranno perciò presentati i cortometraggi realizzati dagli studenti di Films in Venice and Filming Venice a coronamento del loro percorso di studi. Torna poi l’appuntamento con il Video Concorso Pasinetti, storica rassegna veneziana giunta alla sedicesima edizione sotto la direzione di Michela Nardin e curata da Daniela Manzolli, da sempre attenta alle dinamiche del territorio veneziano e alla promozione del cinema in laguna e che sarà omaggiata con una selezione delle migliori opere della passata edizione.  

Ritornano infine entrambi i concorsi collaterali attivati negli ultimi anni, con la quarta edizione del Music Video Competition, riservato a video musicali realizzati da studenti di università o scuole di cinema italiane e internazionali: nove i finalisti, provenienti da Polonia, Regno Unito, India, Stati Uniti, Canada, Romania, Germania, Brasile e infine l’Italia, rappresentata da La casa dell’Orco di Roberto Pisapia. Il Premio Olga Brunner Levi, organizzato in collaborazione con la Fondazione Ugo e Olga Levi, giunto alla settima edizione, è dedicato al tema della donna nella musica, e vi partecipano gli studenti liceali di tutto il mondo: otto i finalisti, provenienti da altrettanto paesi. Ad eleggere il vincitore ci sarà una giuria tecnica composta da Roberto Calabretto, Cosetta Saba e Marco Fedalto. Si rinnova anche l’appuntamento con lo Short Meeting Point, momento di confronto, aperto al pubblico, tra i nuovi iscritti del Master in Fine Arts in Filmmaking ed i registi del Concorso Internazionale. Lo spettacolo della serata finale, dedicato all’intersezione tra cinema e arti, sarà affidato quest’anno al video-artista e animatore Igor Imhoff che, nel centenario della nascita di Federico Fellini, attraverso tecniche di video mapping e ologrammi, farà sì che le attrici virtuali dei film del Maestro riminese  possano interagire con l’attore Marco Tonino nei panni di Mastroianni. (Fonte: cartella stampa)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.