Un giorno di pioggia a New York

College di Yadley, Pennsylvania, oggi. Gatsby Wells (Timothée Chalamet), giovane rampollo di una famiglia newyorkese upper class, frequenta il corso di materie umanistiche, senza molta convinzione, assecondando la volontà della madre, figura dominante alla quale intende opporsi in virtù dell’esternazione di modalità esistenziali rivolte ad una esibita indipendenza, intellettuale in primo luogo, che lo pongono fuori dal mondo, o quanto meno distante dalla sua deriva attuale, ovvero seguire pedissequamente tendenze che si vorrebbe far intendere quali apportatrici di cultura in nome di un appiattimento omologante. Il nostro invece si presenta, già dal modo di vestire, come una pecora bianca in un gregge di pecore nere, similmente ad “un ritratto rinascimentale in un museo d’arte moderna” (Amabile Giusti, La donna perfetta, Mondadori, 2015), adora Gershwin, le commedie hollywoodiane d’antan, per non parlare, inguaribile romantico, delle giornate piovose. La sua ragazza, Ashleig Enright (Elle Fanning), anch’essa di famiglia benestante, ma originaria di Tucson, Arizona, appare invece certamente più solare, estroversa e determinata; ė già avviata verso la carriera di giornalista ed  ha ricevuto incarico dal giornale del college d’intervistare il regista Roland Polland (Liev Schreiber), suo mito cinematografico, che al momento si trova a New York, all’hotel Soho. I due giovani decidono quindi di partire insieme, per Gatsby sarà l’occasione di far conoscere ad Ashleig l’idolatrata città in cui ė nato e cresciuto, visitando luoghi e locali caratteristici, quelli che per lui sono tali, ma non tutto andrà per il verso giusto: il cineasta si rivelerà alquanto insicuro della propria arte, non si sa quanto sia una posa o la realtà, trovando comunque stimolante l’entusiasmo esternato verso il suo ultimo lavoro da Ashleig, la quale conoscerà anche lo sceneggiatore Ted Davidoff (Jude Law) e l’attore Francisco Vega (Diego Luna), alle cui avances non ė certo immune; intanto Gatsby dopo una visita al fratello Hunter (Will Rogers), prossimo alle nozze, ha incontrato sul set di un film Shannon (Selena Gomez), sorella minore della sua ex Amy e  trascorrerà con lei buona parte della giornata, mentre in serata dovrà giocoforza partecipare ad un party organizzato dalla madre (Cherry Jones) da cui voleva mantenersi distante, avendo incontrato gli zii al Metropolitan Museum of Art. Proprio la genitrice gli rivelerà una particolare e toccante verità…

Timothée Chalamet ed Elle Fanning

Scritto e diretto da Woody Allen, Un giorno di pioggia a New York è una umana commedia che si palesa alla visione come sospesa nel tempo, orbitante in un universo parallelo, in linea con quello in cui vive Gatsby, giovane alter ego del regista, del quale riflette senza filtro alcuno, oltre movenze ed atteggiamenti, quel disadattamento esistenziale che gli è proprio nel sentirsi alieno in Terra; l’iter narrativo riecheggia coscientemente le commedie della “vecchia Hollywood”(volendo cimentarsi nel gioco, forse un po’ sterile, dei rimandi si potrebbero citare autori quali, fra gli altri, Cukor, Lubitsch, Minnelli) e, assecondato dalle più che valide interpretazioni attoriali (personalmente mi hanno convinto soprattutto Selena Gomez nei panni di Shannon, tutta cinismo pratico e sarcasmo, insieme a Cherry Jones, che offre al personaggio della madre di Gatsby un dolente disincanto) mette in scena una serrata partita a tennis fra diverse personalità, ognuna apparentemente ben definita ma all’atto pratico incline a lasciarsi soggiogare dalla teatralità suggestiva propria della Grande Mela, metropoli che con la sua malia appare propensa a prendere in mano la situazione,  facendo sì che ciascuno esterni il proprio reale modo d’essere, al di là di quel che si appare o del come si vorrebbe essere  considerati: Gatsby non ha fatto altro che costruirsi un personaggio sulle fondamenta dei suoi malumori e delle proprie idiosincrasie, snodando in tal guisa il capestro familiare, rendendo inoltre il denaro da ostentazione di agio a mero oggetto di trastullo, come testimonia il vezzo, dal retaggio romantico, lontano dalla ludopatia, di incallito pokerista, mentre Ashleigh rivelerà un atteggiamento spersonalizzante, incline ad adagiarsi, consapevolmente, sulle opinioni e scelte altrui, assecondandole quanto più possibile in nome del proprio tornaconto.

Chalamet e Selena Gomez

Andando oltre i personaggi principali, ecco Pollard, Davidoff e Vega crogiolarsi nel reiterato copione, inteso a portare acqua al proprio mulino nella conclamazione di un ego ipertrofico, rispettivamente quello di artista insicuro, sceneggiatore ombra deluso dalla vita, attore dal proficuo cliché, quest’ultimo da portare avanti finché dura, mentre Shannon, all’ombra di una certa disillusione, sembra aver inteso come l’ironia, anche rivolta verso sé stessi, possa costituire idonea scialuppa di salvataggio;  la madre di Gatsby, pur dietro il velo dell’opulenta facciata da alta società, forse ė l’unica a non avere timore nel rivelarsi così com’ė, esternando al figlio un monologo rivelatore da brividi, tale da far sì che si manifesti un’inattesa vicinanza fra i due, spingendo il giovane a porre in discussione le sue presunte sicurezze. Di indubbio pregio il lavoro sulla fotografia reso da Vittorio Storaro, che non solo avvolge New uYork, ripresa nei suoi luoghi meno da cartolina, in un’ambrata luce autunnale, ma ricorre anche a differenti modalità di illuminazione e ripresa relativamente a Gatsby ed Ashleigh, così da rimarcare, rispettivamente, l’introverso immobilismo e lo spontaneo adagiarsi agli eventi. Un giorno di pioggia a New York, andando a concludere, ė un’opera in cui ha ancora il suo peso l’attento lavoro di scrittura, con ottimi dialoghi (anche se ho qualche dubbio riguardo il doppiaggio italiano), con conseguente comicità scaturente dalle battute più che dalle situazioni, dove nella narrazione assumono rilevanza anche gli elementi della casualità e del fattore temporale, considerando che le varie vicende si susseguono nell’arco di una giornata, fino alla sequenza finale, all’ombra dell’orologio musicale Delacorte allo zoo di Central Park, i cui battiti scandiranno l’inizio di un’inedita storia d’amore…New York ha fatto la sua parte, d’ora in poi sarà la vita con le sue alterne vicende a rendere testimonianza all’idillio testė sorto, intanto…Si conobbero. Lui conobbe lei e se stesso, perché in verità non s’ era mai saputo. E lei conobbe lui e se stessa, perché, pur essendosi saputa sempre, mai s’era potuta riconoscere così (da Il barone rampante, Italo Calvino). 

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.