68mo Festival del Film Locarno: Pardo d’Onore a Marco Bellocchio

Marco Bellocchio (The Guardian.com)
Marco Bellocchio (The Guardian.com)

Il regista Marco Bellocchio riceverà il Pardo d’onore Swisscom nel corso del Festival del Film Locarno (68ma edizione, 5-15 agosto), omaggio ad una carriera ricchissima e suggello del legame profondo che intercorre tra la kermesse e Bellocchio, iniziato nel 1965 con la proiezione nel parco del Grand Hotel de I pugni in tasca, suo lungometraggio d’esordio. L’anarchia folgorante dell’opera colpì pubblico, critica e giuria, che gli conferì la Vela d’argento. Un successo che lo impose prepotentemente all’attenzione in Italia e a livello mondiale. Nel corso degli anni Bellocchio è stato più volte nuovamente protagonista a Locarno: nel concorso del 1976 con Marcia trionfale, nel 1997, anno in cui fu presidente di giuria e partecipò al progetto collettivo Locarno demi-siècle; réflexions sur l’avenir, e nel 1998, quando il Festival gli dedicò una grande retrospettiva.

(Cineteca di Bologna)
(Cineteca di Bologna)

L’omaggio che il Festival di Locarno dedica a Bellocchio sarà accompagnato dalla proiezione di una selezione di suoi film. I pugni in tasca sarà proiettato in Piazza Grande venerdì 14 agosto.
Il restauro del film è stato prodotto da Kavac Film, realizzato da Cineteca di Bologna presso i laboratori de L’immagine ritrovata, sostenuto da Giorgio Armani e verrà distribuito a livello mondiale da The Match Factory.
Il pubblico avrà inoltre la possibilità di dialogare con il regista e cogliere i segreti della sua arte, in una masterclass in programma allo Spazio Cinema.
Il Pardo d’onore, sostenuto da Swisscom per il settimo anno consecutivo, è il riconoscimento del Festival del film Locarno a grandi registi del cinema contemporaneo. In passato è stato assegnato a maestri del calibro di Samuel Fuller, Jean-Luc Godard, Ken Loach, Sidney Pollack, William Friedkin, JIA Zhang-ke, Alain Tanner, Werner Herzog e, nel 2014, Agnès Varda.

hCarlo Chatrian, Direttore artistico del Festival, ha dichiarato: “I pugni in tasca resta tra quei film che hanno fatto la storia di Locarno come luogo di scoperta e di lancio di opere che, senza paura di essere fraintesi, possono essere definite scomode. Ripresentarlo in una versione restaurata è insieme un doveroso omaggio all’atto d’inizio di un grande cineasta e l’indicazione di una linea di programmazione fedele ai suoi principi. La scelta di conferire il Pardo d’onore a Marco Bellocchio nasce inoltre dalla consapevolezza che il suo fare cinema – soprattutto in anni recenti – abbia molto da raccontare a chi vive in Italia ma anche a chi fa cinema nel resto del mondo.”


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.